BARBARA e le altre


BcomeMamma
Federica
ha tre figli una vita complicata e ogni mattina si sveglia all'alba per servire caffè e sorrisi.
Lucia venerdì allattava sua figlia al seno mentre il lunedì era passata al biberon perché un lavoro cosi, come le era capitato, dopo cinque anni di disoccupazione, proprio non lo poteva rifiutare.
Chiara ha abbandonato il lavoro per seguire i suoi figli ma ora che la crisi picchia forte, stira a domicilio.
Roberta è stata licenziata perché al suo ex/datore di lavoro (donna!), la sua seconda gravidanza, non è andata giù.
Maria spende metà del suo stipendio per la baby sitter, perché "I figli crescono in fretta ed io non posso permettermi di perdere un lavoro".
E poi ancora Sara, Michela, Anna e tante altre. I nomi sono di fantasia ma le storie no. Le conosco tutte, ognuna alle prese con il binomio mamma/lavoro, con il dramma di non averlo o lo spettro di perderlo, con la voglia di fare ma l'impossibilità a conciliare tutto.
Una strada da percorrere con faticose salite, intricati incroci e spaventose discese.
Io per esempio sono nel bel mezzodì una "rotatoria", sto girando vorticosamente e spero di imboccare l'uscita giusta, mentre questa è la storia di Barbara, che gestisce il blog BcomeMamma e che sta mettendo tutta se stessa in un suo progetto.
Per tutte le opportunità che la rete crea e per la solidarietà che incredibilmente caratterizza questo mondo, ve la presento:
"Ciao, sono una mamma quasi a tempo pieno che ha deciso di conciliare la vita di famiglia con un'attività indipendente e dinamica ma sopra tutto etica, perché ho a cuore il benessere di mia figlia ma anche del nostro pianeta.  Sto costruendo la mia attività imprenditoriale promuovendo su tutto il territorio, i prodotti del marchio RINGANA, un'azienda eco sostenibile unica in Europa a produrre bio-cosmesi fresca e per la quale io collaboro come partner.

Il mio sito è www.b-fresh.net  e sto cercando altre mamme-blogger come me, che possano aiutarmi a parlare di questi prodotti unici ma non solo... Infatti il mio lavoro può essere un'ottima opportunità per tante altre, anche solo per avere un reddito aggiuntivo senza sacrificare la propria famiglia. Insomma vorrei il vostro aiuto per farmi conoscere attraverso i vostri siti e mettendomi ovviamente a disposizione per collaborare con voi o supportarvi in vostre iniziative - barbara: info@b-fresh.net
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

26 commenti:

  1. Conosco il vortice...spero che il tuo GPS funzioni e l'uscita sia quella che regalerà tante soddisfazioni!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai le rotatorie sono sempre in rischio! :-)))

      Elimina
  2. Io non sono ancora nel vortice, perchè non ho figli. Ma, non ti nego, che osservando gli intensi orari di lavoro che sto facendo ogni tanto mi viene da pensare a come farò quando avrò una famiglia. Mi piace sperare che questo sia solo l'inizio, ma sò che sarà difficile, se non impossibile, ottenere una posizione che permetta di conciliare tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La necessità fa scoprire risorse inaspettate: sarà così anche per te.

      Elimina
  3. Come ti capisco.una ricerca di cui ho letto dice che le mamme più soddisfatte sono quelle che fanno un lavoro part time...e ci credo...
    sarebbe un bel compromesso...
    e mi piacerebbe..
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possibilità di scegliere ovviàmente non c'è ma non per questo bisogna cedere alla rassegnazione.

      Elimina
  4. Anch'io sono una di queste mamme, dopo 13 anni, mi sono trovata e mai me lo sarei aspettata, in men che non si dica, senza un lavoro a causa (motivazione addotta dai miei titolari, forse per mascherare un licenziamento non proprio giustificato, ma "necessario" per tutelare l'azienda di famiglia che nell'ultimo periodo poteva contare su una fetta meno sostanziosa di utili da spartire) della crisi economica e il conseguente calo delle vendite!! Ed ora che faccio a quasi 40 anni e due figli da crescere mi sono domandata? Curriculum a destra e a sinistra, colloqui....tutti ad elogiarti per la tua preparazione, per la tua esperienza,a chiederti se vuoi collaborare (esternamente) ma disposti a investire in una nuova assunzione nessuno!! :-( Cosa faccio ora?? Una cosa è certa voglio continuare a fare quello che è stato il mio lavoro e la mia più grande passione da sempre, voglio poter avere il diritto di lavorare ancora con il sorriso sulle labbra come ho sempre fatto da oltre 16 anni, perchè chi si rivolgerà a me deve vedere innanzitutto la passione che metto in ciò che faccio...lo devo a me e ai miei figli!! Se vi va date un'occhiata a quello che mi sono inventata per sopravvivere e ditemi cosa ne pensate. Grazie!! www.arredarefacile.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La crisi per molti e' un paravento ma di certo le acque non sono buone. Non credo però che "meno" significhi "peggio" e su questo forse dovremmo puntare. Dare valore alle professioni, alla bravura e al merito, sarebbe la strategia vincente ma capisco la difficoltà nel dimostrarla quando non c'è nessuno che ci dia la possibilità di farlo.

      Elimina
  5. Presente! 10 anni in multinazionale americana con contratto a tempo indeterminato, poi resto incinta, durante la maternità la sede chiude e si trasferisce...in Spagna! Totale: incentivo all'uscita e tanti saluti. Ora ho un contratto di 1 anno (per metà già andato) e garanzie zero. Io e mio marito (lui incrociando le dita è al sicuro) vorremmo un altro figlio, siamo pazzi??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Desiderio legittimo che non può essere spezzato così.

      Elimina
  6. categoria: il lavoro ce l'ho il pupo pure e facciamo finta che non sia cambiato nulla. Chiuso il pc stanotte alle 1:30 perchè proprio non ce la facevo più... vado a farmi un giretto su Bcomemamma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo non può essere il vero significato della parola "conciliare", chissà se prima o poi qualcosa cambierà?

      Elimina
  7. Ringrazio MammaPiky e sto leggendo tutti i vostri commenti
    Non è facile comunque. Un marito dirigente a casa da novembre, una nuova attività tutta da creare, una bimba di 2 anni che fino ad ora non è andata al nido perchè non me l'hanno mai presa. E poi ancora collaborazioni extra per cercare di stare con mia figlia il più possibile cercando di contribuire economicamente. Un vortice davvero... Fortunatamente in Italia regna da sempre una buona dose di creatività ma è anche i paese in cui le mamme sono le più ostacolate. Non arrendiamoci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare figli e' una risorsa ma la nostra società ora come ora, non sembra accorgersene. Forza Barbara, lotta per quello in cui credi.

      Elimina
  8. Vado subito a dare un'occhiata;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere uno spunto ed una nuova opportunità.

      Elimina
  9. Io faccio parte della generazione "choosy"..maledetti ministri...di quelli che con due lauree,una famiglia (perché noi giovani siamo quelli che non hanno voglia di lavorare,né di studiare,né di accasarsi),un figlio,di quelli che lavorano dall'età di quindici anni per poi sentirsi offrire solo contratti a chiamata... e io accetto tutto quello che viene... basta che venga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi cosa vuol dire choosy non lo sanno nemmeno loro!

      Elimina
  10. capisco il vortice. eccome se capisco. ma poi arriva il momento in cui tutto diventa un pò più lineare (solo un po', ma va bene così). @barbara e minni, vado a dare un'occhiata. @elizabethB: un figlio è la più bella pazzia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già prendere una strada più precisa sarebbe un traguardo.

      Elimina
  11. Sono fortunata perchè ho un lavoro sicuro (per ora), e che pur chiedendomi molte energie mi lascia anche la possibilità di essere mamma...
    però quel vortice lo conosco...e quindi corro a dare un'occhiata!
    Grazie!

    RispondiElimina
  12. No comment. mi sono dovuta inventare un lavoro, causa crisi, con una laurea presa in perfetto tempo, con il max dei voti, 30 anni e tante esperienze. Altro che choosy...lasciamo perdere!

    ti aspetto per commentare il mio nuovo post su http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/boutique-del-benessere-da-corten-a-lecce/

    grazie

    Mari

    RispondiElimina
  13. lavoro dimezzato anche per me...
    i soldi non sono piu' quelli di prima...stipendi dimezzati..voglia al mille per mille del bis..ma non ce la facciamo ora...spero di vendere una casa eredidata' se fosse cosi' chiuderei il mutuo e potrei..ovviamente farei lo stesso i salti mortali ma almeno avrei un oppurtunita'..

    buon week piky

    RispondiElimina
  14. Ho sempre lavorato in proprio, tanti sacrifici, poche soddisfazioni economiche, ma riesco a gestire i figli abbastanza autonomamente col marito....ogni tanto la suocera ci da una mano la mattina x portare a scuola Miciomao.
    Il vortice? Mai visto via d'uscita...

    RispondiElimina
  15. io rientrerò fra poco nel doppio mondo lavoro-famiglia, quindi è un problema ancora sconosciuto per me ma spero (forse ingenuamente?) di riuscire a mantenere un equilibrio tra soddisfazione e serenità....

    RispondiElimina
  16. Ciao Pikyyyyyyy come state tutti? Cicina e Cestino? Il Principe splende sempre? Vado a fare una capatina su blog Bcomemamma :) Mi sei mancata

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso