UN WEEK END, NON PUO' INIZIARE DI MARTEDI'


C'era da fare una cosa.
Un mix tra lavoro, tempo libero e pubbliche relazioni. Un'occasione per stare anche un po' insieme e uscire dall'ambiente casa, con la speranza di vivere dei momenti carini pre/vacanze e avere qualcosa da catalogare nel file dei ricordi. C'era da caricare in macchina una valigia e due minori e c'erano pure 400 km da percorrere all'andata e 400 al ritorno, nello spazio di un weekend, che però sarebbe iniziato di martedì e terminato il giorno dopo.
Com'è andata? Serve che lo racconti?
Una pazzia!

Io e il Principe siamo dei coraggiosi ed anche degli inguaribili ottimisti, ma la conclusione è che una carovana non può spostarsi per periodi inferiori la settimana e anche se viaggiare con bambini, è bello e possibile, di certo questi non sono i modi e soprattutto son sbagliati i tempi, però l'ho detto: si trattava di cosa da fare e lasciarli a casa, non era comunque possibile.
Tuttavia, nonostante i deliri, qualche aspetto positivo l'ho raccolto e di certo siamo tornati più ricchi (non economicamente parlando) e più forti.
Ora lo sappiamo: possiamo affrontare dure esperienze e siamo dotati di pazienza, più di quanto credevamo. Grossa soddisfazione è stata la sistemazione: albergo nuovo, moderno, ben attrezzato e pure economico.
Una camera che sarebbe il nostro sogno, e un buffet colazione che ha soddisfatto l'esigente palato di Cestino "Mamma quest’albergo è un castello" .
Vi lascio il LINK caso mai doveste andare nei pressi di Verona, è un'ottima soluzione con un ottimo prezzo.
Seconda nota positiva, la visita per cui siamo andati: una bella esperienza.

Confrontarsi con una realtà di portata internazionale, non è cosa da tutti i giorni, né per noi né per loro e aver visto uno di quegli uffici "da Presidente", spero sia di buon auspicio per il prossimo anno lavorativo.
Il viaggio di ritorno è stato istruttivo.
Attimi difficili alternati a brevi sonni, e comunque è stato sorprendente vedere la loro capacità di adattamento anche a situazioni avverse, se affrontate con mamma e papà. Cestino, iperattivo qual è, ha capito il sacrificio del momento e si è fatto bastare un libricino da autogrill e un panino, mangiato al volo. Cicina ha protestato un po', per l'immobilità forzata, ma poi saggiamente, si è arresa.
Il Principe malaticcio, ha dato il meglio di se alla guida e ci ha portati a casa in tempi ragionevoli e, io, da amante dei viaggi dove puoi ammirare il panorama, non mi sono rilassata fino al varco del cancello di casa, ma in silenzio ho ripassato un po' di geografia italiana, che qualche sera fa con degli amici, ho vinto il premio della figuraccia, quando alla domanda "Quali sono i capoluoghi dell'Emilia e del Veneto?", mi son trovata a elencare, in ordine però, le uscite dell'autostrada!
Ora siamo a casa, sono stramazzata sul divano, con la prepotente esigenza di una doccia lunga un altro week end, ma anche con una valigia che scoppierà non appena toglierò il lucchetto, un Principe ko e due minori che hanno esaurito le buone azioni della giornata.
Ho una consapevolezza in più: un week end, non può mai iniziare di martedì.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

26 commenti:

  1. Ti capisco...come ti capisco...
    Buon riposo! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino ti sia capitata la stessa cosa. Come ne sei uscita?! ;-)))

      Elimina
  2. Che bravi e che coraggio! Io faccio fatica a mobilitare tutto e tutti anche solo per due giorni. Forse perché Vittorio è ancora esagitato e 400 km li reggerebbe malissimo... Motivo per il quale alla fine forse per la prima volta dopo tanti anni trascorreremo il Natale a Roma senza grandi spostamenti. Ma a febbraio sono previsti un mega sbolognamento di nano e tanta montagna!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe 400 km non sono pochi nemmeno per noi adulti, però e' andata benino....bene no, ma benino ci può stare! ;-)))

      Elimina
  3. Sei una forza della natura mamma piky;-))

    RispondiElimina
  4. wow…belle pazzie, le appoggio! bravi! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando non avevamo ancora figli ne facevamo tante di pazzie così....oggi so che quelle non erano vere pazzie!!! :-)))

      Elimina
  5. Risposte
    1. Sono abbastanza resistente, lo sto scoprendo ogni giorno di più!!!
      :-))))

      Elimina
  6. Fantastica e coraggiosa! Buon riposo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La notte ho dormito come un ghiro, credo che nulla mi avrebbe potuto svegliare!

      Elimina
  7. Mamma mia ma come avete fatto!!!!!!!! Brava brava ti credo che poi eri distrutta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A rileggere ora il post, me lo domando pure io come abbiamo fatto! Non lo so sinceramente però non ripeto l'esperienza, perché una volta di può dire anche un po' di fortuna, ma la seconda non si scampa!! ;-)))

      Elimina
  8. accidenti che fantastico albergo...purtroppo non posso permettermelo.
    ma e' davvero meraviglioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà nemmeno io, ma hanno sempre ottime offerte e noi abbiamo approfittato di una di queste.

      Elimina
  9. Hai tutta la mia ammirazione per cotanto coraggio!!

    RispondiElimina
  10. Per noi un viaggio così lungo significa super ansia fino al giorno della partenza quindi non posso che farvi i complimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh ma l'ansia l'abbiamo messa in valigia!

      Elimina
  11. Due giorni fuori con due piccoli sotto i 4 anni sarebbero duri partendo da qualsiasi giorno della settimana ;)!
    Ora il Natale non potrà che essere una passeggiata ... quindi auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In verità di quel giorno ho un po' "timore", studierò un piano per sopravvivere!

      Elimina
  12. ...però vuoi mettere la soddisfazione di scoprire che i nostri limiti sono più in là di quel che credevamo?! Io prima di partire ero terrorizzata, ma dopo gli stati uniti non mi spaventa quasi più niente con i bambini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ad ogni avventura i limiti si spostano un po' più in la, di questo passo arriveremo lontano!

      Elimina
  13. vedrai andrà bene noi ci simao fatti 15 ore di volo e 15 giorni lontani... stanchissiuma come se non avessi fatto ferie ma felice :)
    ti aspetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un numero imprecisato di ore di volo, devo dire che mi preoccupa non poco, ma non rinuncerò e prima o poi, troverò il coraggio per provare!

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso