ULTIMO POST ESTIVO (altrimenti la malinconia non passa!)


Quanto mi piace osservare il mondo da sotto l'ombrellone! Viene fuori l'anima gossip che è in me e che, anche latente, alla fine è presente in ognuno di noi. Il mio sguardo però non è fine alla critica, non ne sono capace e di questo mi vanto, bensì allo studio. Guardo, prendo spunti e magari scopiazzo ciò che mi piace. Ovvio che quello che ho osservato in quei giorni di mare, riguardava principalmente bambini e famiglie: come non notare cosa fanno gli altri, come se la cavano e come gestiscono capricci e bisogni?! C'è sempre da imparare, anche da chi ha una concezione di vita diversa dalla propria e ce n'è per tutti i gusti.
Parto con i bimbi "abbandonati", ma con il genitore due metri più in la. Chi sono? Cosa fanno? Più o meno ciò che vogliono, rompono le scatole al vicino di ombrellone, tirano sabbia a chiunque gli passi a tiro e lanciano il pallone nella capoccia di chi beatamente sta riposando. Il genitore del bambino "abbandonato" in genere legge sdraiato beatamente sul suo lettino immacolato, oppure telefona a chiunque. Ovviamente non vuole essere disturbato, è al mare e, a suo figlio, ha dato il "rompete le righe". Fa lo gnorri e con la scusa della socializzazione, cerca nel vicino di ombrellone, il baby sitter per la sua prole: e che diamine lui è in vacanza! Ecco su questo non ci sto, io che i bambini li adoro (tutti), non sto qui a farmi prendere per i fondelli da te! Sai sono in vacanza anch'io!
Categoria che venero sono invece i genitori del bambino "nelle ore di punta sto sotto l'ombrellone".  Come diamine fate? I miei figli non dormono, ok questo è un limite, ma mi spiegate come riuscite a convincerli a non uscire dal quel metro quadro all'ombra? No vi prego, io che devo rincorrerli per tutto il litorale, voglio saperlo. Vi pago se necessario!
Curioso anche il caso del bambino che non s’insabbia: tu lo osservi a qualsiasi ora del giorno e lui è sempre lì immacolato. Sembra che stia camminando sul catrame! In genere dietro a un bambino di questo tipo c'è una madre con le stesse caratteristiche, sembra siano stati teletrasportati sotto l'ombrellone. Io che a una settimana dal rientro, ancora trovo granelli di sabbia dentro il letto, non mi capacito. Dove sbaglio? Esiste qualche prodotto di cui ignoro l'esistenza o è solo un fatto genetico?
Mistero anche per il bambino mangio solo cose sane ovvero ciò che la mamma porta da casa nella borsa frigo e ignora completamente il chiosco del bar: i miei del chirinquito della spiaggia conoscevano a memoria il menù!
Anche di genitori c'è un bel mix: la mamma del figlio unico è premurosissima e desiderosa di uno scambio di esperienze, quella con prole numerosa sa fare acrobazie da applauso rimanendo sempre calma e sorridente, la fashion ha la bimba con smalto di tutti i colori e treccine con i glitter, i papà sono molto presenti e tanti i nonni che s’immolano per la causa vacanze e per lasciar più liberi mamma e papà!
In qualche metro quadro di sabbia, si trova un mondo intero ed io da tutti ho cercato di prendere spunti con risultati più o meno drammatici: ho percorso km di spiaggia dietro ai miei figli, l'ombrellone era un peso che potevamo tranquillamente evitare, più insabbiati di quel che eravamo sarebbe stato impossibile e il chiosco del bar con i nostri fondi, il prossimo anno di sicuro si sarà ingrandito.
Detto questo, ascolto per una volta ancora, la nostra colonna sonora estiva e poi cercherò di archiviarne i pensieri altrimenti questa malinconia da rientro, non mi passa!
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

19 commenti:

  1. come ti capisco... ^_^
    Grazie per il tuo sostegno...

    RispondiElimina
  2. Ahhahahaha mi hai fatto ridere ! È vero in spiaggia c'è un mondo intero! Io sono sempre stupita di quelle fashion che arrivano perfette con la borsa in paglia e non come me con borsa giochi, tendina parasole, zaino perché il piccolo è ancora portato in braccio .. Mi rifiuto di portare il passeggino in spiaggia!

    RispondiElimina
  3. Anche io mi diverto troppo ad osservare il grande mondo della spiaggia !! Con questo week end e tempo permettendo, archiviamo anche noi il mare al prossimo anno.

    RispondiElimina
  4. io sono…un mix…tranne "l'abbandonare" (perché forse sono più premurosa…non so se per carattere o perché madre di figlia unica) però mi sento tanto anche acrobata, e riesco per poco a farla stare sotto l'ombrellone (ma poco poco), e gioco con lei, e lei non si insabbia fino alla cima dei capelli (ma sì nel resto del corpo, eheh).

    RispondiElimina
  5. com'è che non mi ritrovo in nessuna di ste categorie? Io sono la mamma con cozza impanata al segutio sempre e costantemente che gli fa senso sporcarsi con la sabbia che gli viene l'orticaria (vera quella da antistaminico) facendo il bagno a contatto con le alghe, quello che non fa un passo sz mamma o papà.Eppure in rete leggo di mamme che sono riuscite a stare sdraiate a leggere e leggere con prole che definiscono bravissima...evidentemente rientrano in quella categoria dei bimbi "abbandonati". vabbeè. confido nel prossimo anno. uuu sìsìsìsì... o_0 anna

    RispondiElimina
  6. Noi siamo al mare adesso.. Spiaggia libera e niente ombrelloni, bimbi e cani selvaggi! Adoro! I migliori sono i bimbi tedeschi.. Biondissimi e abbronzatissimi che costruiscono castelli che quasi sforano nel' abuso edilizio!

    RispondiElimina
  7. beccata, mamma che porta borsa frigo in spiaggia! i miei il bar l'hanno visto da lontano e con il contagocce, lo so sono una rompiballe, ma preferisco alzarmi prima e preparare macedonie e panini piuttosto che le patatine! Anche perchè con Chicca che tende ad ingrassare, devo giocoforza stare attenta... poi devo ammettere che con qualche piccolo accorgimento (la frutta la sbuccio e la taglio a dadini da mangiare con gli stecchini colorati) la macedonia piaceva molto anche a loro ed era molto invidiata dagli amichetti degli ombrelloni vicini!

    RispondiElimina
  8. Io appartengo ad una categoria ancora diversa e a quanto pare rara: la mamma toccata e fuga con bimo che sta in spiaggia giusto un'ora o due, riuscendo a bagnarsi, inzaccherarsi, scottarsi e tanto altro in quel breve lasso di tempo, per poi dire che è stufo del mare e vuole tornare alla casetta di legno (cioè il bigalow del campeggio) o andare a passeggio "ma via di qui".
    Son soddisfazioni!
    Forza e coraggio...prima o poi arroverà un'altra estate, magari pure con un clima migliore!

    RispondiElimina
  9. Noi questa estate abbiamo fatto pochissimo mare, però la mia categoria di appartenenza credo sia quella della mamma di figlia unica "cotoletta" apprensiva ma non troppo, sempre ossessionata dal non dare fastidio agli altri. Ho reso l'idea?

    RispondiElimina
  10. la categoria "bambino che non si insabbia" è la stessa di "bambino vestito di bianco che non si sporca mai" e che da neonato era immobile nella carrozzina con il suo lenzuolino sistemato in maniera perfetta. mi sono fatta l'idea che siano solo frutto della nostra immaginazione...

    RispondiElimina
  11. secondo me i bambini che non si insabbiano sono alieni. Così come le mamme con tanti figli molto tranquille e pacate. ;)

    RispondiElimina
  12. Io ne ho visto una che doveva essere aliena per forza: quattro figli, di cui due gemelli scapestrati.
    Lei sempre col sorriso, trascinata di qua e di là fra una partita di pallavolo con la maggiore ed il volo degli aquiloni dei più piccoli. Giornate intere sulla spiaggia sempre in movimento, sotto il sole cocente.
    Anche se non la conoscevo la salutavo quasi prostrandomi alla sua divinità!

    RispondiElimina
  13. maaaa noi siamo stati assillati da un bambino abbandonato che arrivava in spiaggia privo di tutto! paletta, secchiello... non aveva nulla! Andava rubacciandoli in giro e dando fastidio con i genitori a debita distanza che intervenivano solo in casi stra estremi!

    RispondiElimina
  14. Santo cielo, li hai descritti proprio tutti, e alla perfezione! Ma vediamo sempre la perfezione nei figli degli altri, credimi. E non è tutto oro quel che luccica!

    RispondiElimina
  15. Mancano quelli seduti tutta la mattina con le animatrici a fare lavoretti come a scuola e quelli come mia nipote che per non insabbiarsi stavano sempre in acqua, soprattutto in piscina! Ho visto braccialetti , collage, acchiappasogni di conchiglie....tutti seduti stretti stretti ...allora meglio la piscina

    RispondiElimina
  16. Quanto mi diverto ad osservare le altre famiglie mentre sono in spiaggia. Mi piace curiosare ciò che fanno, ascoltare i loro dialoghi, "criticare" in maniera tranquilla i genitori pensando che io non lo farei mai! Insomma, sotto l'ombrellone ci si può veramente divertire osservando la gente che ti circonda!!!!

    RispondiElimina
  17. Io sono come mamma avvocato. Con bungalow a cinquanta metri dalla spiaggia ci stavamo giusto un paio di ore, poi bici, passeggiate e chi più ne ha più ne metta. Ma in quelle due ore raccoglievo più bimbi abbandonati io di Madre Teresa! Ho raccontato nel mio blog della mamma che ha detto "non fate arrabbiare i signori che la mamma si stende". No ma io ho scritto nursery in fronte? Tutti sotto il mio ombrellone che sotto i pochi metri di ombra ci stavano volentieri visto che i genitori ne erano sprovvisti. I miei figli, dopo due ore, avevano sabbia a secchi.... Meno male che la spiaggia non era di sabbia rosa o ci avrebbero arrestati. Essendo vicini si mangiava in bungalow, tendenzialmente sano ma a volte milanese e patatine. Brioche al mattino. Insomma ranghi non liberi ma un po' più larghi. Io odio le mamme che mi ammollano i loro bimbi! Io sto uscendo dal tunnel e che cavolo! ☺

    RispondiElimina
  18. e che ultimo post estivo sia anche se con qualche lacrimuccia... mi hai fatto ridere ma le situazioni le riconosco tutte...quest'anno però miracolo: struttura controllatissima neanche i vu cumpra potevano accedere e i twins giocavano liberamente e tranquillamente anche se controllati a debita distanza (lettini ed ombrelloni distanziati al punto giusto e non affollamento) sdraiata sul lettino...certo sono "bimbi" cresciuti rispetto ai tuo ma anche loro 7 anni in altre situazioni mare ci hanno fatto venire i capelli dritti....

    RispondiElimina
  19. La spiaggia è davvero un micro cosmo pieno di ogni varietà! Mi è piaciuto molto il tuo post, ti ho nominata nel mio top of the post della scorsa settimana, se vuoi dare un'occhiata http://tazze-spaiate.blogspot.it/2014/09/top-of-post-4.html
    a presto!

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso