LA RAPPRESENTANTE DI CLASSE (ovvero io con molti dubbi)

E' così sono stata eletta. A dir la verità, la concorrenza era scarsa, ma il fatto è che ora Mamma Piky è rappresentante di classe. 
Dopo alcuni malcontenti sollevati dai genitori lo scorso anno, avevo deciso che volevo saperne di più, essere più partecipe alla vita dell'asilo, mi era sembrato un modo giusto, sia per capire sia per intervenire, e così eccomi qui, reduce dal primo consiglio di classe, cui ho partecipato, zigzagando gli impegni quotidiani, di un giovedì più complicato del solito e con lo stato d'animo altalenante tra l'essere orgogliosa per aver prestato la mia opera, e la prepotente sensazione di aver fatto la ca@@ata dell'anno e di cui presto mi pentirò amaramente perché anche se siamo solo all'inizio, un'idea me la sono già fatta.
L'impegno richiesto in realtà non è tanto e di questo comunque non mi preoccupo, a lasciarmi perplessa è più che altro il confronto con gli altri genitori che dovrebbe stare alla base dell'incarico. Ci sono genitori che considerano l'asilo, una specie di parcheggio, non sono interessati a riunioni, progetti e iniziative. A loro va tutto bene basta che non li si coinvolga in niente perché qualsiasi richiesta è vista come un disturbo alla loro quotidiana quiete. Sembrerebbero i più accomodanti e i più semplici da "gestire" ma in realtà se ne stanno semplicemente fregando e non conoscerai la loro voce fino a quando non incominceranno a brontolare su tutto quello che è stato fatto dagli altri e di cui loro, fino a quel momento, si sono completamente disinteressati. Sono la maggioranza e quindi immaginatevi il brusio di quando, tutti insieme, decideranno di parlare.
Poi c'è l'opposto, ovvero quelli che mettono bocca su ogni cosa e son capaci di tirar su delle questioni infinite sul colore usato per dipingere la biblioteca. Sono sempre lì a voler sapere, capire e riempiono le maestre di una serie infinita di perché e per come. Propongono progetti che costano quanto il petrolio, e noi che viviamo in una realtà per cui ti devi portare da casa pure fogli e colori, li vediamo compiere scenate assurde perché a ogni "no", si sentono sempre "boicottati". Tuttavia sono i più disponibili a dare una mano, puoi chiedergli qualunque cosa e diranno di sì, salvo pretendere la stessa dedizione da tutti gli altri e sparlare di quei scellerati che non si accodano alle loro idee. Sono onnipresenti e questo li rende fastidiosi a tal punto, che anche le insegnanti, alzano gli occhi al cielo ogni volta che se li trovano davanti. Sono pochini ma fanno per un plotone che si argina con fatica.
Poi c'è la categoria "armiamoci e partite" ovvero quelli che ti dicono che sì sono disponibili, che su loro puoi contare, anzi che propongono pure qualche bella e fattibile iniziativa ma che poi quando arriva il momento di passare ai fatti, hanno sempre qualche impegno che gli rende impossibile partecipare e ti lasciano da solo a "smazzarti" quanto loro a parole hanno progettato.
Varietà anche tra i docenti mossi tutti da buone intenzioni ma che hanno anche ridacchiato per parte della riunione, qualcuna si è dilettata con il telefonino e qualcun altro se n’è andato prima del tempo.
Io, in questo pot pourri di personalità, sono una misera via di mezzo, considero l'asilo, il primo gradino della scuola ed essere presente lo reputo importante, tuttavia credo che il ruolo del genitore debba essere propositivo ma non impositivo e comunque essere in grado di fidarsi per lasciar fare agli educatori il proprio mestiere. Sarò disponibile se e quando servirà, metterò a disposizione il mio tempo, anche se ne sono sempre a corto, e cercherò di rendermi utili sotto l'aspetto pratico. Per il resto farò il genitore, mi perdoneranno se non sarò all'altezza.

https://ssl.gstatic.com/ui/v1/icons/mail/images/cleardot.gif


Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

27 commenti:

  1. Ho fatto la rapprsentante di classe per ben due volte, in due scuole diverse, ma sempre per la scuola dell'infanzia (ex scuola materna). In entrambe le occaisoni mi sono trovata bene, vuoi perchè ho sempre vissuto in paesi di pochi abitanti, persone di poche pretese e convinte che il lavoro delle maestre fosse un buon lavoro, ed infatti o era, nulla da dire. Non ho avuto alcun problema, hanno sempre lasciato fare e le decisioni prese durante le riunioni erano accettate senza tanto lamentarsi, anzi collaborando.
    Spero che vada così anche per te, ma più si è, più si creano conflitti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'asilo di mio figlio conta più di cento bambini il che rende tutto più complicato anche se ogni classe ha il suo rappresentante. Io spero di far bene senza dovermi incavolare troppo, che la via mi sembra quella!

      Elimina
  2. all'altezza lo sarai di sicuro. Ma più che altro... come fai? Poi quando nasce il secondo mi darai ripetizioni perchè per me tu sei un mito! L'incarico tra l'altro non è dei più soddisfacenti secondo me! Ho avuto modo da poco di confrontarmi cn altre mamme su questioni di scuola e io non ne sarei capace! In bocca al lupo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'impegno non dovrebbe essere tanto e comunque cercherò di ritagliare più momenti che posso per essere presente. Sull'essere capace ho dei dubbi pure io, ci provo e vediamo cosa ne viene fuori.

      Elimina
  3. noi ancora non abbiamo esperienza in merito
    cosa dire? in bocca al lupo ed armati di pazienza! sarai sicuramente all'altezza

    http://emiliasalentoeffettomoda.altervista.org/maglieriabambino-kidsoutfit-sommerkinder/
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la prima volta pure per me, vedremo!!

      Elimina
  4. Che dire? In bocca al lupo Piky !
    So che sei una persona intelligente e sensata, saprai fare un buon lavoro secondo me. Tu comunque preparati alle critiche, a certe persone non va mai bene niente, hanno sempre da ridire..ma tu fin d'ora non ti curar di lor....come si suol dire ;-)
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già ne ho avuto un assaggio ed è questo che mi preoccupa!

      Elimina
  5. Sarà un bell'impegno ma sicuramente meno delle elementari....non lo farei mai ci sono 800 cose da fare e per me che lavoro tutto il giorno sarebbe impossibile.... materna fattibile ma come dici tu ci sono tanti galli nel pollaio..... però se le cose le fai con il cuore andrà bene!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lavoro pure io e credimi già ricavare un paio d'ore per la riunione, non è stato semplice ma lo considero importante e mi piace poter dare il mio supporto a delle realtà, come quella scolastica, che sono lasciate spesso sole.

      Elimina
  6. La tua "metà via" mi rispecchia molto. Vedrai che saprai trovare qualche preziosa alleata che la pensa come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari non ho guardato bene io e mi sono lasciata condizionare dalle chiacchiere e dagli episodi fastidiosi dello scorso anno, magari i più numerosi son le vie di mezzo!

      Elimina
  7. Brava! Ti faccio un grosso in bocca al lupo e continua con la tua metà strada! ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per molti sarà una strada limitata, un interessarsi a metà mentre io vorrei rivestire un appoggio e non un ostacolo, come ho visto fare! Poi magari mi faccio prendere la mano e inizio a criticare pure io!!!! ;-))))

      Elimina
  8. Insomma un Paese in miniatura...la rappresentante di classe del nido della bambolotta è molto attiva su whatsapp, ma finora non per questioni strettamente legate al suo ruolo (del tipo: "ci facciamo un caffè?")...e io? non lo so ancora che tipo sarò, forse quella del "lasciatemi stare" che non ho tempo da perdere...voglio essere onesta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un asilo numeroso e ci sta un po' di tutto...o forse sono io che sono un po' asociale.

      Elimina
  9. Ma tu sarai sicuramente all'altezza di questo ruolo, ne sono certa!
    Io per un attimo ci ho pensato ma poi ho preferito lasciare il posto a chi in questa scuola c'è già da qualche anno e sicuramente proseguirà il percorso. Fermandoci solo un anno mi sembrava brutto "rubare" il posto ad altri, però ti confesso che la curiosità di essere più dentro la scuola c'è.
    In bocca al lupo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti la sensazione e' proprio di essere più dentro alla realtà ed in qualche modo anche più vicino a mio figlio e a quello che vive. Lo scorso anno era il primo anno anche per noi e non me la sono sentita di propormi, quest'anno sentivo di volerlo fare e mi son buttata. Cercherò di dare il meglio!

      Elimina
  10. Io sono rep quest'anno. Devo dire che pure qua i genitori vogliono stare tranquilli anche se più o meno partecipano ... In compenso è la scuola che chiede molto. Io mi sono offerta pure volontaria nel comitato . Gente bravissima e piena di voglia . Talvolta vista le innumerevoli mail penso ma chi me l'ha fatto fare , poi tutto in inglese e con americani che stanno avanti anni luce. Ma ho detto non lavoro e vediamo come funziona qui .... Speriamo bene ! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da te mi aspetto consigli che con la tua capacità di socializzazione , di sicuro sai come cavartela!

      Elimina
  11. Le categorie che hai descritto esistono in tutte le scuole! Non sarà facile perchè da come ti conosco ti prendi a cuore ogni cosa, ma sono sicura che il tuo entusiasmo contagerà tutti!
    Io sono arrivata in quarta partecipando poco alle iniziative "tanto per farci vedere che siamo brave" (da chi poi? dalla maestra? dagli altri genitori? boh..) e non mancando mai agli appuntamenti importanti per la scuola, ma soprattutto per mio figlio.
    Good luck!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà io sono per intervenire ma in punta di piedi, di la mia disponibilità ma non voglio essere invadente e credo nel ruolo del docente come guida sempre e comunque...per lo meno fino a prova contraria!

      Elimina
  12. Nella nostra materna sono state elette le uniche candidate "forzate",Mina per classe. C'è da dire, però, che è una realtà piccola e non c' è alcun problema a parlare con le maestre in qualunque momento, quindi credo che avranno ben poco da fare!
    In bocca al lupo....io decisamente non sono diplomatica, quindi non credo riuscirei a svolgere un simile incarico!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diplomatica io??? Assolutamente no! Magari lo fossi!!! E comunque e' questo che mi preoccupa!

      Elimina
  13. Hai ragione il confronto con gli altri genitori è molto faticoso, per usare un eufemismo. Se può serviti da incoraggiamento sappi che all'asilo è già più semplice che alle elementari dove hai metà dei genitori che chiamano la rappresentante per mandarla a dire alle maestre che danno troppi compiti e che la cartella pesa troppo, mentre l'altra metà chiama per dire che secondo loro sono in ritardo sul programma e che dovrebbero dare più compiti...
    L’unica soluzione è fregarsene. :-)
    In bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fregarmene no, anzi accetterò dritte, consigli e proposte, purché siano propositive e non fatte solo per parlare!

      Elimina
  14. Diamoci la mano: anche io rappresentante di classe...pure in un paese straniero...so' proprio fuori di testa!!!

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso