UN ABBRACCIO AL GUSTO DI LATTE


Allattare si dice sia il gesto più naturale del mondo, l'attaccamento più spontaneo di un cucciolo alla propria mamma, il legame reciso all'interno che però all'esterno si ricuce.
Tutto vero, lo confermo, tutto bello, magari non così automatico come si descrive, ma vero.
Non tralasciamo che sia pure faticoso eh e che spesso ci vuole un po' per avviarlo ma il dopo, se si può e se si vuole, merita e va vissuto.
Ho allattato Cestino 20 mesi e lo sto facendo ancora con Cicina ma con lei la situazione mi sta sfuggendo di mano e gli aspetti belli e piacevoli che questo momento porta con se, stanno lasciando spazio a tensioni e malumori.
I risvegli notturni senza un perché ma dettati solo dal desiderio spasmodico di "tetta" e i momenti della giornata complicati dalla stessa richiesta e che influiscono anche sui suoi pasti, mi dicono che forse e' ora di darci un taglio e provare il grande distacco.
Ecco, se non è detto che sia facile iniziare ad allattare, non lo è di sicuro smettere. Di questo si parla poco. Provo a farlo e analizzo i fatti.
Anzitutto c'è una disparità di opinioni che fa paura. Il pediatra fa la propaganda all'allattamento fino al compimento della "maggiore età" una cosa del tipo "Donne avete le tette? Usatele!" incitandoti al topless ad oltranza, ma amici e parenti con bocca a uovo, sguardi al cielo e ditino inquisitore si scandalizzano manco stessi girando un porno e giù di “Ecco perché non dorme, ecco perché non mangia, ecco perché non c..a!...toglile ‘sta tetta e buona notte” io, che solo a sentire la parola Buona Notte mi commuovo, sarei lì lì per cedere, se quell’insegna al neon che ho in testa, con scritto 2 anni, smettesse di lampeggiare. Che poi se l’antitesi fosse pediatra contro amici/parenti, potrei pure avere le idee chiare, ma la realtà è che anche tra “gli addetti ai lavori” c’è disparità di pensiero, ad esempio il medico del pronto soccorso dove mi sono fatta ricoverare qualche giorno fa, così giusto per farci un giro, mo mi lascia agonizzante sul lettino quando ho osato confessare che “Mia figlia ha un anno e che  io ancora la allatto”. L’operatore del 118 ridacchiava pure ed io lì a prendermi ‘sta paternale che manco a 18 anni, mentre virus imprecisati s’impossessavano di me per un rave party di quelli seri.
Poi c’è pure questa cosa che una mamma, se non vuol salire all’Inquisizione,  per i figli deve fare le cose uguali: 20 mesi per lui, 20 mesi pure per lei, i conti son presto fatti: ne mancherebbero ancora 8, la Buona Notte può attendere.
Altra questione: che latte si usa?
Pediatra n°1: “Ma quello vaccino è chiaro! Meglio se fresco e intero che i bambini non devono stare a dieta!”
Pediatra n° 2: “Ma quello di crescita è chiaro! Se proprio deve usare il vaccino, no fresco, no intero e con l’aggiunta di acqua!”
Il Principe per non sbagliare ha riempito il frigorifero con la collezione completa, lei superbamente, per il momento li schifa tutti.
Infine, e l’ho lasciata per ultimo perché è il nodo più difficile da sciogliere, c’è l’aspetto morale: il suo, ma più che altro il mio, perché nonostante le due prugne secche che mi ostino a chiamare tette, nonostante qualche bel taglio vampiresco qua e la, le occhiaie, gli scleri e tutto il resto, io quei momenti li amo come non mai e lascio che si “sfami” quando e come vuole, lei soddisfatta e appagata sorride, io la avvicino ancor di più e piano le sussurro cose segrete che solo noi sappiamo: è il nostro abbraccio che dura da 9 mesi + 1 anno… farne a meno non sarà facile.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

37 commenti:

  1. Sei dolcissima quando parli dell'allattamento... Fà ciò che ti senti... Sembra una frase fatta, ma dev'essere così... Al diavolo pediatri, medici del 118 e parenti...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno stupendo momento in cui ci guardiamo negli occhi e torniamo ad essere una cosa sola. Come faccio a privarmi di tanta dolcezza?

      Elimina
  2. fai quello che ti senti, allattare per voi è stato importante, credo che lo sarà anche il modo in cui terminerai... io ho sofferto con tutti e due i miei pargoli, mi sembrava di togliere qualcosa al nostro rapporto, a quel legame che solo noi avevamo, ma poi andando avanti se ne fanno una ragione loro, noi ci consoliamo e gli diamo altri vizi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con il fratello lo stacco e' stato molto graduale e poco sofferto, con lei e' più doloroso ed anche i sensi di colpa sono maggiori, forse perché ancora la vedo piccola!

      Elimina
    2. Hai mai pensato che forse lo stacco con il primo è stato meno doloroso anche perchè in cuor tuo sapevi già che avresti avuto/voluto un altro figlio mentre con lei è più doloroso perchè sai già che non riproverai più quella stupenda sensazione? Per me è stato così...

      So perfettamente che il distacco è duro, io piansi molto nonostante dovessi invece gioire di quello che ero riuscita a fare con il secondo: mentre con il primo feci allattamento misto per 3 mesi, e poi mi arresi all'artificiale (ritrovando la tranquillità!), con il secondo, alla faccia di chi mi dava contro e mi diceva di smettere di intestardirmi, mi impegnai così tanto (ma con piacere, mai come una forzatura!) che arrivai ad allattarlo al seno fino a 11 mesi + 1 mese di latte mio che avevo tirato precedentemente e congelato... Eppure mi sembrò come se mi togliessero qualcosa, smettere di allattare forse in fondo è più doloroso per noi stesse che per i nostri piccoli...

      In ogni caso non fare mai confronti nè tra i tuoi due bimbi nè tra le esperienze di tutte noi mamme, ogni bimbo ed ogni mamma è un mondo a parte, segui solo quello che ti dice il TUO istinto, ma soprattutto quello che fa stare meglio te e la piccola. Così dopo non avrai nè sensi di colpa, nè rimpianti del tipo "se avessi fatto" "se avessi provato"...

      Elimina
  3. Premetto: questa è l'opinione di una che ha dato ai suoi figli tette e biberon fino ai tre mesi, solo biberon dai tre mesi in poi.
    Discorso pediatra: anche loro seguono le mode. Stesso pediatra, col primo figlio via libera al Mellin, col secondo, neanche due anni dopo, Ma è sicura sicura che non riesce a dargli solo il suo? Vogliamo provare con una pastiglietta/integratore/tisana/pozione magica? Anche no.
    Discorso tipo di latte, come sopra. Primo figlio latte vaccino al compimento dell'anno, secondo figlio latte di proseguimento. 10 euri a confezione, in media. Anche no.
    Discorso dubbi morali: sono estremamente convinta che il legame tra una mamma e il suo bambino, quegli sguardi, quelle coccole, quell'intimità del momento del pasto...li puoi vivere ESATTAMENTE allo stesso modo se lo prendi in braccio e gli dai il biberon. Credimi, è la stessa cosa.
    Il biberon ha un milione di vantaggi, tanto più che Cicina non è una neonata. Non sentirti in colpa, davvero...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sui sensi di colpa che devo lavorare! Grazie del sostegno! :-)

      Elimina
  4. Mai sentire più opinioni, cara... non sono mai uguali! Battute a parte, i consigli in questo caso sono difficilissimi. Una cosa mi sento di dirti: anche tu (mia figlia uguale a te) non ti ostinare a fare ESATTAMENTE quel che hai fatto con il primo figlio, anche con la seconda. Sono individui diversi, hanno esigenze diverse, bisogna adattarsi al loro ritmo, non all'uguaglianza. Poi, usa il tuo sesto senso di mamma, che è l'unica cosa che non sbaglia mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anche che siano cambiati i nostri ritmi di famiglia e pure le esigenze, vorrei solo non fossero a scapito della seconda arrivata ma tutte non le arrivo proprio!

      Elimina
  5. io mi chiedo sempre perchè ci debba essere questo accanimento sulle mamme e l'allattamento. Se allatti se non lo fai se lo fai poco oppure tanto... sbagli sempre. noi abbiamo smesso di comune accordo. però ancora oggi quando è triste o sconsoalto mi infila una mano nella scollatura!!!
    fai quello che ti senti, fisicamente per prima cosa e poi anche moralmente. le coccole si fanno anche a tetta asciutta! in bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai sempre come tirarmi su di morale!! Grazie Lucia!

      Elimina
  6. Il fatto che esistano diverse opinioni al riguardo, mi fa pensare che non ci sia una verità assoluta.
    Quindi ognuno faccia quel che vuole, fregandosene dei commenti degli altri (anche se non è facile, lo so).
    Io ho smesso quando i miei 2 bimbi si sono stufati e non cercavano più (avevano quasi 2 anni entrambi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel traguardo!!!...che poi vedi e' pure questo che mi frega: considerare un compito da svolgere al meglio, quello di allattare, mentre invece dovrebbe essere dettato solo dal piacere e dalla naturalità del gesto...non un traguardo da tagliare!

      Elimina
  7. Fai cio' che credi meglio x te, fin qui sei stata bravissima, piu' di me di sicuro. MrD l' ho allattato x 9 mesi, poi ha pensato di vampirizzarmi e ho dovuto smettere. Con Miciomao e' andata piuttosto male, a causa dello stress a 4 mesi ho perso il latte, ma lui non beveva l'artificiale e ha avuto un arresto della crescita costringendomi a svezzarlo presto con relative paure e timori.
    Io non sono x l'allattamento a oltranza, e' piu' un bisogno psicologico che fiSiologico, ma ognuno fa come meglio crede, o no???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anch'io nel bisogno psicologico anche perché qui lo svezzamento e' più che sorpassato, eppure e' più che altro questo a frenarmi!

      Elimina
  8. Io non ho allattato Giulia, non è venuto il latte (nata a 36 settimane, troppo piccola per ciucciare. Latte non pervenuto). Lele l'ho allattato per 3 mesi ma in realtà si godeva la tetta e poi voleva il bibe pieno. Ero un ciuccio umano, me lo dicevano tutti ma io sentivo che dovevao andare avanti. Tutti dicevano la qualunque... Alla fine ho ascoltato me stessa e quando l'istinto mi ha detto "basta, sei solo un ciuccio" allora ho gradatamente levato la tetta. E' stata dura, in realtà mi mancava "allattare" e quel legame che si crea, ma l'istinto era più forte e mi dieva "basta". Quindi ascolta te stessa e fai cosa ti senti, che voglia dire smettere ora o che voglia dire allattare fino a 3 anni! Tu sai cosa è meglio anche in base ai segnali che manda la piccola. Inoltre, ascoltando cosa TU vuoi fare, non avrai sensi di colpa per aver ascoltato altri.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercherò di farlo anche se per ora e' proprio l'istinto ad essere diviso a meta!

      Elimina
  9. Elisa ha, ehm, tre anni e mezzo, e di smettere non se ne parla.
    Lei lo dice anche, il motivo, "perché il latte di mamma è la cosa più buona del mondo".
    Ma guai a parlarne :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre anni e mezzo e' un record di certo a cui non posso ambire, per ora vorrei solo più chiarezza su ciò di cui io e lei abbiamo bisogno, mi metto in ascolto!

      Elimina
  10. Io ti ripeto: fai quello che ti senti, ascolta la tua stanchezza. Pensa che se fossi più riposata potresti utilizzare meglio, anche per stare con lei, le tue energie.
    E non pensare alle differenze tra un figlio e l'altro, sono due persone diverse tra loro, con carattere ed esigenze diverse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parte di me che dice "basta" e' proprio la parte più stanca...ma se smettessi lo sarei di meno?

      Elimina
  11. Come ti capisco...pupa allattata fino a 3 anni e qualche mese e con la Sorellina che di mesi ne ha nove fino a quando continuerò? X ora non mi pesa ma mi hanno "insegnato" che fino a quando allattare è un piacere x entrambi allora si deve andare avanti se diventa un "problema' x la mamma allora è meglio smettere...non so se ti ho aiutato o solo confuso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto mi aiuta, le vostre esperienze sono vita vissuta e questo vale più della teoria di mille pareri diversi

      Elimina
  12. secondo me, devi fare come ti senti. Punto. Al diavolo gli altri!

    RispondiElimina
  13. Di esperienze di allattamento ce ne sono tante di diverse quante sono le mamme al mondo. La mia? Allattamento con latte spremuto per cinque mesi e mezzo, di un vitello nato di quasi quattro chili di peso e con tutte le intenzioni di diventare alla svelta un brontosauro (come poi infatti si è verificato). Dopodichè ho dovuto decidere tra due opzioni: o smettere, o farmi ricoverare in neuro. Ho deciso di smettere, ho sentito smilanta pareri tutti discordanti tra loro (ovviamente) e mi sono vista smilanta dita puntate addosso da madri evidentemente più virtuose di me che sapevano tutte "cosa avrebbero fatto al mio posto pur di non smettere".
    Al diavolo. Ognuno si cresce i suoi figli come crede, meglio un biberon dato con serenità che una tetta data di snervo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanta saggezza in quell'ultima frase!

      Elimina
  14. Come ti capisco...noi siamo a quota otto mesi...e ora con impegno gliel'ho tolta almeno di giorno...ma dalle otto e trenta della sera alle otto e trenta del mattino ha la libertà di tetta!! Fai ció che senti tu! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vorrei per lo meno toglierla di notte...per il giorno posso resistere! :-)))

      Elimina
  15. Io in entrambe le mie esperienze di mamma ho avuto il latte solo per i primi 4 mesi circa, poi era poco e allora ho dovuto passare all'agigunta e in poco tempo all'allattamento completo con il latte artificiale. Comunque, dopo l'anno i miei monelli hanno subito preso il latte vaccino intero, di solito a lunga conservazione (anche per motivi di praticità, lo confesso), e solo le prime volte allungato con l'acqua (questione di alcuni giorni e basta, per capirci).
    Si sa che ognuno, specie i pediatri, ha la sua teoria....infatti, è meglio restare nel giusto mezz, seocndo me.
    Ok, non ti ho aiutato per nulla, lo so....ma ti assicuro la mia solidarietà di mamma che c'è già passata due volte!!
    Un bacione carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai aiutato eccome, i vostri pareri battono alla grande quelli dei pediatri, non per sminuirli per carità, ma è ovvio che l'esperienza diretta conta molto e aiuta di più!

      Elimina
  16. io ho allattato mia figlia fono a 4 mesi\4 mesi e mezzo poi ho cominciato a fare il misto e dopo 1 mese davo quasi tutto artificiale.
    per me l'allattamento è stato una gran fatica,non ho avuto quel piacere e quell'attaccamento al gesto che molte mamme hanno.
    inizialmente mi sono sentita un po in colpa perché pensavo di essere una cattiva madre poi però ho capito che io stavo meglio e che non sono portata per un allattamento al seno lungo e duraturo.Figurati che tornata dall'ospedale ho cominciato con allattare subito ad ore e non a richiesta.
    ognuno deve fare ciò che la fa stare meglio,nel rispetto suo e di suo figlio.
    sono così convinta di aver fatto la scelta giusta che se avrò un secondo figlio farò lo stesso molto probabilmente.
    Non sentirti in colpa se ti vuoi staccare,forse vuol dire che è arrivato il momento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni donna è storia a se, nessun senso di colpa, non è giusto e non ce lo meritiamo. Io ho amato e amo tutt'ora, allattare al seno, l'ho fatto con il primo figlio, fin che ho potuto e sto cercando di fare del mio meglio anche con la piccola. Tuttavia con lei, vuoi perché è diversa, vuoi perché io sono più stanca e le esigenze della famiglia cambiate, devo piano piano staccarmi o per lo meno cercar di darle delle regole perché per lei, quando c'è mamma, è sempre il momento della "tetta" e questo vale pure di notte.

      Elimina
  17. Piky, tu ascolta solo quello che ti dice il tuo cuore. Dai ascolto solamente a te stessa! Nessuno può fare una scelta migliore e più adatta alla tua bambina di te, che sei la sua mamma!!!!
    Certamente se devi iniziare a darle il latte vaccino ci vorrà un po' perché si abitui, ma se già le dai formaggio e yogurt puoi darle certamente anche il latte vaccino.
    Io posso solo consigliarti di optare sempre per "l'alta qualità" oppure per il "BIO", non per nulla, ma perché devono sottostare a un maggior numero di controlli (controllare che siano specificati sulla confezione). Poi devi decidere tu e solamente tu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è quello che mi dicevo (e poi non sono nemmeno alla prima esperienza!): si mangia parmigiano, caciotta ed ogni tipo di formaggio, perché devo darle il latte crescita? E' forse più nutriente? Qualcuno lo sa?

      Elimina
  18. Il punto è tutto lì: quello che va bene a mamma e figlio DEVE andare bene a tutti, parenti, pediatri e chi ne ha più ne metta!
    Non la appendi mica alla finestra per farle prendere aria! Non le dai da mangiare roba scaduta per non sprecarla ... niente di disastroso!
    Un po' di coccola a lei e a te, fine dei discorsi.

    Figlio a metà notte si intrufola nel lettone. Che faccio? Lo caccio? All'inizio mi facevo tanti problemi ma ora no. Piace a lui (altrimenti non verrebbe) e piace a me svegliarmi a volte con lui che mi da un bacino (e a volte che mi strilla VOGLIO I CELEALI COL CACAO! ANDIAMO! ...e Marito ...beh. un poco più in là rispetto a dove stava 3 anni fa ma tutti lì.
    (((ps-forse riprendo a scrivere...caspita, non ho mai tempo >_<)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non si tratta solo di un po' di coccole, lei è allattata a richiesta, ma la sua richiesta è praticamente "sempre", questo sta sconvolgendo e non poco i ritmi di tutti e non solo di sonno e veglia, perché quando io sono con lei, sia in casa che fuori, lei vorrebbe stare sempre attaccata e questo francamente no, non mi va...sto cercando di valutare se possiamo scendere a compromessi (io e lei) anche perché mi sembra ancora "piccola" e vorrei potermi godere ancora un po' quest'abbraccio speciale

      Elimina

Con un commento mi regalerai un sorriso