IL MIO VENERDI' ... ED IL VIAGGIO DI MARIS.



La mia casa d'infanzia è vicina alla stazione.
Dalla finestra principale si vede la ferrovia, un binario solo, triste e un po' malconcio a dire la verità, dove un paio di volte il giorno passava il treno. Un regionale che portava i pendolari al lavoro in città e che, per molti anni, ha accompagnato me a scuola.
Nessun sottopassaggio e nessuna passerella, si camminava cosi, semplicemente lungo le rotaie stando attenti a ciottoli disordinati che trovavi sul percorso, e si aspettava sulla banchina, dove il capostazione, con gesti delle mani ti allontanava all’avvicinarsi del treno.
Vederne uno da vicino, da bambini, era una gioia, quel grande mostro grigio, incuteva timore e curiosità al tempo stesso, e con il suo fischio era sempre una festa.

Oggi la stazione invece è per me malinconia e tristezza per un mondo di stupore che non c'è più e per una persona che "a bordo" di quel treno, mi ha lasciato anni fa. Oggi vederne passare uno, fa riaffiorare antichi ricordi, non sempre facili da sopportare e comunque difficili da analizzare.

Il destino è strano, sa farti strani scherzi ed è curioso che, proprio oggi, mi abbia portato a scrivere, questo post. Esattamente 10 anni dopo quella perdita.

"Il viaggio" di Maris  non lo è.
E’ una conquista, una serie di ricordi che portano indietro nel tempo chi li ripercorre, un nastro che si riavvolge e in questi si perde. Maris racconta cosi il ritorno di Nadia, alla sua terra, alla sua casa e a un'amica che l’aspetta. Mentre il treno va, da dietro i finestrini, il panorama scorre e con lui arriva il primo ricordo, il secondo, il terzo e cosi via fino alla fine del viaggio, per lei carico di speranza.
Il viaggio di Maris, di Nadia, il mio, il suo e di tutti coloro che hanno qualcosa cui tornare.

Ciao papà, buon viaggio e salutami le stelle.

Maris molte di voi la conoscono per le sue avventure di mamma e per il suo blog Cara Lilli, ora possiamo scoprire di lei, qualcosa in più, basta un clic sul link di Amazon che trovate nella colonna di sinistra.
 
Con questo post partecipo al Venerdì del Libro di Homemademamma
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

17 commenti:

  1. Grazieeeeeee :-)))
    Sono felice che ti sia piaciuto il mio racconto, desideravo trasmettere delle emozioni a chi lo avrebbe letto e mi fa sentire bene sapere di esserci riuscita con te (e spero anche con altri lettori!).
    L'anniversario della partenza del tuo papà per il suo "viaggio" cade proprio oggi, è una coincidenza che forse non capita a caso (lo so, è una piccola contraddizione in termini!!) e ti voglio dire che ti sono vicina e ti comprendo benissimo anche se il mio di papà manca da meno anni del tuo.
    Un bacione, grazie ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piky, scusa...se hai cinque minuti tra un capriccetto, una ninnananna e una poppata, riesci a scrivermi due righe di recensione su Amazon?
      Se si, grazie in anticipo, ma se non hai modo non fartene un cruccio, non è indispensabile :-) hai già fatto tantissimo per me!
      Buonanotte carissima!

      Elimina
    2. Ma certo carissima, me l'ero ripromesso e poi mi e' sfuggito. Sarà un piacere farla!!!

      Elimina
    3. Ho appena visto la tua recensione: ti ringrazio tantissimo!
      :-)

      Elimina
  2. Che bello, complimenti a Maris, sono curiosa di leggerti, ti seguo sempre, ma ultimamente ero latitante in rete e scopro grazie a Maria Elena questa bellissima novità!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scarichi e lo leggi tutto d'un fiato!!!

      Elimina
  3. E sì, siamo proprio in sintonia!
    10 anni o 10 minuti, la perdita di una persona così cara è sempre dolorosa..un abbraccio grande!

    RispondiElimina
  4. Si esattamente così Piky anche a me mi ha riportato indietro nei miei ricordi, nei miei viaggi, nei miei sogni. E' molto introspettivo, scorrevole. Brava Maris ma già te l'ho detto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che ci sia molto di se stessa nel racconto e forse per questo e' ancor più bello. Brava Maris

      Elimina
  5. Che bello!!!
    Io nn ho l'ebook, ma ho letto che scaricando un programma su pc lo posso leggere anch'io...devo solo capire come fare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un'amante del libro di carta e si, sono un po' vecchio stampo, però sto rivalutando sempre più l'ebook e sto cedendo al suo richiamo. Per ora scarico sull'Ipad ma e' troppo pesante per essere portato in borsa, così credo che a breve ne comprerò uno, ce ne sono a prezzi molto abbordabili.

      Elimina
  6. Brava Maris :)
    un abbraccio Pikyna, forte forte
    darling

    RispondiElimina
  7. Complimenti a Maris! E a te cara Maria Elena per questo post in cui ci parli dal cuore. Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scritto tutto d'un fiato...mi succede sempre così quando i ricordi, malinconici e non, prendono il sopravvento.

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso