LE MAMME SONO ANCHE BLOGGER (ironicamente)

Ieri mattina ho letto il post di Simonetta di La solita mamma sulle mamme blogger e, a parte l’ironia e al tempo stesso la profondità con cui parla di ogni argomento, mi ha fatto riflettere un po’.
Tra l’altro era domenica ed un po’ di tempo per farlo, c’era.
Non ho commentato ,ma mentre spingevo il carrello del supermercato con Cestino dentro, a reclamare uva, cioccolato, pane, gelato, prosciutto, succo di frutta, ovino, mi sono psicanalizzata un po’, che a me piace sempre fare di questi giri mentali
Perché scrivo su un blog?



Non credo ci sia un motivo specifico, lo faccio per me (bugia!), ok lo faccio anche per me (così va meglio), senza fini particolari, se non quello di mettere per iscritto ciò che mi succede ogni giorno, le avventure (se di avventure si può parlare), le crisi, le gioie, le ansie, i ricordi, uno spazio virtuale, (altrimenti avrei fogli e fogli d’appunti sparsi per tutta casa), dove cerco di raccogliere e riordinare i tanti pezzettini che compongono Mamma Piky.
Ha ragione Simonetta quando dice che le cose che raccontano le mamme blogger sono sempre le stesse, ma questo è un bene. Sono consigli che girano a vortice, che sono serviti alle mamme di prima, servono alle mamme di adesso, e serviranno alle mamme di domani. E’ un enciclopedia in continua evoluzione. E’ la base, affiancata a mille sfaccettature e a mille modi diversi di viverla. E’ fonte inesauribile di sapere.

Problema spannolinamento? Fatti un giro tra i blog, e raccogli ciò che ti può servire, non è detta che tu risolva il problema ma almeno ti sentirai meno sola e ti farai anche quattro risate.
Si perché le mamme blogger sono tutte uno spasso, sanno vedere il lato comico anche in una notte passata in bianco a cantare filastrocche e ninna nanne. E poi c’è sempre il discorso “mal comune mezzo gaudio” che, secondo me, vale sempre.

Ma guadagnare con un blog si può?
 Boh, non mi sono posta il problema, ed in linea di massima, non credo. Certo alcune ne hanno fatto una professione, ma non è così semplice e nemmeno tanto scontato. Occorre farsi un mazzo tanto e le mamme già se lo fanno ogni giorno, per far entrare in 24 ore, quello che, normalmente, ne richiede 48, non credo ci sia spazio per molto altro.
Chi c’è riuscita, chi ce l’ha fatta, forse aveva ben altre motivazioni, oltre a quella di raccontare se stessa. Ci sono blog mammeschi professionali che adoro, che leggo con regolarità e dove trovo risposte, che nemmeno dal pediatra riesco ad avere, ma di certo non posso considerarli solo “blog”.
In questo senso penso a Mamma Felice che da mamma è diventa mamma blogger, ma con quanto lavoro? Con quanto sacrificio? Basta farci un giro per rendersene subito conto.
Per non parlare poi, di chi dal blog è passata a scrivere un libro, anche lì serve tanto, non si improvvisa niente. Occorre impegno, dedizione, tempo, tutte cose che ogni mamma ha, ma che vuole (e, a volte, deve) dedicare allo scopo per cui è diventata, per l’appunto, mamma prima e mamma blogger poi.



Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

3 commenti:

  1. ciao!sono entrata per la prima volta nel tuo spazio e devo dire che mi trovo daccordo con te.io ho creato il mio blog perchè ho una famiglia sparpagliata qua e la e quindi per renderli partecipi tutti insieme della vita della mia piccola genio del male e ora abbiamo anche qualche "amico virtuale" che ci ha conosciuto frugando nei vari blog, come faccio io del resto!colpisci una ferita aperta parlando del "problema" spannolinamento col quale sto combattendo una battaglia ad armi assolutamente non pari, e guardare un altro blog e sapere che altri genitori sono nella mia stessa situazione mi fa sentire un pò meno una mamma che parla con un muro!e poi le storie dei bimbi è vero che sono tutte più o meno uguali,ma quel più o meno le rende uniche. se vuoi ti aspetto da noi.

    francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi scrivere per l'anima è un pò come andare in palestra per i muscoli....
      che nome carino "Noi e il Capo"...rende l'idea. Vengo a curiosare un pò e grazie di essere passata da me.
      :-))

      Elimina
  2. Quanta verità in questo post!
    Perché scrivi un blog? Me l'hanno chiesto le mie amiche.
    Alla fine scrivo un blog per me stessa, per fermare il tempo su una riflessione o un momento significativo.
    Ma mentre scrivo non scrivo solo per me. Mi accorgo di scrivere per quelle mamme spaesate che a volte non sanno di avere un tesoro dentro di loro e si sentono insicure.
    Un blog di mamme aiuta le altre mamme a ritrovare fiducia in sè stesse, a sentire che non sono sole, ma che essere mamme è un mestiere semplice e complesso e che tutte ci poniamo gli stessi dubbi!
    Grazie Mamma Piky per la spontaneità con cui fai sentire meno sole e più normali le mamme! 😘

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso