NON SO FARE IL CAPITANO


Mi sono rassegnata al "no mare", ho fatto lo stesso con un Mojito d'estate, ho sospirato e alzato gli occhi al cielo per le vacanze saltate, mi son detta che la prossima volta andrà meglio e che comunque l'importante era goderci il "noi". Ho cercato di non lamentarmi, di cogliere comunque il lato positivo e di consolarmi con ricordi e progetti.
Mi sono buttata anima e corpo in questa partita contro la sfiga, volevo vincere, sapevo di poter vincere, poi, dopo un inizio travolgente ho perso (e alla grande aggiungerei).
Lunedì 12 agosto, con troppi gradi anche all'ombra, Cestino ha aperto le porte a Sua Maestà Febbre d'Agosto, accompagnata dai fedeli amici mal di gola, mal di pancia, mal di gambe e mal di piede (no non sto scherzando), e questo per tutta la settimana di mezz'estate.
Ma che razza d'influenza è mai questa, mi son detta?
Ci saranno per caso gufi in attività?Lo scorso anno la stessa sorte toccò a me, ma allora eravamo in procinto di partire per il mare e tutto rientrò in poche ore.
Stavolta no, l'obiettivo colpito era notevolmente più "facile" e così abbiamo passato sette giorni di clausura, Ferragosto compreso, tra termometri, antibiotici e vaneggiamenti vari.
Ieri, lunedì, il Principe è tornato al lavoro ed io ho ripreso la mia routine quotidiana che però mi regalerà ancora un paio di settimane tutte per loro e la remota speranza che una piccola fuga sarà ancora possibile.
Quello che mi rimane di questo strano e sfigato periodo, e’, però, aver avuto un papà in servizio per 24 h. ed aver apprezzato un ménage di più facile gestione per questo.
Presa dalla convinzione che nessuno, come una mamma sa, ho sempre considerato la mia politica come dominante e le teorie del Principe subordinate ad un attento vaglio ed una successiva approvazione, in più cascasse il mondo non è tra le capacità di una mamma quella di chiedere aiuto, non tra le mie per lo meno. Però queste due settimane sono state istruttive ed io ho osservato tanto, riflettuto di più e preso appunti.
Il Principe ha di sicuro un approccio molto diverso dal mio e questo per una mamma, è già motivo sufficiente per storcere il naso. Ma diverso vuol  diverso, non migliore non peggiore, solo diverso e se mi son sempre vantata di essere io la più paziente di casa, in queste due settimane ho scoperto che in realtà lascio solo "correre" di più, e che se non generò il capriccio, è solo perché spesso lo assecondo.

Si ok, seguirli all'interno del girone dantesco che è la vita, è  più difficile e complicato di potergli dedicare le tue vacanze ma con qualche piccolo trucco credo potrei aggiustare il tiro.
Primo proposito del post vacanze è limitare l'uso di Rai Yoyo di cui ultimamente ho abusato.
A diversi euro spesi per una collezione di DVD Disney di tutto rispetto non può corrispondere, come risultato, sognare i BarbaPapà!
Secondo punto il sonnellino pomeridiano non si salta, perché altrimenti per arrivare indenni all'ora di cena, siam costretti ad attraversare un'ora di follia allo stato brado.
E ancora, per uscire di casa non occorre portarsi dietro la cesta dei giochi ed il cioccolatino preso al super, prima si paga e dopo si mangia.
Mi fermo qui, anche se in realtà la lista sarebbe lunga ed il Principe si era cosi tanto calato nei panni di Tato Martino che temevo di vederlo appendere regole ai muri ed assegnarmi la prova settimanale!
Ironia a parte, approfitto di queste pagine digitali per ringraziarlo, per dirgli che i suoi velati consigli li ho capiti e che li scopiazzerò qua e la e che la quantità del tempo che passo con loro non dovrà andar a scapito della qualità. So che se noi mamme abbiamo l'istinto, i papà ci mettono la passione, e che in una famiglia una teoria che predomina non c'è.
So che anche se noi siamo una squadra io il capitano non lo so fare,
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

37 commenti:

  1. Mi sento di condividere pienamente questo tuo post.....ultimamente ho imparato che non bisogna mai sottovalutare i papà... Sanno essere davvero preziosi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno un approccio diverso, più facile e non sono sempre in lotta con il dover essere "perfetti", sono se stessi e basta e questo credo sia la carta vincente, ovviamente oltre all'amore che li muove.

      Elimina
  2. che bravo questo principe!
    per la gara con la sfiga... ma non è che ti avanzano due giorni di ferie per una benedizione veloce a lourdes???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pur di andare due giorni in vacanza, andrei ovunque!!!

      Elimina
  3. E meno male che non lo sai fare il capitano...cosi' ognuno fa la sua parte, quella che gli riesce meglio..
    dai dai tieni duro, la ruota riprendera' a girare per il verso giusto, vedrai!
    ti abbraccio
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono in fase rassegnazione e sto aspettando che il tempo passi e faccia girare 'sta benedetta ruota!!! ;))))

      Elimina
  4. Sai cosa penso che noi mamme siamo talmente assorbite dal nostro ruolo che non vediamo i segnali che ci arrivano di fuori....il tuo principe mi piace sempre di più !!! Spero tanto di conoscerlo la prossima volta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso a rifletterci dopo, con calma, mi sento anche tremendamente noiosa, proprio quello che pensavo di mia madre quando ero più giovane...sto forse cadendo nello stesso tranello? Meglio riprendermi in fretta perché sto incominciando a trovarmi antipatica!!!
      Quando torni dalle mie parti, non farlo senzaavvertirmi eh?!?!?

      Elimina
  5. oh, come mi rispecchio... mio marito sostiene che io mi metto a "tappettino", quando è solo lui tutto fila liscio. non so, gli credo sulla parola. forse anche io assecondo troppo, ma come si fa a non assecondare quando una nana treenne (ma non dovevano essere i terrible two?), è capace di urlare e "dar di matto" anche per un'ora consecutiva e ovviamente mai nella tranquillità della propria casa? quando non serve urlare, minacciare, punire perchè ad ognuna di queste azione è seguita costantemente da risate o espressioni da presa in giro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che alcuni capricci e scenate siano riservate solo a noi, e' il loro modo per metterci alla prova e per dirci che sono autonomi e staccarsi un po' da noi.

      Elimina
  6. E bravo il papi!
    Noi mamme siamo più servizievoli e assecondiamo molte cose x' ci stiamo più tempo con i bimbi e sarebbe un'eterna lotta....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'eterna lotta e' proprio quello che mi sembra di vivere in certi momenti!

      Elimina
  7. Belle parole per il tuo principe :') ...i tuoi propositi me li devo ricordare, visto che sei più esperta! Pensa che, per esempio, io Rai yo-yo l'ho scoperto ieri a 5 mesi...mi sono sentita uno schifo ma...dopo tanto tempo io e il maritozzo abbiamo potuto mangiare CONTEMPORANEAMENTE (niente staffetta col nano!) e SERENAMENTE! L'abbiamo parcheggiato un attimo davanti a PeppaPig ma poi per il rimorso gli ho letto doppia porzione di favola! Ahahah! Mi dispiace per i giorni un po' sfigati...in effetti con la maternità ho scoperto il sapore del sacrificio, cosa che non credevo possibile per me :) ma per i nani questo ed altro! Povere mamme!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peppa fa miracoli e poi la passano tanto bene all'ora di cena, in alcuni casi e' una rete di salvataggio anche se ricorrervi spesso mi scoccia.

      Elimina
  8. il principe calato nei panni di tato Martino mi ha fatto morire dal ridere :DDD un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tato Martino l'ho scoperto da poco. Prima di diventare mamma la guardavo spesso quella trasmissione ora non mi piace più molto sai?!?! Avrò la coda di paglia? ;-))))

      Elimina
  9. Credo che si tratti di ottimi propositi...anche se è difficile cambiare approccio!
    Il bello dell'essere in due credo sia proprio questa possibilità di avere sempre un doppio punto di vista e aiutarci a mitigare le teorie e correggere il tiro.
    Qui è l'Alpmarito il permissivo, io sono spesso troppo intransigente e pretendo troppo, a suo dire...
    Il capitano lo fai benissimo tutti i giorni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questi 15 giorni in cui ho goduto della sua presenza per 24 h, ho apprezzato veramente l'aiuto perché in due e' tutto più facile e dove non arriva l'uno ci pensa l'altro. Certo che con il ritorno al lavoro, questo non sempre e' possibile.

      Elimina
  10. bravo il principe..ma brava anche te che sei una grande mamma!

    RispondiElimina
  11. Concordo con gli altri commenti, bravo davvero il papà ma brava anche tu, sei forte :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provo a fare del mio meglio, a volte va bene altre va male, ed il bello e' pure questo!

      Elimina
  12. Ogni tanto prendere in prestito le "tattiche" l'uno dell'altro fa bene...anche coi bimbi!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giusto mix e ci si avvicina alla tattica vincente..eh si perché in alcuni momenti sembra di essere in battaglia.

      Elimina
  13. Eh eh, bella l'ora di follia allo stato brado! Il Piccolo Tigro, cinque anni, inizia solo ora a saltare dei pisolini pomeridiani senza farci passare l'ora di follia, ma il rischio è che crolli prima di cena e poi le ore di follia saranno due, dalle 22 a mezzanotte!!!
    Ciao, buona giornata...coraggio, la sfiga gira...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio figlio ha iniziato a salutarlo regolarmente con la nascita della sorella tre mesi fa, credo sia una forma di protesta, però e' ancora troppo piccolo per poter resistere da mattina a sera senza crollare, perdi più che fa tutto ad una velocità pazzesca! Per fortuna da una settimana a questa parte, nonostante il padre sia tornato al lavoro, ha ripreso l'abitudine di riposarsi almeno un'oretta.

      Elimina
  14. C'era la pubblicità che cantava con Nelsen piatti i piatti li può lavare lui..... La si potrebbe convertire con le vacanze ai figli ci può badare lui

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quest'anno ce li siamo "divisi". Il Principe con lui ed io con lei, d'altronde non poteva essere diversamente visto che e' tetta-dipendente!

      Elimina
  15. Anche la nostra pazienza ha un limite, e meno male che ogni tanto c' e il caro principe papy
    Mamma-manager

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di pazienza sono un po' a corto ultimamente ma ci sono giorni in cui tempo per esserlo non ne ho!

      Elimina
  16. Confrontarsi può essere utile, anche se dall'altra parte c'è ...un papà.
    Ma sì, anche loro sono bravi!

    Il segreto credo che sia tutto racchiuso nell'ultima frase che hai scritto: bisogna essere una squadra.
    Solo così avremo qualche possibilità di schivare i gufi di turno e ogni incontro ravvicinato con la sfiga.

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mio padre diceva "Siamo una catena che sorregge tutto, non sganciamo un anello che viene giù tutto il pacco!"

      Elimina
  17. Posso chiederti una dritta Mamma Piky?
    Mi sono persa il nuovo nome del blog della nostra amica che non voleva più farsi riconoscere perché troppi del paese sapevano e ha chiuso il blog da poco...potresti scrivermelo? Qui o in un commento da me o via mail...grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te l'ho scritto su un commento ad un post.

      Elimina
  18. Ma, non so, nel caso mio Marito è bravo con Figlia ed è un grande aiuto in generale, ma tante volte finisce comunque per non farsi obbedire e allora si rivolge a me e dice "Usa i tuoi metodi" e i miei funzionano la maggior parte delle volte meglio dei suoi (e con questo non voglio dire di essere una mamma perfetta, anzi). Solo che a lungo andare io ho imparato a conoscere la psicologia di Figlia meglio di lui. Questa è la mia esperienza personale, ma probabilmente è anche questione di caratteri diversi e anche di età dei figli. Comunque, anch'io sono per non abusare della tv, ma diciamocelo, a volte ti salva la vita ... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ubbidire in linea di massima lo fa con entrambi ma e' l'approccio ad essere diverso. Io con due da gestirne in genere propongo piccoli compromessi, lui e' più scuro il no e' no (sempre), il si e' si (sempre).

      Elimina
    2. Eh, vedi, invece nel nostro caso sono io quella che rimane più coerente, quando dice di no o di sì. :)

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso