L'ORRIBILE KARMA DELLA FORMICA

E’ tanto che non partecipo al Venerdì del libro, ma vivendo un periodo di forti cambiamenti, la lettura, bugiardini degli antibiotici a parte, l’ho un po’ accantonata. Oltre a ciò, pur scorrazzando in libreria, almeno un quarto d’ora a settimana, non avevo trovato niente che risvegliasse la mia curiosità, nessun titolo a balzarmi nella mente, nessuna recensione sentita a suscitare entusiasmo.
Poi è arrivato il mio compleanno e mi hanno regalato questo.
L’improbabile titolo, lì per li, mi ha lasciato un po’ perplessa ma, poiché il regalo arrivava da dei lettori "esperti" per cui nutro profonda stima, e che qualche notizia qua e là, l’avevo carpita, mi sono buttata.
Era un sabato mattina, attendevo nella sala d’attesa di un laboratorio prelievi, il tascabile giaceva in borsa, e la fila di persone davanti a me (degna di tale nome), mi ha spinto ad aprirlo. Il display dei numeri scorreva veloce, troppo veloce, per me che ero oramai stata rapita.
Rapita da una storia che, pur sembrando surreale, è in realtà una grande storia d’amore e di coraggio. Amore verso la propria famiglia, verso la propria figlia e coraggio ad affrontare gli eventi della vita (in questo caso anche della morte) per rimettersi in discussione per cambiare e migliorare.

Di cosa parla il libro? Parla di lei, una madre, una madre in carriera, una madre assente, una compagna stanca e un’amante vogliosa che, per colpa di un satellite (strano eh?, ma se lo leggete, capirete), improvvisamente perde tutto e quel tutto vuole riconquistare, perché solo con la perdita,  ne ha capito il valore. E’ una madre che esprime tenerezza nel  disperato tentativo di salvare la sua vita, che commuove quando parla dell’amore nei confronti della figlia e si dispera per non aver saputo proteggere la sua famiglia. E’ una madre come siamo tutte noi, capaci dell’impossibile.

Bene, credo che con questa recensione si è capito ben poco ma in fondo è giusto così…non si può raccontare un libro che si consiglia di leggere.
Con questo post partecipo al Venerdì del libro di Homemademamma
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

8 commenti:

  1. mi hai incuriosito... il titolo poi è fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è' un libro molto bello. Che fa riflettere tanto.

      Elimina
  2. Hai incuriosito anche me...
    Solo che ho paura che gli ormoni impazziti mi facciano piangere come una fontana.
    Non finisce male, vero?

    RispondiElimina
  3. Niente, ho visto la recensione su IBS e mi ha decisamente preso. Mi sa che lo ordino...

    RispondiElimina
  4. Finisce bene? Finisce male? .....non saprei dirlo, ma qualche lacrimuccia può scappare....magari non nel finale!!

    RispondiElimina
  5. Titolo segnato, grazie della segnalazione.

    RispondiElimina
  6. Mi hai davvero incuriosita! Sei proprio brava non svelando troppo i segreti dell'argomento. Grazie della segnalizzazione. Un forte abbraccio.

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso