CHI FA IL LAVORO SPORCO


Pochi giorni fa in preda ad un insano entusiasmo celebravo i papà e la loro preziosa collaborazione. Osannavo l'atteggiamento più rilassato che spesso ha, chi usa un approccio più naturale nell'affrontare il "problema". Preziosi attori spalla sono da sfruttare al massimo per l'enorme potenziale che trasmettono. L'ho scritto, consapevole e convinta che quello che può una mamma, alla fine può anche un papà.

Poi capita una serata come questa e in un attimo capisci che sì, sarà anche vero che siamo intercambiabili ma fino ad un certo punto, comunque non nei momenti che "contano" e alla fine  il “lavoro sporco” tocca sempre e comunque a noi.
Il Principe stasera non c'è: cena tra amici. Una pizza in compagnia a volte ci vuole,  fa bene, serve per staccare la mente e tornare indietro nel tempo, che poi si sa queste serate sono sempre piene di "Ti ricordi..". Si ringiovanisce sempre un po' e ci può scappare anche una birra fuori programma, a poco importa se il giorno dopo sembra che siano passati nel tritacarne, in quel momento se la sono goduta e va bene così.
L'Ipernonna è passata di qui, si è fermata per cena ma è ripartita in tempo per la prima serata.
Io sola con loro mi accingo a un bagnetto veloce per entrambi e finalmente la meritata messa a letto per loro e per me. Sapevo di potercela fare al massimo in un’ora ma ignoravo quanto, in certi casi, possano essere lunghi 60 minuti.
Cicina  è tutto il giorno che piagnucola e, a parte un paio di pisolini di due minuti e mezzo ciascuno, è da stamattina che veglia. Non so più neanche quante poppate abbia fatto, sto cercando di regolarizzarle ma all'ora di pranzo ho perso il conto e, mestamente, abbandonato il proposito, passando il resto della giornata con le tette al vento.
Cestino ha invece "saggiamente" saltato il riposino pomeridiano e sembra caricato a molla, trovando anche incredibilmente divertente piagnucolare come la sorella.
Il bagno di Cicina si rivela subito un malaffare, intenta a strillare con toni da tenore, copre addirittura il rumore del phon con il quale tento, invano, di asciugarle la folta criniera, mentre il fratello da il meglio di se pronunciando 356 "mamma" in meno di un minuto.
Il bagno di Cestino rasenta la follia, non vuole acqua tra i capelli ma gli piace molto l'effetto bagno- asciuga che ha creato "inconsapevolmente" su tutto il pavimento. La colonna sonora è sempre la stessa solo a volume un po' più alto e condita da qualche isteria di Mamma Piky.
Incomincio seriamente a pensare alla fuga. Cicina smette di piangere solo se presa in braccio ma a quel punto, per lo spirito di imitazione che sta caratterizzando la serata,  tocca a  Cestino sostituirla.
Prendo Cestino e piange Cicina, prendo Cicina e urla Cestino.

"Papà ma dove sei?!?!?" pensa Mamma Piky mentre mentalmente sta già facendo  la valigia.

Decido che se non posso sdoppiarmi li lascerò piangere entrambi, non ho tante alternative mi sembra, e ostento una pessima indifferenza. Il pianto si fa sempre più lungo e sempre più forte quando accidentalmente 1200 pezzi di lego micro cadono sul pavimento rendendolo un pericoloso campo minato (siete mai passate a piedi nudi sopra un mini cubo con ganci in rilievo?) .

"Papà dove ca@@o sei?!?!?" pensa Mamma Piky mentre con la valigia in mano è già sulla porta di casa.

Nel frattempo un rumore sordo sul pavimento,simile a quello di un manico di scopa che batte, mi sta dicendo che forse l'inquilino del piano di sotto si sta stufando e a breve appenderà il cartello VENDESI.
Sono in un vicolo buio ma molto rumoroso.
Respira Piky, lentamente, in fondo sono solo i tuoi figli che urlano da più di un'ora alle dieci di sera di una giornata faticosa come le altre. Ce la puoi fare se ci credi.

Ci ho creduto e ce l'ho fatta, anche stavolta, come sempre del resto.

Ora il silenzio che regna sembra molto rumoroso ed io non ho più sonno, respiro regolarmente, pensando che un papà non sarebbe sopravvissuto, e che per me una pizza con le amiche rimane ancora un miraggio.
Mi sviolino e complimento da sola, so che in una serata come questa non sarei stata intercambiabile (che c..o eh?!) ma decido che forse una birra me la merito anch'io.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

64 commenti:

  1. È dura, perchè, anche se ci sono amore, rispetto e collaborazione, restiamo due mondi distinti. Le nostre menti viaggiano a velocità diverse e siamo dotati di sensibilità parallele. Quello che a noi sembra ovvio, non è detto che per loro lo sia. Certe cose di me mio marito non le ha mai capite e non le capirà mai. È così. Riuscire da sole e averne la piena consapevolezza è una gran forza. Altrimenti, a quest'ora, ci saremmo giá estinti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre pensato che la diversità sia una ricchezza in ogni campo, quello che manca a me, lo trovo in lui e viceversa: il cerchio e' completo, forte e solido. Il dubbio di non essere intercambiabile in momenti come quello e' forse dettato dalla rassegnazione e da quella naturale dose di masochismo che una donna spesso ha. Mi dico: io ce la posso fare a supportarlo, lui no.....ma forse mi sbaglio, anzi spero di sbagliarmi, così prima o poi, una pizza me la faccio anch'io! ;-))))

      Elimina
  2. Cara hai tutta la mia comprensione e stima!!! E come ben sai l'avevo scritto nel mio post http://mammeneldeserto.blogspot.it/2013/08/quello-che-una-mamma-non-potra-mai-fare.html.
    Per quanto possano aiutarci alcune cose toccheranno sempre a noi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mentre scrivevo mi e' proprio venuto in mente il tuo post! :-)))

      Elimina
  3. I pezzettini di Lego per terra sono micidiali ... potrebbero essere usati come strumento di tortura. A casa nostra succede ancora, perché a Figlia piacciono di più adesso di quando era più piccola. Certo, adesso è grande, e se cadono li raccoglie da sola, e anche subito se non vuole che la sua adorata mamma diventi una bestia :) ... ma ogni tanto qualche pezzo scappa. Comunque hai ragione: il lavoro sporco tocca sempre a noi. E la birra te la sei ampiamente meritata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una giornata/serata normale anche Cestìno li raccoglierebbe ma quella sera era allo stremo, tutto un capriccio e non era il caso di metterci in mezzo anche la raccolta delle costruzioni! ;-)))

      Elimina
  4. Guardacaso ieri sera sono uscita con le mie amiche!
    non esco mai, ma avendo Pilucco ormai 11 mesi mi sembra di potermelo permettere, inoltre papino va a pesca il week mollandomi a casa, quindi me lo STRA meritavo.
    Comunque prima di uscire ho lavato i bimbi, cucinato, gli ho dato da mangiare e sono tornata per prepararli e metterli a nanna...Tutto sommato non doveva prodigarsi tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il "divieto" nasce per me dal fatto che una bimba di quattro mesi con poppate del tutto irregolari, non può star lontano da me più di tanto. Si potrei lasciare un biberon di formula, ma se non e' strettamente necessario perché farlo?!? Tra l'altro credo che nemmeno io sarei così rilassata fuori casa, non ancora per lo meno.

      Elimina
  5. Sai che invece nel nostro caso il papà ce la fa benissimo perché con lui non si comportano così.
    Avendo due maschi, con la mamma loro...si ipereccitano, e fanno gli stupidi apposta, giusto per attirare l'attenzione della loro "amata". E si scatena l'inferno. Con il papà è come una uscita tra uomini, un po' di giochi violenti, un po' di televisione, una birretta (=acqua e menta) e poi a nanna. Con il piccolo problema che lasciano la casa in condizioni disperate...
    Comunque la pizza con le amiche te la devi condedere eccome: tirati il latte, oppure fai un biberon di mellin e vai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla casa in condizioni disperate non comment...mi è capitato di vedere o risultati di una serata a due ( ma basta anche molto meno!).

      Elimina
  6. Aiuto!!! Mi hai fatto venire i brividi.....direi cedi birre te ne meriti una cassa intera!!!;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai che alla fine e' durata "solamente" un'ora!!!! :-))))
      Le ho vissute più di una volta però ore così!!!

      Elimina
  7. ogni tanto esci anche tu, vedrai che il papi sopravviverà!
    comunque, per quanto intercambiabili, c'è sempre differenza tra noi e loro..
    la birra te la sei strameritata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarei curiosa di provare ma son convinta che dovrei tornare in dietro! :-)))

      Elimina
  8. Quante volte sono arrivata sulla soglia della porta pronta a partire anche senza valige, solo per una sana boccata d'aria o per prendermi mezza giornata tutta per me, per ricominciare a respirare in maniera normale e per far passare quella sensazione di disorientamento che mi portava a non sapere più chi fossi, mamma, compagna, collaboratrice domestica, donna lavoratrice iperattiva si fondevano facendomi dimenticare che ero in primis DONNA e come tale, anche se più forte di quanto credevo, anche bisognosa di aiuto, rassicurazioni ma soprattutto di qualche ritaglio di tempo e spazio tutto x me per riscoprirmi ancora "padrona" di me stessa. Non sono mai riuscita a varcare quella porta in preda al delirio e se in 6 anni mi sono concessa qualche ora di "svago" è stata rigorosamente programmata e concordata con "lui"!! ;-) Comunque una bella birra cara Mamma Piky io la condividerei ben volentieri con te...anzi sai che ti dico, fammi un fischio quando vorrai/potrai uscire a fartene una....per me rigorosamente rossa doppio malto. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prox settimana sono messa un po' malino ma se tu sei libera, possiamo provare a vederci quella dopo, ora non ti dico per una birra serale (che la vedo dura) ma per un caffè in piazza si!!! ;-)))

      Elimina
  9. Ho litigato ieri sera con lui proprio per questo.
    Ne stavo scrivendo un post ma c'erano troppe parolacce.
    Sono nera.
    E ti capisco.
    Ma questa non intercambiabilita' non l'accetto.
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio caso credo che la difficoltà stia nel fatto che sono due e una bimba così piccola, quando crescerà andrà meglio e di sicuro sarà possibile gestire le uscite.
      Ma che ti e' successo? Dai scrivi il post al massimo metterai un po' di puntini!!!!!

      Elimina
  10. Il papà non sarebbe sopravvissuto? E perchè no?
    Beviti una birra e mangiati una pizza che fa bene.
    Vale

    RispondiElimina
  11. Mamma Piky mamma mia mi fai passare la voglia di avere un altro bimbo, aiuto!!!no dai scherzo..sono sicura che se la pizza fossi andata tu a mangiarla con le amiche maritino ti avrebbe chiamata cento, mille volte e tu per sfinimento saresti tornata a casa!!noi mamme alla fine risolviamo ogni cosa, non c'è niente da fare. Ma almeno 1 volta ogni 2-3 mesi esci almeno un pomeriggio per un the in centro a chiacchiere con un'amica..de proprio nn ce la fai per una pizza!!Mellin non fa schifo per una poppata!!un bacino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io in realtà esco da sola, estetista, passeggiata, un caffè, magari mi portò dietro la bimba e Cestìno va con il papà, oppure ricorro all'Ipernonna, quello che non ho mai provato e' mio marito con tutti e due per ora. Chissà se accetterebbe la sfida?!?!? :-))))

      Elimina
  12. E te la meriti si, una birretta! Ce la meritiamo tutte noi mamme che abbiamo la "fortuna" di trascorrere amene seraine come quella che hai trascorso tu ;-)
    Abbraccione solidale :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio per questo, nel frigo non manca mai!

      Elimina
  13. Goditi la tua birra, fatti i complimenti, te li meriti! Non vantarti troppo davanti al papà, però, caso mai prendesse troppo sul serio il tuo essere capace e organizzasse più spesso serate fuori, da solo...:-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No anzi, faccio "pesare" ancor di più! ;-)))
      Anche le sue uscite comunque sono eventi eccezionali, e' consapevole di quanto sia faticoso con due ed e' sempre presente.

      Elimina
  14. noi donne siamo in grado di guidare il mondo e nn ce bisogno di uomini per aiutarci...come con ii figli e tante altre cose noi siamo imbattibili...e la prossima vola tocca noi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quand'e' la "prossima volta?" :-)))))))))))

      Elimina
  15. Il papà sopravviverà perchè i ns figli quando noi nn ci siamo si comportano diversamente, tutte queste manfrine non le fanno proprio. Con noi se ne approfittano e sono più lagnosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo concordo e faccio mea culpa!

      Elimina
  16. Ho appena scritto un post al riguardo.
    Il fatto è che due figli così piccoli sono una folla.
    Io tuttora ho paura di rimanere sola con entrambe e lo evito ("dai, mamma, non vuoi rimanere a pranzo?" e poi io mi eclisso ad allattare mentre lei cucina e la grande travasa la farina).
    Sono sicura che appena saranno un poco più grandi sarà possibile una birra in scioltezza, per entrambi.
    Cmq fino a che le mamme considerano i mariti capaci solo di "sorvegliare" i bimbi (non mi riferisco a te, ma ad alcuni commenti più sopra) non possiamo ottenere niente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto: bel post sul serio.
      L'errore, lo sbaglio, sta a monte come hai detto tu, nel fatto che noi per prime non crediamo di poter essere sostituite ( che poi e' anche una forma di superbia) e di conseguenza non lo fanno nemmeno loro (o se ne approfittano). Mio marito in realtà e' molto presente, ho raccontato "una rarità" che non si verifica quasi mai, e se ancora io non me la sono concessa e' solo perché Cicina ha poco più di tre mesi ed e' complicato gestirla senza tetta.

      Elimina
  17. Direi che la birra è obbligatoria, "fa latte", per di più!!! ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto!!!! Potrei però concedermela senza dover passare sopra una serata di quel tipo! :-))))

      Elimina
  18. e direi che te la sei meritata, si!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai mentre rileggevo questo post, ho pensato anche a te, mi son detta : ecco Lucia ora mi odierà, dovrò assolutamente rimediare con un post pro figli bis!!!! :-))))

      Elimina
  19. guarda da quel che racconti io mi sarei fatta un wisky (si scrive così?)...cmq ti racconto che quando l'ometto di casa aveva 6 mesi mi sn concessa la prima pizza tra amiche, alle 22 mi arriva sms con scritto:torna, scusa ma da solo non ce la faccio.arrivo e li trovo sudati marci (era il 26 dicembre) entrambi, mio marito incavolato nero e il piccoletto in una valle di lacrime, dopo più di un anno ci ho riprovato ed è andata meglio, adesso l'ometto a poco più di due anni e sm di nuovo punto e acapo, se la sera non ci sn io a metterlo a nanna nn ci va proprio, finchè non torno.lui lo sa che il padre ha meno pazienza di me e mio marito si crogiola, non con cattiveria però, nel pensare:tanto cn me non dorme...aspetterà finchè tu non arrivi.e questo vale anche per i risvelgi notturni.risultato io nn esco o se lo faccio costringo chi è cn me a cenare alle 19.30-20.00 max.passerà?non so.cmq è vero certe situazioni i papà non le sanno gestire.non ti racconto il panico di mio marito al primo vomito del pargolo.no comment.meglio.anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esilarante l'immagine di loro sudati il 26 dicembre. Forse sarebbe tutto più semplice se fosse naturale scambiarci i ruoli fin da subito, senza aspettare che i figli crescano.

      Elimina
  20. mi rendo conto che il mio compagno in casa fa tanto...e quando manca gia con uno si sente..sopratutto quando e' l ora di bagnetto e papa'...
    credo che se decido per il secondo per compagno e' vietato assolutamente uscire dopo le otto di sera..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta un po' di organizzazione e tutto si fa, quella serata e' stata faticosa per la stanchezza di tutti e due ( e forse anche mia) arrivati a quell'ora.

      Elimina
  21. Mamma Piky,solo una birra? Serviva un doppio mojito per riprendersi e scordare una serata come la tua!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se mi facevo un Mojito poi Cicina quando dormiva?!?!?! ;-))))))

      Elimina
  22. Normalmente mio marito mi aiuta in tanti campi.
    TUTTAVIA ci sono aspetti della vita da genitore che lui rifugge come la peste:
    1. il cambio di pannolino, solo se io sono momentaneamnete in Sudafrica, si sente costretto a farlo lui stesso.
    2. il mettere a nanna. "tu hai più pazienza, la bmabina vuole te, bla bla bla" tante belle scuse.
    Ecco perchè NON siamo intercambiabili.

    E vai di birra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso infatti sento puzza di scusa in giro!!!

      Elimina
  23. fortunatamente, mio marito se la cava alla grande.


    ciao, molto carino il tuo blog, davvero utile...
    ti va di seguirci?

    Avete letto il nostro nuovo post? http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/pomeriggio-al-parco-con-babyvip/


    Grazie per i commenti
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere passata. Ti seguirò con piacere. :-))))

      Elimina
  24. Sono anch'io molto preoccupata dalla fine delle vacanze del Fidanzato che metteranno a dura prova i miei nervi...spero molto nell'aiuto della mia super nonna e nella ripresa dell'asilo, ma ci sarà anche la ripresa della serata dedicata al calcetto x lui e li potrebbe partire un post da mettere a confronto con il tuo! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe succedere si, ma quando capiterà vedrai che in un modo o nell'altro, se ne esce. :-)))
      Come stai?

      Elimina
  25. Azz! Mi avete fatto venire una voglia di birra!
    E' inutile, per quanto siano bravi e si prodighino, per quanto gli facciano il bagnetto, li cambino e gli facciano pure la cena ci sono cose che solo una mamma riesce a sopportare, a gestire e soprattutto cose che solo una mamma riesce a ricordarsi di fare per il bene dei suoi cuccioli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene: ci sono cose che solo una mamma può sopportare. :-))

      Elimina
  26. Si, ci sono passata. Ogni santissimo giorno finchè non ho ripreso a lavorare...poi è stato anche peggio perchè recuperati entrambi dal nido dalle 18 alle 19 sembrava li bruciassi con il fuoco...e hanno solo 16 mesi di differenza.
    No, un papà aiuta. Un papà supporta. Ma un papà non ce la farebbe mai.
    Per questo siamo mamme.
    Per questo sappiamo che c'è una luce in fondo al tunnel e sarà sempre più chiara e vivida. Resisti Mamma Piki, resisti. Sarà sempre meglio (anche se ora pensi a come si crea un nodo scorsoio...).
    Un abbraccio
    Giorgia
    http://giorgialandblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensavo in un miglioramento con il crescere dell'età della seconda!! :-((((

      Elimina
  27. Diciamo che ti sei meritata anche tu una serata libera :)
    Come si dice dalle mie parti "un po' per uno in collo a mamma! ;)

    P.S. Il "noi vs loro" non aiuta molto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il detto e' "indicativo" della situazione!!!! Non lo conoscevo.
      L'uscita me la sono meritata e credo di concedermela prima che abbiano raggiunto la maggiore età! Scherzo eh?!?!?

      Elimina
  28. Mi ricordi quelle notti d'estate in cui ero in vacanza senza mio marito e loro piangevano proprio come i tuoi... e io piangevo più di loro.
    una notte è sceso il filippino che abita 2 piani sopra i miei ad aiutarmi! e che il mondo intero lo abbia in gloria, anima santa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alle loro urla io ho risposto con le urla (cattiva Mamma Piky), peggiorando sensibilmente la situazione!!!

      Elimina
  29. sono passata per augurarti e per segnalare a tutte le mamme degli sconti eccezionali solo per poco più di 24 h... Non lasciateveli scappare!!! http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/comunicazioni-di-servizio-fashion/

    RispondiElimina
  30. Ma si può bere la birra durante l'allattamento??
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che si può...ovviamente con moderazione.

      Elimina
  31. Ecco piky, te ne racconto due, per quanto mio marito sia bravissimo col bimbo, da oggi dani ha ripreso la terapia immunostimolante, venerdi chiedo a marito se passa in farmacia e lui: che pasticche devo prendere? Cioe, ma ti pare? Sono fiale, le hai rimosse dopo solo tre mesi??
    2: sto spannolinando ranocchio,sempre venerdi, al secondo giorno di vera collaborazione del bimbo dico a marito che dobbiamo andare a fare la spesa, lui: vai a prepararti che a dani ci penso io! Scendo in sala e ha preso il pannolino: che tu sei piccolo, io mica posso stare con la paura che te la fai addosso in giro.
    è bastata la mia minaccia: tu mettigloelo e ti giuro che quando riterrai opportuno te ne occuperai tu, al 100%, ma se vuoi fai, sei il padre!

    RispondiElimina
  32. Risposte
    1. Vedo che siamo in molte a concordare!! ;-)))

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso