IL MOLTO ALTRO (di cui ignoravo l'esistenza)


Il problema c’è e sembra esser serio perché l’asilo è iniziato da nemmeno un mese e la bimba picchia fin dal primo giorno. Lo fa sistematicamente e sembra anche in maniera violenta, colpisce a casaccio e non disdegna usare i denti. L’ultimo episodio risale a ieri e presto verranno di nuovo convocati i genitori che, invitati a riprendere la figlia, sembra che abbiano risposto di non preoccuparsi più di tanto perché si comporta così anche a casa. E allora mi torna in mente, quel giorno dal pediatra in cui l’ho incontrata la prima volta, disse che lei era per il ceffone ma ora s’innervosisce se la maestra, la ferma per la quinta volta in una settimana.  Lei è una mamma.

L’altra invece è dolcissima, ha tre bambine praticamente identiche tra loro.
“Una va al nido le altre due qui, in classi diverse però, perché le sorelle sai, le separano”.
E’ il terzo anno che “frequenta” l’asilo ma non conosce nessuno.  Non è del paese, dice, e nessuno le da confidenza, però le sue figlie corrono sempre ad abbracciarla e la riempiono di baci.
Lei è una mamma

Quelle due son sempre insieme e paiono personale della scuola. Smistano comunicazioni, intervengono sui programmi, e pilotano le iniziative. Le ho anche viste far fotocopie per motivi abbietti!
Sanno tutto di tutti e mentre si fermano nel piazzale a discutere importanti questioni, i loro figli corrono indisturbati in mezzo alla strada e si lanciano lo zaino da una parte all’altra.
Loro sono mamme.

Lui è sempre di corsa, non porta la figlia in aula, praticamente la lancia. Ha un’auto sportiva che ovviamente sgomma e degli occhiali verde evidenziatore.
“Come si chiama la bambina?” gli ha chiesto la bidella. Lui frena e schioccando le dita, in modalità ora mi torna in mente, ci ha messo almeno 5 sec di troppo per dirlo, ma per fortuna si è ricordato!
Lui è un padre

Quel signore con gli occhiali invece è rappresentante di classe.
“L’ho sempre fatto” spiegava a una mamma “e lo farò anche quest’anno, i bambini li seguo io perché mia moglie è troppo ansiosa”, e sembra essere bravissimo con i lavoretti manuali. Parte dell’Arca di Noè che è alla porta, è opera sua. Lui è un padre.

Questo per lei è il quinto anno di materna.
“Tre anni con il primo, due anni con la seconda”.
Entrambi i figli hanno avuto le stesse maestre, le uniche degne di questo nome..
“Sono le migliori, dentro la scuola fanno tutto loro”.
Ora ha un problema, gliele hanno sostituite in corso d’opera e adesso le tocca cambiare opinione.
Lei è una mamma.

Poi ci sono io, sempre in ritardo o quasi, con un look mattutino out of bed, un Capitan Uncino per mano e una Urlatrice in braccio, che è sempre meno piccola e sempre più pesante.
Faccio parte di questo mondo di mamme e papà che popola l’asilo, mi sento spesso fuori luogo e mi guardo intorno con circospezione. Forse tra due anni mi ritroverò a non aver conosciuto alcun genitore, oppure sarò rappresentante di classe e farò parte del Comitato Creativo,  ma per ora mi muovo cauta e non mi “alleo” con nessuno.

Tuttavia questo primo mese ha un bilancio estremamente positivo perché da  quel giorno in cui la trovai in lacrime al parcheggio, c'è stato un seguito.
Ve la ricordate?
Non era venuta alla riunione d’inizio anno ma qualche giorno dopo si è avvicinata, ha sorriso e allungato una mano.
Ora c’incontriamo praticamente sempre, abbiamo gli stessi orari e non ci facciamo mai mancare due chiacchiere, di sicuro prima o poi ci prenderemo un caffè.
La conosco ancora poco ma le nostre vite si somigliano…e ci avrei giurato!
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

51 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie, in realtà e' molto semplice ma dentro ci metto tutto quello che sono!

      Elimina
  2. L'inizio della scuola materna di Lorenzo ha segnato per me l'ingresso nella società dei genitori, perchè fino a quel momento ero sempre stata fra le mie quattro mura o con le mamme che frequentavo nei weekend coi rispettivi mariti e bambini. Ho capito subito che era un mondo variegato, fatto di cose che non mi piacevano e di altre cui avrei potuto guardare come ispirazione. Spesso però mi sono sentita fuori posto, diversa e con niente in comune. Ma ho trovato anche delle donne con cui ho scambiato e continuo a scambiare opinioni, chiacchiere e confidenze. Bisogna "solo" saperle riconoscere e l'istinto è un valido aiuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ho visto che son tutte divise in gruppo, il che e' pure normale visto che stiamo parlando di un asilo con più di cento bambini. Io sono piuttosto timida per il primo approccio e questo a volte mi frega perché mi fa passare per antipatica, però mi sciolgo presto eh!!!

      Elimina
  3. Verissimo ciò che dici...... mi ci ritrovo anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia un po' la quotidianità di tutte ma i primi giorni e' curioso guardarsi intorno.

      Elimina
  4. noi abbiamo ancora un anno di nido, ma tremo già un pochetto per il prossimo anno.accidenti all'ansia da prestazione.anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna ansia, io ne ho parlato con ironia ma e' un bell'ambiente.

      Elimina
  5. Quest'anno il più grande dei miei ometti è entrato nel mondo della scuola primaria, beh che dire dopo tre anni belli e positivi alla scuola materna dove avevamo tutti socializzato ( genitori e bambini) ed avevamo scoperto che era piacevole starbuona per creare occasioni x stare insieme, mi ritrovo "sola" perchè abbiamo scelto la scuola del nostro paese abbandonando la realtà cittadina che se pur poco distante non prevede il tempo pieno, per fortuna il mio "ometto" non ha avuto di questi problemi visto che in un men che non si dica si è circondato di nuovi amici, ma io lo ammetto mi sento fuori luogo. Le altre mamme fanno "gruppo", si conoscono dai tempi della materna dei loro figli e io vorrei tornare bambina e seguire la spontaneità di mio figlio per farmi "nuove amiche", chissà che prima del termine dei 5 anni io non ci riesca. Una abbraccio a tutte le mamme che si sentono "fuori luogo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima elementare e' un po' come il primo anno di materna, e' un passaggio per loro e per noi,in fondo quel che ho capito in questi primi giorni, e' che l'avventura e' iniziata anche per noi, anzi soprattutto per noi!

      Elimina
  6. Noto che negli asili, nidi o materne che siano, girano più o meno le stesse tipologie di persone...
    E come te, anche io sto piuttosto sulle mie, almeno in fase iniziale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la timidezza che mi frega anche a quasi 40 anni!!! Però solo all'inizio eh?!?!?

      Elimina
  7. ah qui devo farlo pure io un post...
    da quando matti ha iniziato la materna mi sono accorta delle tipologie di mamme una diversa dall altra, so che non devo mai parlare mai di una maestra so che non devo mai dire nulla di male di un altra mamma..
    so che devo farmi i caxkdmk...miei..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io per ora non ho visto nessuna farsi i caxkdmk propri, quindi niente scrupoli! ;-))))))))))))))))))))

      Elimina
  8. mamma picky mi fai morire, sono contenta per la tua nuova amicizia. Brava...con la tua sensibilità avevi colto tutto.

    RispondiElimina
  9. Fauna delle scuole. C'è di tutto, il bello e il brutto.
    Chissà in che specie mi inseriresti?! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io ti vedrei nella categoria delle navigate, di chi ha già esperienza ed ha il vademecum tutto in mente!!! Ti piace?!!! ;-))))))

      Elimina
  10. Risposte
    1. Grazie ma ho solo guardato quello che avevo intorno, ed intendiamoci, nella fauna d'asilo mi ci metto anch'io!!! Nella scuola inglese chissà che mamme si trovano?!?! Sarei curiosa!

      Elimina
  11. bello davvero il magico mondo dell'asilo!! al momento il bilancio è molto positivo anche per noi;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai aspetto il tuo post sull'argomento!

      Elimina
  12. Ti auguro un felice proseguo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, aggiornerò la situazione!

      Elimina
  13. ma dai, che bello! (mi sono ritrovata nelle tue descriz.dei genitori...un giorno mi dedicherò a raccontarvi dei miei :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiornerò la fenomenologia nel corso dell'anno ed aspetto la tua, corredata di immagini!

      Elimina
  14. Deve essere bello vedere tanti stili di genitori diversi tutti insieme...tipo documentario di quark.. :)
    darling

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sento l'ultimo gradino dell'ecosistema e mi sa che sarò pasto per i vertici della catena alimentare!

      Elimina
  15. Bellissimo questo seguito! Buona giornata. Un bacione

    RispondiElimina
  16. Cambiano latitudini e città, ma la realtà è sempre quella! Un ritratto verissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'asilo non e' solo affare per bambini! ;-))

      Elimina
  17. io sono ancora in inserimento (il mio, il pargolo è a posto). Dopo due anni di nido e il secondo di materna appena iniziato posso dire senza troppo orgoglio che no, non mi sono ancora inserita. Arrivo tardi anch'io però a mio favore c'è che lui mi corre sempre incontro, solo dopo essersi nascosto e avermi fatto lo "scherzetto".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora ricevo abbracci e baci anch'io al mio arrivo, ma ho notato che rispetto ai primi giorni, sono in diminuzione, spodestata da amichetti e amichette!!

      Elimina
  18. il mio bimbo non lo porto ancora all'asilo, stiamo avendo problemi con il pannolino e se non è spannolinato non lo prendono, ma credo che sarei esattamente come te, osserverei sperando di passare inosservata, è bello e denota sensibilità che tu ti accorga di tutto questo mondo che circonda la seconda casa dei nostri bimbi, almeno per il tempo che passeranno li... spero di essere una mamma come te, attenta e "vera mamma" . Sei speciale ma credo di avertelo già detto e leggerti è per me sempre un piacere.
    Sono felice che con la mamma che non ti salutava adesso le cose siano cambiate, credo sia merito tuo, se sei nella vita reale solo la metà di ciò che si percepisce leggendoti, beh, non poteva resisterti a lungo:-) Un abbraccio cara e a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per noi togliere il pannolino e' stato un lungo percorso ma ci siamo " salvati" nello sprint finale e se pensavo che con l'arrivo della sorella, le cose sarebbero peggiorate, lui mi ha sorpreso ed a superato la fase!

      Elimina
  19. Anch'io ne vedo di ogni al mattino, e le notavo maggiormente l'anno scorso, il secondo anno ci fai meno caso, fidati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo anno spero che molte di loro saranno amiche!

      Elimina
  20. Che bello questo racconto fatto di istantanee!
    Mi colpisce molto e lo percepisco come slegato all'aneddoto finale, perchè non riesco a staccarmi da questo collage.
    Senza contare che sei una creativa, con l'anima da fashion blogger (secondo me) :D "Look mattutino out of bed" è strepitoso!!! XD

    RispondiElimina
  21. Pensa che diresti di me... Meno male che siamo distanti... Meno male! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora ti "studio" un po', poi te lo dico! ;-))))
      Ironicamente eh?!?!

      Elimina
  22. immagino...noi siamo al primo anno di nido quindi abbiamo ancora quasi due anni di respiro. anche le mie amiche mi raccontano di quest igruppetti, commenti e simili... che brutto...che ansia!!!

    NEW POST http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/hairstyle-deccellenza-paul-mitchell/

    grazie
    Mari

    NEW POST http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/hairstyle-deccellenza-paul-mitchell/

    grazie
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il nido vuole la sua parte eh?!?!

      Elimina
  23. Risposte
    1. Ero certa che fosse una "simpatica", solo che lei non sapeva!!! :-)))

      Elimina
  24. Ancora un anno e un post così lo leggerai nel mio blog... sperando di fare anche io amicizia con altre mamme ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarò curiosa di leggere, poi con la tua ironia.... :-)))))

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso