QUESTO VENERDI' DEL LIBRO VE LO REGALO


Alla fine Babbo Natale con la lista che feci, si è dato un sacco da fare, e una gran parte di quello che avevo chiesto, ora lo stringo tra le mani.
L'elenco dei libri per esempio è completo per 2/3, manca la Lipperini ma provvederò presto.
Del padre infedele ne ho parlato venerdì scorso, mi è piaciuto e l'ho consigliato e oggi nei programmi c'era Fabio Volo, più leggero e spensierato, il giusto, dopo un argomento impegnativo come quello di Scurtari, sennonché questo venerdì mi trova piuttosto impreparata, perché a me LA STRADA VERSO CASA non va né su né giù, non riesco proprio a percorrerla, mi annoio leggendola ed alcuni amici (vedi Mimma) mi avevano pure avvertita.
Mi dispiace eh, perché Fabio Volo alla fine mi sta pure simpatico e i suoi libri li ho letti tutti, ma sono oramai lontani i tempi in cui fotografavo entusiasta la vetrina di un caffè di New York, solo per il gusto di riprodurre una copertina.

Non è che sia passato molto in realtà, stiamo parlando di appena quattro anni fa, ma allora Cestino era solo nella mente, Cicina ancora di meno: ed io non ero mamma,  questo forse spiega tutto.
Spiega il perché un libro da "adolescente", che prima avrei trovato irresistibile, ora mi appare banale, e perché le emozioni che prima sembravano mie, ora non sono altro che un ricordo sbiadito di altri.
Dico questo con un pizzico di rammarico perché forse in sala parto, ho lasciato molto della vecchia me eppure io, la mia vita di prima non la rimpiango. Non m’importa quello che non posso più fare (e poi chi ha detto che non posso?), m’interessa di più quello che di nuovo sto facendo, e anche se il mio tempo  pre child mi piaceva, questo qui mi piace di più e con lui, mi piaccio più anch'io.
Ho smussato difetti e scoperto nuove qualità, amo altre cose ed anche altri libri, questo qui ad esempio non mi piace e gli dovrò trovare una giusta collocazione: se volete ve lo regalo!
Mi scuso con Fabio ed esercito il diritto n° 3 di Pennac


Si lo so l'immagine non si legge bene, però potete andare QUI

Con questo post, in modo anomalo, partecipo al Venerdì del libro di Homemademamma
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

49 commenti:

  1. Forse il nodo cruciale è che noi siamo cresciute, mentre la scrittura di Fabio Volo resta sempre allo stesso punto...forse mi sbaglio. Cmq io ho letto solo due libri di Volo, "Il tempo che vorrei" e "Le prime luci del mattino" e onestamente non ho mai saputo come giudicarle...sicuramente letture leggere, senza infamia e senza lode.
    N.B. trattasi di personalissime opinioni, e pertanto opinabili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si e' vero sono libri leggeri, facili ma fino a qualche anno fa ci trovavo una morale e sentivo che mi somigliavano. Oggi e' tutto cambiato, sono cambiata io e forse Fabio Volo dovrebbe rimettersi in gioco ed osare di più, o lasciar perdere.

      Elimina
  2. Mamma Piky, di Volo ho letto solo due libri: Un posto nel mondo e Il giorno in più. Letti durante l'estate e dopo aver letto libri impegnativi.
    Tutti gli altri non sono mai riuscita a finirli e quindi anch'io ho esercitato il diritto n° 3 di Pennac!!!
    Sto leggendo un libro stupendo e spero di riuscire a terminarlo per settimana prossima così preparo la recensione e la condivido.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai incuriosito, spero che in questi giorni la tua lettura sia proseguita e di leggere presto la tua recensione.

      Elimina
  3. ogni libro ha il suo momento! in più io utilizzo scrupolosamente le regole di pennac!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa che ogni libro ha il suo momento e' una verità santa....dopo il secondo parto ad esempio, non so leggere storie tristi e drammi e ho abbandonato un po' anche i gialli, sono diventata piuttosto emotiva!

      Elimina
  4. Esercita, esercita... Certi libri se lo meritano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In genere non mi faccio scrupoli a lasciare un libro a metà se non c'è feeling non c'è ....leggere per me e' un momento di vero piacere che mi dedico ma sempre più raramente ( crollo dopo nemmeno una paginetta), non voglio sprecarlo con ciò che non mi piace.

      Elimina
  5. Io ho iniziato il primo e non sono riuscita a finirlo...al che ho capito che per me fabio volo era un divertente speaker radiofonico....ma scrittore proprio no.
    W i diritti di Pennac!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò...si e' smosciato un po' anche come speaker!

      Elimina
  6. Sono nella tua stessa "barca" li ho tutti i suoi libri ma son "bloccata" su questo ..e il perchè l'hai spiegato tu perfettamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo riposto in libreria in attesa che qualcuno lo adotti. Io gelosissima dei miei libri, questo lo posso cedere.

      Elimina
  7. che belli i diritti del lettore!! Concordo con te comunque, Volo è forse un po' troppo leggero e a me sinceramente ha stufata, ho letto qualcosa gli anni scorsi e devo dire che mi è bastato. Chi invece continuo ad acquistare è De Carlo che però, ugualmente, negli ultimi romanzi mi ha un po' delusa: fiacco, inconcludente... mi sa che quel malessere esistenziale che ha dato vita a capolavori come Due di due gli dev'essere passato!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile replicare grandi capolavori purtroppo, forse cambiando completamente stile si potrebbe far bene lo stesso altrimenti si rischiano solo brutte copie

      Elimina
  8. Dopo che ne leggi uno, li hai letti tutti! Magari cambia pure lui, forse, visto che ormai vive la paternità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che su questo tema ci aspetterà qualcosa!

      Elimina
  9. Odio i libri che non riesco a finire! in genere mi ci incaponisco e ci riprovo altre 2 o 3 volte... ma niente, ci sono libri che proprio non ci vanno giù.
    Io di Volo ne ho letto mezzo, quel che ho letto era carino ma ero già mamma, e come dici tu non mi ci sono trovata affatto... preferisco ascoltarlo alla radio, che mi fa sbellicare! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di accantonarli anch'io insisto un po e magari ritengo dopo un po' di tempo però se non va non va, senza scrupoli!

      Elimina
  10. Non tutti i libri debbono per forza piacere a tutti. Sarebbe strano il contrario. Credo che ogni lettore abbia il diritto di essere critico e possa sentirsi libero di non apprezzare qualcosa... Anche io di recente ho scritto una recensione su un libro che, nonostante una copertina molto bella e accattivante, era proprio pessimo... e anche io ho chiesto scusa all'autore ma... visto che i lettori pagano per comprare e leggere un libro, hanno tutto il diritto di essere critici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lettore non perdona, leggere un libro non e' un'attività che impiega poco tempo e se non ne vale la pena non la fai, ed e' giusto cosi

      Elimina
  11. cara mamma picky anch'io stessa delusione, ho letto perchè sono fissata a finirli....ma non meritava. Bello i diritti di pennac.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti avessi ascoltato....ma ormai la lista era fatta!

      Elimina
  12. Condivido in pieno la tua riflessione. Forse sarà perchè quando l'ho letto ero già mamma, ma io non sono riuscita a finire neanche il primo (e unico) dei libri di Volo che ho provato a leggere, proprio non faceva al caso mio. Il tempo per leggere è sempre troppo poco, vale la pena usarlo solo per libri che ci piacciono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si, tempo prezioso per essere sprecato

      Elimina
  13. è vero, cara. io li ho letti quasi tutti ma secoli fa, o meglio figli fa! la vita cambia e con essa anche tu e certe riflessioni incomprese ti fanno solo ridere ormai!

    buon week end http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/matrimonio-perfetto-primi-sogni-k-way/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che mi piaci calarmi nelle storie ma in questa proprio non mi vedo!

      Elimina
  14. So che non dovrei dirlo, ma io non ho mai letto un libro di Fabio Volo, perché lo trovo estremamente antipatico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io non lo sopporto!!! Pensavo di essere l'unica!

      Elimina
    2. E' cambiato molto anche come speaker, purtroppo!

      Elimina
  15. Lui non l'ho mai letto (perchè non mi è molto simpatico come personaggio, figurarsi come scrittore).
    Figlio non so se mi ha cambiata circa i gusti letterari: mi piacciono ancora tanto i libri per ragazzini (per esempio Artemis Fowl, non vedo l'ora di leggerglielo!!!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I libri per ragazzi li amo molto anch'io ma quelli a che età li leggi, non son mai banali.

      Elimina
  16. guarda, ho l'intera bibliografia di Fabio Volo e ai tempi dell'Uni (quindi nella mia vita pre-mamma in cui il papà di Pablito l'avevo a malapena conosciuto e me lo puntavo soltanto...ehehe) addirittura sono andata alla presentazione di "Un posto nel mondo" e me lo sono fatto autografare mentre dentro di me pensavo: "ecco, lui è l'uomo della mia vita". (Fabio Volo, non il futuro papà di Pablito...ehehe...).
    Però secondo me non solo siamo noi che siamo cresciute ma anche Volo che si è spento. Lui spesso dice che sono quasi "retoriche" le accuse che gli fanno ma è vero: gli ultim due libri che ho letto erano infarciti di frasi fatte, da Baci Perugina. Niente a che vedere con "Esco a fare due passi" o "é una vita che ti aspetto". Lì mi sentivo male dalle risate in piena notte e mi commuovevo...e anche "Il giorno in più" (per altro sono stata a New York e non ho avuto il tempo di trovarlo, dannazione!). Per altro "Il giorno in più" ce lo siamo letti insieme io e maritozzo quando stavamo uscendo i primi tempi...
    Però per esempio "Le prime luci del mattino" mi ha annoiato al primo capitolo e l'ho regalato anche io a una ragazza che legge il mio blog! =P

    RispondiElimina
  17. ah, ti prego, se hai cinque minuti di orologio, a proposito di Volo, guarda questo, se non l'hai già visto...io l'ho trovato ESILARANTE! So che per noi mamme è difficile ma fidati, ne vale la pena! AHAHAHAHAAHH! http://www.youtube.com/watch?v=Bi8Cs_YOTlE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si e' vero all'inizio c'era anche una vena comica e leggevi quelle frasi che sembravano scritte proprio per te, o per lo meno mi pare di ricordare. Quest'ultimo niente di tutto ciò :-(((
      ...mi vado a guardare il video, mi sa che c'è da sbellicarsi.

      Elimina
  18. ecco sento pareri feroci su Volo, che vi debbo dire è troppo simpatico, ma non ho letto nulla di suo, poi i libri sono arte e come tale può piacere o meno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la sua pecca sia di non essersi evoluto, nel mercato dei libri questo non e' accettabile. ;-)))

      Elimina
  19. Mah, io penso che Volo sia un po' noioso, non mi ha mai appassionata! Viva Pennac e i diritti dei lettori! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noioso e' la parola che descrive bene questo libro

      Elimina
  20. Non ho letto questo libro di Fabio volo, però altri si. È una lettura leggera per momenti poco impegnativi e di relax. Per questo libro non sei l'unica a muovere critica negativa, per cui per il momento passo oltre. Buon week!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre il mio a disposizione se vuoi! ;-))

      Elimina
  21. Forse sono un po' snob... ma Fabio Volo l'ho sempre accuratamente evitato...
    Mi è piaciuta molto la tua riflessione sul bello che hai ora e concordo: la mammitudine non arriva invano...dare la vita è un processo che forma e trasforma.
    Buon we:-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della vecchia me è' rimasto ben poco!

      Elimina
  22. Credo di aver letto 2 suoi libri, tra i primi, uno l'ho regalato ahhah sembra la scena del video che ha postato Beat (grazie infinite 10 minuti ottimamente spesi!!), ma poi come dire: sono guarita, nella vita non avrò tempo per leggere tutti i magnfici libri che vorrei per cui cerco di fare scelte oculate, e Fabio Volo non è tra queste. bacione

    RispondiElimina
  23. che bello babbo natale ha soddisfatto molti tuoi desideri!ottime scelte!bacioni simona

    RispondiElimina
  24. Ultimamente ho letto Il tempo che vorrei e l'ho trovasto scialbo, poco profondo. Ho bisogno di emozionarmi quando leggo un libro, altrimenti lo abbandono.
    Bovarismo??? Nemmeno so cosa sia!!!

    RispondiElimina
  25. ripasso...
    buona domenica
    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/nonabox-scopriamola-insieme/
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  26. Ne ho scaricato l'estratto e non mi è piaciuto per nulla...non ne ho letti altri e non credo mai lo farò,a questo punto.

    RispondiElimina
  27. Ti capisco, e aggiungo che il ritratto di una generazione da cui io sono uscita ma che dipinta così mi lascia l'amaro in bocca, per questo nemmeno io riesco a leggerlo con il solo intento di spegnere i cervello e via... Ora che è padre cambierà? Vedremo... :)

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso