PASSAPORTO PER IL MARE


L’ultima settimana prima delle bramate ferie è di solito la più lunga dell’anno e senza ombra di dubbio la più incasinata,  anzi no, l'ultima settimana di lavoro prima del meritato stop è un’apocalisse.
E’ sempre stato così, ed ogni anno che passa non va meglio. Ogni volta mi dico che non succederà più, che d’ora in avanti mi organizzerò per tempo, che non lascerò tutto all’ultimo minuto ma poi, arriva Agosto, e ci ricasco. E così mi trovo nel bel mezzo di una bufera, con la scrivania sommersa di fogli A4, che non riesco nemmeno a leggere  e con la testa in modalità risparmio energetico mentre, tutto intorno corre all’impazzata.

Penso che non ce la  farò mai e che anche quest’anno, mi ritroverò in riva al mare, con il secchiello in una mano e il cellulare nell’altra, nel vano tentativo di risolvere quello che non sarò riuscita a finire per tempo. In questi giorni poi il fattore difficoltà si è alzato a livello d’allerta, perché l’asilo di Cestino è chiuso e l’Ipernonna, tra il lavoro e Figlia n° 3, in procinto di sfornare l’ultima pagnotta, (mi perdonerà la metafora…spero), non è sempre in grado di darci una mano. Ho passato in rassegna tutti i parenti fino alla decima generazione ed ho provato a cercare una tata per questi pochi giorni, ma sembra che nessuna voglia un lavoro precario, e così non mi è rimasto altro che dedicarmi al FAI DA TE.  
Ieri, dopo l’ennesimo tentativo, di trovare una collocazione adeguata per Cestino (non me ne vorrà anche lui per la metafora…spero), e, chiaramente, dopo non esserci riuscita, ho preso l'epocale decisione di portarlo con me in ufficio.
Mentre salivo in macchina,  mi complimentavo  da sola.
"Sono una mamma moderna io! Lavoro e concilio, concilio e lavoro, ce la faccio, gli darò dei colori, qualcuno dei fogli A4 che tanto non riuscirò a leggere, qualche timbro e lui starà buono. Io finirò la mia relazione, chiuderò qualche pratica, controllerò tutta la posta, mail comprese e poi, prima ancora del normale orario, sarò fuori, passeremo dal panettiere, dal salumiere, dall’ortolano ed arriveremo a casa prima del Principe  che troverà la tavola apparecchiata e la cena pronta.”
State ridendo di me? 
Dunque: la relazione non l’ho nemmeno incominciata, le pratiche da sistemare non so nemmeno dove siano e c’è una grossa probabilità che due di loro si siano suicidate nella trita-documenti, la posta è ancora tutta sul tavolo e le mail da leggere sono paurosamente aumentate. In compenso ho i colori sparsi per tutto il pavimento, ne ho appena trovato uno in bagno, il dispenser dell’acqua è vuoto e al posto del pavimento c’è il Mare dei Caraibi, i timbri si sono rifugiati sotto un mobile per  paura di una cosa bassa piena di capelli che li voleva scaraventare fuori dalla finestra in più, per finire, gli impiegati dello studio vicino, questa mattina mi hanno salutato così:
“Ciaooooooo (troppe o ) come sta il tuo bambino? Carino  è?”
alias
”Non vorrei salutarti ma per le regole del buon vicinato mi tocca e speriamo che il pirata che ieri ha fatto tutto quel casino e che ha cantato a squarciagola la canzone dei sette nani per tutto il pomeriggio, sia a casa, dalla nonna, in collegio, dove vuoi ma non qui, altrimenti ci paghi un'analista bravo”……..e tanti cari saluti alla mamma moderna che lavora e concilia, concilia e lavora. 
Ah dimenticavo: sono uscita alle otto passate, il panettiere aveva finito il pane, il salumiere era chiuso e se, non ci pensava il Principe, sarei andata a letto senza cena…ma credo che questo sia il mio PASSAPORTO PER IL MARE.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

8 commenti:

  1. Solidarietà: hai tutta la mia solidarietà... ho già detto al maritozzo che lunedi io lavoro, da casa ma lavoro di sicuro....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso farti un IN BOCCA AL LUPO????!!!! ;-)))

      Elimina
  2. povera!! ti capisco.. non c'è niente da fare... anche io quando tento di fare qualcosa con il nano ho capito ch devo programmare pochissime cose che poi per una coincidenza astrale sono destinate a dimezzarsi... se va bene! anche io colori ovunque, pitture murali di vario genere, oggetti che si sono rifugiati nei meandri più nascosti di casa e che so che non troverò mai più!! non importa.. adesso sei in vacanza, al mare e ti auguro di staccare la mente e di goderti il meritato riposo!!! buone vacanze!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il mare ci vuole ancora qualche giorno, purtroppo, la settimana più infernale dell'anno è ancora a metà!!! :-))

      Elimina
  3. Ah, ah, almeno ci hai messo la buona volontà. Tranquilla per il mare, come dicevo sarà stancante, ma come lo è già, ma infinitamente bello. Vedere la loro gioia non ha prezzo, ogni fatica scomapre davanti alle loro risa ntra le onde. Divertiti e goditi il nano canterino.
    Un abbraccio.
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sue canzoni sono diventate una compagnia irrinunciabile e le canticchio anche quando sono sola :-)

      Elimina
  4. Complimenti, le vere mamme secondo me sono proprio così!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è solo che a volte è così difficile riuscire a star dietro a tutto. In certi momenti mi viene da dire "mollo tutto e faccio la mamma a tempo pieno", poi (crisi a parte), mi ripeto che il bello sta anche in questo!!!

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso