DA UN SALUTO MUTO, NASCE SEMPRE QUALCOSA


Durante i nove mesi di questa mia seconda gravidanza l'ho incontrata molte volte. Il paese è piccolo e alla fine tutti frequentano gli stessi posti: il supermercato, il fruttivendolo, l'edicola e per fino la farmacia sono luoghi d'incontro. Non ti conosci, ma l'abitudine ti porta sempre a sorridere a dei visi familiari, poi, qualche parola sul tempo o sulle beghe quotidiane, fa il resto, e nascono dei rapporti che, se è troppo chiamare amicizia, di sicuro superano la semplice conoscenza. Io, piuttosto timida, ci ho messo un po’ ad abituarmi a questo, ma alla fine è stato piacevole lasciarmi andare e abbandonare la diffidenza che spesso uso come barriera contro l'ignoto e così, da un saluto muto, spesso, nasce qualcosa.
Con lei no, questo non è successo e non è stato possibile. La sua pancia cresceva di pari passo alla mia, e come me, aveva spesso un bimbo per mano: il suo primo figlio, che a occhio poteva essere coetaneo di Cestino.Anche la nostra età per me era simile e a guardarla era un po’ come osservarmi allo specchio. L'ho incrociata tante volte e altrettante le ho sorriso, per me era scontato che ricambiasse (prima o poi) ma lei non l'ha mai fatto.
Mi ricordo quel giorno che la trovai nel mezzo della corsia dei dolci, impegnata a braccare quel piccolo biondino, che correva e urlava in preda al capriccio del biscotto. Buttai lì qualche parola di solidarietà ma per risposta ottenni solo uno sguardo gelido, mi voltò le spalle e se ne andò, ed anche di quella volta che in fila per qualche fetta di prosciutto, guardandomi la pancia, il salumiere mi chiese:
"Quanto manca?"
"Un mese" risposi.
Poi osservando lei di poco spostata: "E a te?",
"Un mese" rispose.
Non disse qualcosa tipo "Pure" o qualcos’altro di simile, che rivelasse una sorta di legame o comunque un destino comune. Rispose "Un mese", come se la sua risposta fosse completamente diversa dalla mia, e i due tempi, irrimediabilmente distanti. Non voleva solidarietà e forse quella complicità la infastidiva. Ci rimasi male e, dentro di me, forse le diedi anche della stron@a, di sicuro da quel giorno iniziò a starmi antipatica e non le sorrisi più.

Giovedì scorso.
Secondo giorno di materna, mentre sto andando a recuperare Cestino, la scorgo da lontano. Anche lei, come me, ha in braccio un fagotto nato da poco, le passo davanti ma tiro dritto. Pochi minuti e sono fuori. La trovo così, nel parcheggio vicino, appoggiata a quella che credo essere la sua auto, piangere. Dentro i due bambini urlano a squarciagola, e lei batte un pugno sul cofano. La mia vocina amica mi sta dicendo "Piky non ti fermare" ma io, impercettibilmente, rallento. Non sono sicura di quello che le è successo, ma sento di saperlo. E' un periodo difficile, due figli da tirar su, esigenze completamente diverse e lei da sola a gestirle. Un marito che probabilmente lavora tutto il giorno e più presente di com’è, non può essere.
La stanchezza mischiata al sonno, le fanno scacco matto e lei spesso è in balia di nuvole nere. Non sopporta più le urla e la pazienza per i capricci è finita. In quelle lacrime leggo la sua storia e il mio istinto la prenderebbe per mano.
"Non ti preoccupare, non sei sola, è la sorte, la procedura cui nessuna si sottrae, ma non è nulla che non si possa sopportare anzi ancor meglio sarebbe viverlo per farlo passare più in fretta e lasciare spazio al bello". Questo in realtà l'ho solo pensato ma il suo animo deve aver sentito lo stesso, perché ha alzato la testa, con un fazzoletto si è asciugata gli occhi, è salita in macchina e con la mano mi ha salutato.
Oggi pomeriggio c'è la riunione dell'asilo, magari le siedo a fianco.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

64 commenti:

  1. si stalle seduta vicino, con il tuo garbo, il tuo dolce sorriso..
    Almeno saprà che ci sei....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo non c'era ma di sicuro ci sarà un'altra occasione.

      Elimina
  2. Risposte
    1. Proverò ad offrire solidarietà e sorrisi, sperando di esserle di conforto. Come dicevo sopra, alla riunione non c'era ma di certo la incontrerò di nuovo.

      Elimina
  3. sì vicina, magari ha solo paura a chidere aituo.io spesso ho paura a farlo e allora metto su la mia maschera da donna dura e allora è un casino.anche io vorrei qualcuno che mi sorridesse come te quando mariomerola 'ozzapatore (mio figlio ;) esce fuori in tutta la sua irruenza...che fatica... ma forse hai ragione bisogna viverlo per poi arrivare al bello, è che a volte il bello sembra non arrivare mai per me che vedo gli altri sempre un gradino più in alto.scusa lo sfogo ma sta matt ho appena detto a mio figlio che nn lo sopporto visto i capricci costanti per vestirsi ecc...un delirio e il senso di colpa avanza.anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La maschera da donna dura mi sa che ce l'abbiamo tutte nell'armadio!!!
      Capisco certi momenti e credimi, facciamo tutte la stessa strada, un giorno va meglio, un giorno peggio. La montagna russa delle mamme, a non salirci ci si perde il divertimento.

      Elimina
  4. Si, siediti accanto a lei. Anch'io credo abbia solo paura di chiedere aiuto, di parlare, di aprirsi ma credo abbia anche infinitamente bisogno di comprensione, ascolto e aiuto.
    Ho vissuto la vostra stessa situazione quando Ercolino era piccolo e Tato aveva solo 18 mesi in più. Quanti momenti bui, quante lacrime ma ho avuto la fortuna di avere un marito che mi è stato molto vicino e mi ha sempre sostenuta e aiutata.
    Facci sapere com'è andata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scrivevo a Mimma: non c'era ma altre occasioni ci saranno e se vorrà io sarò felice di avvicinarmi, che poi siamo entrambe mamme nuove per quanto riguarda l'asilo, e un po' di solidarietà serve anche a me!!!

      Elimina
  5. :) penso davvero che le farebbe un gran bene...

    RispondiElimina
  6. Cara Piky, con il tuo splendido sorriso e il tuo entusiasmo travolgente riuscirai a fare breccia nel suo cuore magari un po' troppo duro:-)) buon lunedì amica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francyyyy!!!! Grazie per le tue parole, ci provo sempre a mettere un pizzico di positività anche nelle giornate nere e se lo posso condividere ne sono felice. Come va la settimana di inserimento? Noi oggi orario completo, comprensivo di pranzo.

      Elimina
    2. Cara piky l 'inserimento va alla grande! Anche per noi primo giorno di pranzo ;-)) un bacio e buon week end!!

      Elimina
    3. Che ometti che sono! Anche qui tutto sereno all'orizzonte...per ora!

      Elimina
  7. ...come la capisco, a volte pure io per timidezza metto la maschera da dura...
    e quanto mi sarebbe piaciuto in situazioni difficili avere una pacca sulla spalla da qualcuno che veramente può capire, quindi hai tutta la mia ammirazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari ci sorreggiamo a vicenda no?!? ;-)))

      Elimina
  8. Sei dolcissima, Piky, e buona.
    Forse non si è meritata i saluti e non meriterebbe che tu le stessi vicina, visto il passato, però ora ha sicramente bisogno di sentire qualcuno vicino e potrebbe, chissà, in futuro meritarsi un'amicizia.
    Non si può mai dire e un gesto carino non è mai sprecato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse e' solo molto timida ed il mio comportamento e' passato per invadenza, del tipo "Ma che vuole questa?" ... Io in realtà cercavo solo di far conoscenza perché condividere il periodo che stavamo passando, sarebbe piaciuto anche a me.

      Elimina
  9. Chissà cosa le passava per la testa quando, un po' superbamente, metteva distanza fra voi. Sei molto dolce ed empatica, fai bene a starle vicino, noi mamme dovremmo farlo sempre, invece di avvelenarci con sciocche diatribe e competizioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra mamme mi viene naturale provare solidarietà e magari cercare e trovare, un confronto che arricchisca.

      Elimina
  10. Forse ha solo bisogno di una spintarella :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proverò a sorriderle di nuovo, vediamo se raccoglie l'invito!

      Elimina
  11. Se la vedi, avvicinala, una mano sul braccio, sulla spalla dicono di più di mille parole. A volte i problemi ti fanno tenere le distanze, alzare barricate, ma sono barricate fragili che un gesto può abbattere..
    Fallo, poi voglio sapere neh!
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo farò, cercherò un modo giusto ed aspetterò l'occasione. Ovviamente ti faccio sapere. :-))

      Elimina
  12. a volte una mano amica fa più di mille parole, siediti vicino e lo apprezzerà di sicuro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lunedì alla fine non c'era ma un'altra occasione si presenterà di certo.

      Elimina
  13. a me e' successo una cosa molto simile alla tua, solo che io ho gettato la spugna e ho mandato a fan culo questa.
    forse magari la differenza che lei non aveva nessun problema alle spalle...quindi io ho cercato in tutti i modi un suo sorriso un suo saluto ma niente -.-
    si piky sei troppo buona, io non so se sarei come te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà anch'io avevo gettato la spugna, ma vederla così abbattuta non mi ha lasciato indifferente. Avrei potuto esserci io al suo posto. Una parola, un sorriso non costa nulla e può fare la differenza a volte. :-)))

      Elimina
  14. che rottura queste che non salutano, ti guardano con la puzza sotto il naso della serie "come osa questa cretina"!

    c'è una nel palazzo dove vivo che ha a suocera che abita sopra casa mia e la mamma un paio di piani più su, l'ho vista con la pancia e la incontro tutte le mattine che porta la bimba (orma quattrenne) dall'una o l'altra nonna ... non ha mai risposto al mio saluto MAI! neanche quando ero incinta, neanche adesso che il mio bimbo ha quasi quattro mesi ... ho rinunciato, dopo quasi sei anni ho rinunciato!

    facci sapere come va piky, magari questa è solo timida!
    un abbraccio
    Princi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso anch'io che sia solo timida, perché ho notato che non guarda mai di fronte a se, preferisce puntare lo sguardo verso il basso e non l'ho vista mai sorridere.

      Elimina
  15. Quanti pianti mi sono fatta pure io... come la capisco, come vi capisco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io più che pianti ho momenti di "follia" quelli in cui mi sembra di essere su una giostra velocissima e non riesco a capire che giro sto facendo. Qualche volta mi dico "voglio scendere" ma in realtà mento perché io amo la mia vita, con tutto ciò che questo comporta.

      Elimina
  16. Sei una persona speciale, di come non ce ne sono più tante in giro.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ....sono molto normale in realtà! :-))))

      Elimina
  17. Molte persone si chiudono a riccio ma in realtà sono le più bisognose di affetto!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E proprio perché bisognose, si chiudono, innescando un circolo vizioso difficile da penetrare.

      Elimina
  18. Sei una forza della natura! Un abbraccio immenso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :-))) ma credo che molte avrebbero avuto i miei stessi pensieri!

      Elimina
  19. A volte quando ci si sente sole, stanche, si hanno mille pensieri per la testa, non si ha voglia di parlare con nessuno. Forse è per questo che i tuoi sorrisi non hanno mai trovato risposta....
    Chissà...magari diventerete pure amiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo pensiero forse rivela una grande verità, io sono qui...non ho mai chiuso la porta ad un'amicizia. ;-)))

      Elimina
  20. in un giorno mio molto triste, incontrai una nonnina che mi guardò negli occhi,quegli occhi che a stento quel giorno trattenevano lacrime, e mi disse una cosa carina(non ricordo bene le parole, ma ricordo che fu molto dolce). Per me fu una finestra aperta per farmi riprendere fiato, una sorta di angelo custode umano. Forse tu per lei sarai lo stesso, forse sarai una presenza preziosa, anche solo con un sorriso. Bella Mari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella questa storia...sono questi i momenti che si ricordano come "fondamentali";-)))

      Elimina
  21. Sei un tesoro di ragazza, mi hai davvero commossa, ci vuole tanta sensibilità per raccontarsi e raccontare come fai tu, sono sicura che da quel piccolo cenno nascerà qualcosa, spero che ce lo racconterai, un bacio grande cara, a presto:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le mie sono solo supposizioni, forse anche sbagliate ma certi stati d'animo a volte sono così chiari che solo chi li sta vivendo, non riesce a decifrarli.

      Elimina
  22. Se te la senti e con discrezione, può essere solo un pò di stanchezza, stress post parto o possono esserci delle cause serie e gravi.
    Se come essere umano non ti è indifferente il suo dolore prova a fare quel passo in più che volevi.
    Ma ti ripeto con cautela non si sà cosa c'è dietro la porta d' ingresso di una casa e di una famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non forzerei mai la mano, la allungo solamente se lei la vuole afferrare. :-))))

      Elimina
  23. Anche io come te vorrei sempre aiutare tutti e dire che ci sono passata anche io e tutto si supera.
    A volte però mi è capitato di incontrare persone che comunque, anche se ne avevano bisogno, non volevano essere aiutare nè capite... e lì ho mollato anche se con piccoli sensi di colpa.
    Spero che questo non sia il caso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho pretesa di essere la sua "salvatrice", di certo si tratta solo di stanchezza e stress, a farle versare qualche lacrima, ma a volte scambiare due chiacchiere con una voce amica, può servire a rendere la giornata meno nera!

      Elimina
  24. sei dolcissima...la solidarietà tra mamme è fondamentale. Sembri avermi letto nella mente: oggi sarebbe servita a me una pacca consolatoria sulla spalla da una mamma che ha passato/sta passando quello che passo io...

    http://www.mammaorachefaccio.com/2013/09/la-stanchezza-di-una-mamma.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi non serve una pacca consolatoria?!?! ;-)))) considero questo blog un luogo di confronto, scambio e solidarietà, quindi se vuoi io sono qui!

      Elimina
  25. Piky, sei speciale, lo sai vero?
    Segui il tuo istinto, per me le farsi un regalo enorme.
    La solidarietà tra mamme è il trucco per restare a galla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no speciale no!! Sono una mamma che forse sa, quello che lei sta passando. :-))))

      Elimina
  26. Speriamo che accetti il tuo aiuto, a volte basta proprio poco per stare meglio.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stamattina l'ho incrociata mentre portavo Cestìno all'asilo, ci siamo salutate e l'ho vista sorridente, chissà magari e' un inizio!

      Elimina
  27. Quella solidarietà che si prova verso chi intuiamo sta vivendo la nostra stessa situazione o una situazione che abbiamo già affrontato, ci porta inevitabilmente ad offrire il nostro sostegno, la nostra sensibilità a persone che non conosciamo perchè, più di tutto, vorremmo poterle liberare dal peso che gli grava addosso forse anche per espiare nuovamente il dolore, le difficoltà e l'angoscia che abbiamo dovuto vivere potendo contare magari solo sulle nostre forze. Mi accade spesso e in quei casi cerco di usare la massima delicatezza, di pronunciare poche parole e aprirmi all'ascolto e quasi sempre automaticamente da una parola esce fuori un lungo racconto al termine del quale, non di rado, mi ritrovo gli occhi umidi, ma felice perchè dopo quella confessione, quel racconto, quella confidenza, quell'animo sarà un po' più leggero.
    E' accaduto anche a me in questi ultimi giorni, persone, anche sconosciute, hanno compreso cosa stavo vivendo e si sono avvicinate a me per offrirmi una parola, un sostegno a cui aggrapparmi e quei dolori atroci, sono diventati sicuramente più facili da sopportare. Un grande abbraccio a tutte le donne/mamme che non ce la fanno più, siamo forti ricordatevelo e quando il mondo sembra un peso troppo grande da sostenere, fermatevi un attimo, respirate, venite qui da Mamma Piky, dopo aver letto qualche post quel peso sembrerà automaticamente più leggero. Un bacio grande a tutte voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Averti qui, e' sempre una ricchezza. I tuoi commenti e le tue parole trasudano verità e lealtà, per questo sono dei tesori preziosi. Spero tu voglia condividere i tuoi pensieri ancora.
      Grazie di cuore e spero che tu stia meglio e possa risolvere tutto in brevissimo tempo. :-)))

      Elimina
  28. Commovente, convido sulla mia pagina. Chissà perché la gente si comporta così. Io di mio sarei molto socievole, ma la poca conoscenza della lingua e le 'brutte' esperienze mi stanno un po' 'indurendo'...
    E poi sì, con due bambini piccoli, il marito via tutto il giorno, come vi capisco. Ma già dopo un anno ho due cuccioli molto più autonomi e quando giocano insieme e ridono senti di aver veramente dato vita a un capolavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con l'arrivo dell'autonomia credo si esca un po' dal "tunnel", c'è solo da aspettare e pazientare anche perché poi il tempo passa in fretta ed i momenti difficili sono presto dimenticati e sostituiti da bei ricordi.....
      ....non so, forse la sua era solo timidezza e nonostante il giorno della riunione non fosse li, l'ho incontrata una mattina, ci siamo salutate come se ci conoscessimo da tempo...il ghiaccio si è sciolto.

      Elimina
  29. che carino è stato il tuo pensiero... è bello quando l'empatia riesce a vincere...sull'antipatia! mi ricordo quei periodi e il grande avvilimento, e solo adesso so che poi passa, davvero, come mi dicevano tutti. che non è reale il muro di difficoltà che vedi davanti a te... menomale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non è reale, e' solo la vita che ti mette alla prova ma che già sa, che vincerai!

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso