NON SONO PIU' FIGLIO UNICO: AGGIORNAMENTI DAL FRONTE



Ci avviciniamo alla fine del secondo mese ormai, l'estate è esplosa, l'altra sera c'è stata perfino la grande luna e a casa Piky si attende con impazienza l'arrivo di Nostra Signora "Routine" che, accasandosi a breve (si spera), dovrebbe porre fine a molte delle questioni che per adesso qui abitano. Una sorta di scialuppa di salvataggio su cui voglio assolutamente salire per allontanarmi dal mare aperto dove, io abbracciata a una boa, ora sto solamente galleggiando. Tralasciando il fatto che Cicina mangia quando e quanto le pare, dorme quando e quanto le pare, piange quando e quanto le pare, sembrando un'adolescente per cui la vita è mia e me la gestisco io, problemi di difficile gestione arrivano anche dal fronte "non son più figlio unico", ovvero Cestino, il padrone di casa, il re, l'imperatore, il despota, il tiranno (carina mente eh?!?!?).

La battaglia inizia con il canto del gallo e finisce con quello del gufo, in piena crisi da "stress" alterna momenti di caloroso affetto, ovvero mi attacco al tuo collo e non ti mollo più, ad altri fatti di sguardi accigliati e improvvisi "scleri" , ad altri ancora di somatizzanti doloretti fisici "Mamma mi fa male l'occhino", "Mamma mi fa male il nasino", "Mamma mi fa male in pancino", che poi tutti questi "ino" lui non li ha mai usati. In certi aspetti sembra voler regredire, in altri maturare, "Mamma cantami la ninna nanna ma no per dormire eh?", vai a spiegarlo che c'è una contraddizione di fondo e che se lui non vuol fare il sonnellino pomeridiano, è crudeltà, farmi girare in tondo il salone di casa cantando "Stella stellina". In più siamo in pieno uragano capricci, di quelli che mettono a dura prova, anche se sei fresca e riposata, che spostano la soglia di pazienza ogni giorno un po' più in la e di quelli di cui non capisci il perché tanto son privi di un filo logico.
Ok amore hai sognato un elefante nel bagno ma,a parte quel peluche che sta in camera tua, quello vero non lo puoi proprio accarezzare perché, sebbene mi stia attrezzando, a tanto ancora non ci arrivo!
Situazione complessa.
Per tre anni è stato al centro della nostra vita e delle nostre attenzioni, ha avuto da noi l'anima e il corpo, ha carpito l'essenza di Mamma Piky e del Principe ed ha preso per se tutti i momenti. Ora deve condividere e spartire e di sicuro mal lo digerisce. Mi si consiglia di coccolarlo di più, di prestargli cure oltre limiti accettabili, di responsabilizzarlo e di coinvolgerlo ma a lui di cambiare un pannolino o fare da assistente per un bagnetto poco importa e inutile mostrargli la sua grande età: lui ha solo tre anni. Forse la risposta a questo marasma sta nella naturalezza delle cose e nel trascorrere del tempo che farà diventare normale quello che ora non lo è, rendendo ammissibile una cameretta divisa in due e pure il numero di coccole in leggera flessione.
Le famiglie numerose di un tempo, in fondo, su questo fanno scuola, di figli allora se ne facevano, 4,5,6, mia nonna conta addirittura 7 fratelli e di certo non c'era tempo per tutti. Forse in quegli anni addirittura non c'era tempo per nessuno e forse era proprio questo il segreto, minimizzare (che non c'entra niente con sminuire), ridimensionare e a volte lasciar correre, essere osservatori di un qualcosa che se noi non sappiamo gestire, loro di sicuro sì, accompagnarli in un cammino tenendo il loro passo, non forzare, non spingere e soprattutto attendere... prima o poi la scialuppa arriverà.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

53 commenti:

  1. in bocca al lupo! La gestione dei terrible two combinata con nuova arrivata scassa ruote nel paniere (punto di vista del cestino) non deve essere proprio proprio uno scherzo. già sopravvivere mi pare un risultato non male: brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma noi siamo già hai three e non si vede la fine, il mix con il nuovo arrivo poi e' stato esplosivo!!!

      Elimina
  2. DI sei risposta da sola, credo, anche se non ho esperienza diretta, se non come sorella di mezzo che ha diovuto accettare un fratellino..il tempo sistema tutto...anche se non è facile attendere nella tua situazione!
    Un abbraccio e...un salvagente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto provando ad essere parte attiva per cambiare le cose ma mi sento con le mani legate ed il tempo così passa molto lentamente.

      Elimina
  3. Dolce Piky con l'arrivo di cicina bisogna riequilibrare il tutto e se con cestino eravate in due a doverlo fare con cicina siete in tre e i bisogni di cestino ora sono amplificati. sorvola dove puoi sorvolare. Hai detto bene prima si facevano meno problemi di noi eppure tutto andava bene. Tranquilla sulla scialuppa salirete in quattro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Antonella, ci sei di sicuro passata prima di me ed il tuo ottimismo e' ciò che serve in un periodo di navigazione in mare aperto.

      Elimina
  4. Pazienza, Piky. Ci vuole taaaanta pazienza. E' da comprendere il piccolo Cestino, ha a che fare con un bel cambiamento per lui, eh! Ma verrà il momento che metabolizzerà il tutto e andrà molto meglio, vedrai!
    E' dure nei primi mesi, lo so. O meglio, lo immagino, perchp la monella non ha avuto particolari accenni di gelosia nei confronti del monellino, anzi....è lui ora che è più cresciutello ad essere geloso di lei quando vede che me l'abbraccio o me la sbaciucchio: arriva di crsa e la scansa con la mano per mettersi subito lui in braccio a me!!!
    Dai, la scialuppa è già in viaggio: devi solo atendere un pochino ;-)
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei saper aiutare di più mio figlio a superare il momento, vorrei trasmettergli il bene che provo e che aumenta con il passare del tempo, pur diminuendo il tempo che gli dedico, ma lui spesso preferisce allontanarmi e poi pianta assurdi capricci.

      Elimina
  5. Oh piccola Pikyna...non deve essere facile...altro che scialuppa, ti meriteresti una crociera 5 stelle...tieni duro, che ce la fai :)
    darling

    RispondiElimina
  6. Io di figli ne ho 4 e ascolto i consigli della nonna: minimizzo! ;)
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con 4 figli per me sei semplicemente un eroe!!!!

      Elimina
  7. credo che tu abbia analizzato benissimo come al solito. Minimizzare ....e tempo! un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci proverò....anche perché tutte le altre strade sembrano non funzionare.

      Elimina
  8. Anche secondo me hai già detto tutto tu. Tanta pazienza e il tempo sistema le cose, anche se adesso sembra un traguardo lontano. Forza e coraggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che un traguardo sembra un miraggio eppure so che il tempo passa veloce e queste, spero e per fortuna, rimarranno solo paranoie!!!

      Elimina
  9. Ciao, ricambio con vero piacere la tua visita e ti faccio i miei più sinceri auguri, io ho un bimbo di tre anni e mezzo, e non so come reagirebbe per l'arrivo di un fratellino o sorellina, è geloso anche di suo padre:-) Ti seguo naturalmente, un abbraccio:-)
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! E' stato un piacere scoprirti ed il tuo blog e' di sicuro molto originale!!!

      Elimina
  10. Ammiro la tua lucidità, capacità di "analisi" e naturalezza con cui vivi la nuova situazione...spero di essere così anch'io quando arriverà Tommaso...Emma a 22 mesi e'ancora un tutt'uno con me, seppur nella sua costante ricerca di indipendenza...ho paura di come reagirà anche se spero mi stupisca come sempre...un abbraccio solidale! Melie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vivo tutto con altura lezzo anzi faccio una gran fatica a gestire questa situazione. Mi ero preparata molto a livello teorico poi però si sa, la pratica e' un'altra cosa ed io sto sperimentando altre vie.

      Elimina
  11. minimizza, lascia andare e sclera ogni tanto pure tu che così ti sfoghi... tanto alla fine non solo si rassegnano, ma quando capiscono che hanno un alleato che li adora e fa tutto quello che dicono loro (solitamente al raggiugimento della posizione verticale di Cicina), lo useranno contro di te!
    Un abbraccio sempre solidale, paradossalmente ricordo di esere stata malissimo in quel periodo, eppure ora che Chicco parla mi sorprendo a rimpiangere quando era piccolo piccolo... come siamo complicate pure noi madri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sclero sclero...come no, anche più di lui a volte e' che capisco il momento duro che sta attraversando, cerco di venirgli incontro e minimizzare i capricci, ma fargliele passare tutte no. Quello che non andava prima non va bene nemmeno ora e contrariamente a quello che molti mi dicono, non credo sia in bene nemmeno per lui accontentarlo in tutto e per tutto. Grazie del l'abbraccio mi ci aggrappo forte.

      Elimina
  12. Non vorrei scoraggiarti però mio figlio, che ne compierà 15 il mese prossimo, è ancora geloso delle sorelle :( È un lungo percorso! Speriamo arrivare a buon porto! Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse una latente gelosia nei fratelli e sorelle, e' fisiologica, ma qui ora c'è "la guerra" ed e' scoppiata anche piuttosto all'improvviso da non permettermi arme appropriate....ma mi sto attrezzando!!! :-))))))

      Elimina
  13. non so perche' ma ho come l impressione che i maschietti siano piu' gelosi delle femminnucce all arrivo di un nuovo arrivato...
    mi devo mettere paura??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dici l'ho riscontrato nel quotidiano. Credo che per una femmina la minor gelosia, sia dovuta anche al l'istinto di cura e protezione, che sia ha verso un bimbo così piccolo, i maschietti invece ( e forse) tendono ad essere più possessivi, a "marchiare" il territorio ed a prendercela con chi lo invade. ...no, non spaventarti ma stai vigile!! ;-)))

      Elimina
  14. Io mi sto proprio chiedendo in questi giorni se faccio bene ad aspettare che il mio bimbo sia più grande per fare un altro figlio....mi piacerebbe che parlasse così da potergli spiegare bene la situazione ma non so cosa sia meglio...
    Visto che devo mettere a posto delle cose, intanto ci penso un pò!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leo parla eccome se parla e nonostante io spieghi cosa sta succedendo e quel che lui sta vivendo, ha sempre la risposta pronta e spesso e' spiazzante. Un bambino di tre anni che oltre che con i fatti, mi mette ko con le parole.

      Elimina
  15. il mio ha due anni, ancora la voglia del secondo non mi è scattata... ma leggendo mi chiedo se faccio o no bene ad aspettare... tanto il momento perfetto non esisterà mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni età, o meglio ogni differenza di età, avrà i suoi pregi e i suoi difetti. Ma sul fronte gelosia forse e' dura comunque ma da questo non farti scoraggiare.

      Elimina
  16. Sì, quello che dici è giusto...ma so sulla mia pelle che un conto è dirlo, un conto è razionalizzarlo e non venire sopraffatti. Con questo voglio dire che anche se troverai il metodo giusto, la via per coi migliore, sarà comunque dura...bè l'hai letto il mio post di oggi no?
    Fare i genitori di sti tempi è proprio un casino, perchè in fondo in fondo mica siamo tanto capaci di minimizzare, ci hanno insegnato a stare attenti a tutto, a dare peso a tutto, a non darci un momento di respiro, ma non so quanto questo possa fare bene a noi che ci esauriamo e a loro che ci poi ci sorbiscono esaurite...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letto, letto e come ti dicevo mi ritrovo nel tuo stato d'animo. A volte ci sono momenti più tranquilli a volte scoppia di tutto, un po' come la pioggia di questi giorni.,,,,prima o poi però, insieme alla mia scialuppa, arriverà pure l'estate!?!?!?

      Elimina
  17. Come faccio a dire qualcosa di intelligente? Sai cosa sto vivendo in questo momento e sai anche che da qui ci passerò anch'io e Pupa in questo momento e una vera iena! Sempre nel senso carino del termine! Ti abbraccio forte forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei stata la mia compagna di viaggio in tutti questi mesi, abbiamo vissuto più o meno le stesse cose ed abbiamo avuto le stesse paure, succederà ancora e non importa che tu non abbia nulla da dire, la tua solidarietà e' già un grande aiuto. Spero anzi di poter esserti utile anticipandoti di un poco e ad essere sincera, ho scritto questo post pensando anche a te, perché so cosa vivi ora. Forza Laura.

      Elimina
  18. Ma che carino il tuo blog...vedo che ne hai tre...ma credo che questo dove scrivi...sei mamma di due bimbi? I capricci passeranno...:-) ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooooo Jenisha!!! Ti leggo sempre sai, sono una tua follower ed e' un piacere averti a "casa mia". Questo e' il mio blog, negli altri due ho scritto post come coautrice ma non sono miei.
      Ho due bambini, il maschio di tre anni e la femmina di due mesi. Torna a trovarmi!!!!

      Elimina
  19. Mio figlio che era piccolo sia quando è arrivata la prima che quando è arrivata la seconda soerella mi ha fatto capire quant'era arrabbiato (perché è normale che sia così) strappando un libro illustrato in cui c'era una mamma che abbracciava a una bambina.
    Parlaci: digli che lo capisci, che anche tu saresti arrabbiata, che è normale, che è un sentimento giusto e normale. Digli quanto continui a volergli bene. Noi guardavamo (e guardiamo) le foto di quand'era piccolo come le sorelle, per fargli vedere che anche lui è stato piccolino e che ha avuto le stesse attenzioni. Tieni a portata di mano "Che rabbia" Babalibri.
    La rabbia è sempre un sentimento di cui vergognarsi. Però secondo me va raccontata soprattutto ai più piccoli che non riescono ancora ad elaborare le emozioni fortissime che provano. Però io sono la solita logorroica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi parliamo tanto, guardiamo foto e raccontiamo storie...e' dura ma come hai detto tu la rabbia e' un emozione difficile da elaborare ed e' così forte da non saperla gestire. Se solo riuscissi a fargli capire quanto lo "amo"!?!?!?!?!?, forse ancora più di prima!!!!!
      ....il libro e' una bellissima idea, lo conoscevo ma non ce l'ho in casa, vado a prenderlo!!!! Grazie!!!!

      Elimina
  20. Pensa che a Ponyo poco importa che ha un fratellino!e io che pensavo di farle chissà che regalo!non lo calcola molto, solo al parco, quando le bimbe guardano nel passeggino, lei si avvicina e dice: questo è il mio fratellino" e tutte ooohhh che carino..ma poi è subito dimenticato. In casa anche, ma di sicuro devo darle molte più attenzioni perchè se no fa capricci incomprensibili..e pilucco accetta di buon grado..mi fa tenerezza, si mette sul tappeto con la sua palla e aspetta il suo turno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che così e' perfetto: il piccolo si auto gestisce e la grande non è gelosa. Consigli per me????

      Elimina
  21. sono certa di sì. Ce la farete alla grande. Alla grandissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "... Lascerò che il tempo faccia il suo lavoro...." Cantava qualcuno (anche se non ricordo chi) !!!! ;-)))

      Elimina
  22. Per trovare un equilibrio ci vuole più tempo...due mesi son troppo pochi. Può essere che quando Cicina comincerà ad interagire con Cestino tutto cambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....mi parli di mesi o anni?!?! ;-))))))))

      Elimina
  23. Se c'è affinità tra il tuo Cestino e il mio alieno, allora tu potrai fare tanto e poco allo stesso tempo. E' qualcosa che andrà sempre oltre la presenza della sorella, anzi, secondo me è stata la scelta migliore anche per lui. Avrà uno specchio e non sempre gli piacerà quello che vedrà e lì tu sarai fondamentale, facendogli sentire l'amore che va oltre qualsiasi differenza.
    Ma sono certa che - proprio grazie a Cicina - giorno dopo giorno si creerà un filo sottile che segnerà il limite della sua evidente personalità e sarà una meravigliosa palestra per gestire tutte le altre relazioni umane.
    Vorrei aver avuto il tuo coraggio ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so nemmeno io dove l'ho trovato il coraggio ed in realtà c'ho pensato poco, l'ho fatto e basta altrimenti di sicuro mi sarei tirata indietro. Si dice che i figli sono tutti uguali, so che non è così, non so ancora come definirlo e forse farlo non e' ne possibile ne giusto. Mi sento però all'inizio di un percorso che richiede prima di tutto l'acquisizione della consapevolezza che un percorso da fare c'è'. E' solo il primo passo, poi verranno gli altri ma ancora devo metabolizzare questo. E' un discorso un po' contorto ma son certa che hai capito cosa intendo.

      Elimina
  24. Povera come non ti invidio... ;)
    Qui in Germania di figli ne fanno mediamente 3, e sono perfetti, mai sentiti strillare o fare capricci. penso che sia come era un tempo da noi... la differenza la fa lo stile di vita, la società che ti circonda. Per come si vive OGGI da noi, 2 figli piccoli sono davvero pesanti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho un amico che vive li e che ora ha due figli. E' proprio vero c'ho che dici e credo che molto dipenda dalla diversa cultura, tutto e' impostato secondo regole ben precise e non derogabili. Ho assistito ad un'educazione standardizzata che da buoni frutti ma io conosco i miei limiti, e non ne sarei capace e da qui al caos, il passo e' breve! :-((((

      Elimina
  25. lascia tempo al tempo piky..... tutto passa te lo assicuro e no lo dico tento per dire loso........
    vedere la fine quando ci siamo è dura ma arriva.......
    le gelosie creso siano fisiologichee , almeno io le ho interpretate così quelle dei miei figli.......
    minimizzare assolutamente d'accordo......ma anche non farsi tante domande e fare d'istinto..unurlo uno sclero è normale ....
    un grande abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il parere di chi ci è già passato e' un grande aiuto e una bella scialuppa su cui salire, io i ci aggrappo e aspetto...anzi no, nel frattempo, navigo che e' meglio e magari arrivo prima!!!! :-))))

      Elimina
  26. il tempo fará il suo corso. so che ci sono momenti di sclero totale.....ma si assesteranno pure quelli. un abbraccio e so che tu farai sempre del tuo meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....che poi il tempo passa velocissimo....

      Elimina
  27. Non ci sono ancora passata...ma ci passerò in autunno...per ora ti dico coraggio!!! che passerà sicuramente..credo che la stanchezza post parto metta a dura prova la pazienza.. dai che fra pochissimo filerà liscio, ne son sicura!! :)

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso