DAL FONDO E DALLA BASE, RISALENDO


Partiamo dal fondo e anche dalla base.
Il fondo è la chiave che gira nella toppa della serratura a mezzanotte e trenta.
Il fondo siamo noi, spettinati e stanchi che saliamo le scale di casa.
Il fondo è  il trucco che oramai non c'è più e un senso di stordimento che ci accompagnerà fino a domani.
Il fondo è una coppia di amici che sono diventati famiglia e un 7 luglio voluto e meritato.
Il fondo è la consapevolezza che se ognuno di noi, nel corso della vita, ha un numero limitato di bonus c..o, noi li abbiamo finiti oggi.
Il fondo è un Cestino che dorme in braccio al Principe e una Cicina che ha passato una giornata in carrozzina.
Il fondo siamo noi che a breve sconteremo (forse addirittura questa stessa notte), l'uno e l'altro.
Il fondo è la finestra del salone aperta e una musica in lontananza che dice: laggiù da qualche parte
qualcuno sta ancora ballando anche se domani è lunedì.


La base invece è un decolté nero lucido cui non ho avuto il coraggio di misurare il tacco ma dove ho passato il delirio di dodici ore.La base sono piedi che esploderanno, non appena li toglierò da qui.
La base è  un dolore lancinante al polpaccio che sembra aver lavorato su una Calf Machine
La base è uno smalto del colore dell'estate che probabilmente se ne sarà andato.
La base è la famiglia Piky un po' arrugginita ma tornata giovane per un giorno.

Con questo fondo e da questa base, risalendo, ne sono successe così tante che forse sarebbe necessario un post a puntate ma, visto la mente offuscata, meglio optare per una descrizione in punti salienti...
.... "Piky muoviti, siamo in ritardo!!!!"
Parli bene tu, caro Principe, dal basso del tuo mocassino!
Guarda io, dove sono arrampicata e cosa ho in braccio....e comunque alla faccia del ritardo, a nemmeno un'ora dalla cerimonia, sposo e sposa girovagano per casa, ancora in pigiama.
Per guadagnare tempo si richiede una guida lungo la strada, un po' come dire, sportiva, con parcheggi selvaggi, contromano e in divieto di sosta.
La chiesa è posizionata in cima a una pista nera di montagna, per percorrerla servirebbero antiscivolo e skilift e non calzature nuove di zecca, con fondo di cuoio. Ognuno si è attrezzato a suo modo, usando tecniche e teorie diverse, appoggiandosi l'uno con l'altro, facendo catene di solidarietà, togliendosi le scarpe, oppure, su iniziativa dello sposo, cadendo rovinosamente sul marciapiede, trascinando con sé petali di fiori e candele ricordo. Chiesa "comoda" e sacerdote mitico per aver tramutato la Settimana Santa in Settimana Bianca e per aver proposto un rito alternativo che accelerava quando le urla dei bambini aumentavano di volume.

Passata la cerimonia, tutto il resto è stato in discesa, decadimento fisico e psicologico in picchiata, sandali, stiletti, e plateau sostituiti da ciabatte, infradito e piedi nudi, giacche, cravatte e bottoni allacciati, traditi da polo manica corta, bandana e petti nudi. Bottoni che saltano e nodi che si allentano, a qualcuno è sbocciato pure il fiore all'occhiello.
 

Tavoli sapientemente apparecchiati che traboccano di bottiglie, bottigliette, calici e tazzine, piatti che si svuotano e panze che si riempiono. La musica che parte piano, lenta e che poi alza il volume, inizia con un walzer, e finisce con il trenino di carnevale.Il fotografo scatta e non risparmia nessuno, ha raccolto materiale a sufficienza per far scoppiare una guerra e chi può, si cambia addirittura l'abito. Le piccole pochette da cerimonia, dove entra giusto giusto un pacchetto di fazzoletti Tempo, sono sostituite da corda e lazzo per recuperare minori a bordo piscina e, a guardarci da fuori, molte  norme del codice penale sono state violate.

Ma oggi è il 7 luglio, siamo al matrimonio del "secolo" e questa è zona franca, un duty free delle follie e due sposi che a fine serata, sono decisamente un po' alticci, a lei la fede stringe e lui ci sta scomodo, "Mi fa strano chiamarla moglie" e "Ancora io non ci credo".....non vi preoccupate ragazzi è routine, tutto da copione, il difficile sarà far passare la sbronza ma domani a mente fresca, anzi, forse un po' annebbiata, se qualcosa non fosse chiaro, guardatevi l'anulare della mano e forse  vi tornerà in mente!

Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

40 commenti:

  1. beh.. direi che è andata bene, nonostante l'esplosione dei piedi! son contenta, queste botte di c**o servono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Servono servono ma sono sempre poche!!!!

      Elimina
  2. Ma tu sei PAZZA a metterti le decollete a luglio!! Come hai resistito??
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema non era la scarpa chiusa o aperta, era l'altezza!!!!

      Elimina
  3. Che bello! Sono propria contenta che sia andato tutto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto bene ed essere sopravvissuti e' stato un traguardo!!!

      Elimina
  4. Hai visto!!!tutto bene alla fine...ora ci vorrà almeno un giorno per riprendersi, ma se avete resistito al matrimonio ce la farete anche a superare il lunedì... :)
    auguri agli SPOSIIII!!!
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superato anche il lunedì, avevo la sensazione del dopo sbronza senza aver bevuto!!!

      Elimina
  5. Che emozione!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. aspettavo quersto matrimonio,pensavo ci fosse qualche patatrac invece e' andato alla grande...prova superata :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' andato sul serio tutto bene e di patatrac c'è stata la rovinosa caduta dello sposo all'uscita della chiesa!!!

      Elimina
  7. mitica Piky...in effetti questa mattina l'unica cosa diversa era solo la stanchezza e la fede sull'anulare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che però e' l'anello più importante che tutte desideriamo indossare!!!! Un abbraccio e una vita piena di sogni realizzati!!!

      Elimina
  8. E' stata dura ma siete sopravvissuti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ancora un po' stordita e i piedi mi fanno ancora male ma siamo sopravvissuti!!!

      Elimina
  9. Per il mal di testa, aspirina, per il mal di piedi pediluvio. Per la gioia nel cuore, godetevela.
    Baci
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato uno di quei matrimoni dove sei felice di esserci!! Bello, bello!!!!

      Elimina
  10. Tutta la mia ammirazione per le dodici ore passate su tacco 12!!!!! Io massimo sopporto un 6 e giusto il tempo della cerimonia;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sia un 12 ma ci va vicino!!! Ora lo misuro!!

      Elimina
  11. Io sarò matta ma adoro i matrimoni e nn vedo l'ora di partecipare al prossimo. Unica nota dolente: i tacchi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo portato un paio di sandali di riserva poi ho resistito!!!

      Elimina
  12. mi hai fatto tornare in mente che anni fa ho partecipato a un matrimonio passato alla storia come uno dei più caldi del secolo. Ero tornata a casa con il ghiaccio sulla testa e posso capirti. Ma come hai fatto con quei tacchi?? Sono da ricovero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piuttosto scomodi soprattutto con pargoli al seguito!!!

      Elimina
  13. ho passato da poco la tua stessa situazione.....però dai è divertente ogni tantissimooo!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi a fine agosto replichiamo ma forse cambierò tacco!!!

      Elimina
  14. Gli sposi un pò alticci penso fosse previsto nel copione;) direi che è stato proprio un bel matrimonio, non per altro era quello del secolo;) Quanto a te sui tacchi tutto il giorno: sei la numero unooooo!! :DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli sposi sono devono ancora riprendersi ma e' stato veramente divertente!!!

      Elimina
  15. ottimo, tirati su, io sto ancora al fondo ;) tu sei passata alla base

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e dopo la base sono precipitata di nuovo nel fondo!!! :-))))))

      Elimina
  16. Bellissimo!
    Sono questi i matrimoni veramente belli, quelli dove gli invitati se la godono è gli sposi pure, libero di trasgredire e di festeggiare, anche nel caldo di luglio (caldo, insomma...)
    E complimenti, io non avrei mai retto quei tacchi per dodici ore...al mio ho resistito giusto il tempo della cerimonia, poi ho sostituito con ballerine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui era veramente caldo ma tutto si è svolto di sera e all'aperto ... In quanto ai tacchi ...beh credo di non replicare mai più!!!

      Elimina
  17. Eccomi a ricambiare la tua graditissima visita :) Anche noi abbiamo un matrimonio a fine luglio, speriamo sia una bella giornata come quella che avete passato voi, tacchi inclusi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere come e' andata e prenderò spunto visto che per la fine dell'estate ne abbiamo un altro!!

      Elimina
  18. Questi sono i matrimoni e gli amici da ricordare!!: )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fanno parte del nostro quotidiano, hanno una bimba piccola e condividiamo gioie e dolori anche per questo e' stato bello vederli felice!!!

      Elimina
  19. Bravi! Un matrimonio a luglio con due marmocchi, tacchi, caldo ecc. E' andata bene, dai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti fattori contro ma e' andata bene!!!

      Elimina
  20. Bravi!
    E tu super coraggiosa su quei tacchi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di diventare mamma ero decisamente taccata poi ho scoperto le sneaker ma sai a un matrimonio ....

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso