QUESTA NON PUOI CHIAMARLA GIUSTIZIA

I fatti di Milano hanno sconvolto tutti, addetti ai lavori e non. 
C'è stata tanta solidarietà per le vittime e le rispettive famiglie, si è manifestata rabbia per l'impotenza di fronte a certi eventi e non sono mancate un bel po’ di polemiche sul perché è sul per come sia potuto accadere un fatto così grave. 
Perché non si vigila? E se si vigila, lo si fa correttamente? Di chi è la colpa? Cosa si poteva fare e non si è fatto? Chi ne pagherà le spese? Soprattutto c'è qualcuno che le pagherà e non solo in termini economici?
Il fatto è che, quel che è successo al Tribunale di Milano, sarebbe potuto accadere in qualsiasi altro ufficio pubblico, ma anche in una piazza, in un museo, un supermercato, o in qualunque altro posto. Non c'è luogo in cui si è al sicuro, se la follia può passeggiare indisturbata. Qualche anno fa, un evento molto simile accadde nel palazzo della Regione della mia città e ne fecero le spese due impiegate. Fu lo spunto per mettere delle regole d'accesso agli uffici, tesseramento all'entrata e metaldetector. Eppure questi strumenti al Tribunale di Milano c'erano già e non hanno fermato la follia omicida. Allora cos'è che non va? Cosa non funziona?
È difficile dire cosa alberghi nella mente umana, quanto l'instabilità emotiva possa portare a compiere gesti estremi e cosa si possa fare per prevenire e fermarla. 
Non credo esistano rimedi in assoluto validi, tutti i sistemi di sicurezza devono avere almeno una crepa, altrimenti sarebbe trappole, e comunque nella maggior parte dei casi è la disperazione che arma le mani d’insospettabili. 
Non è mia intenzione scusare, giustificare o capire l'autore di un dramma come questo, e non conoscono a sufficienza la sua storia, per poter azzardare anche solo delle ipotesi, di sicuro la "bancarotta fraudolenta" non è un reato che ti capita tra capo e collo, ci metti del tuo per arrivarci e trascini con te tante altre persone, spesso ignare, però di quello che succede nelle aule di tribunali, ho una vaga idea e questo è un dramma molto più forte della carenza di metal detector o sviste nei tesserini e che, evidentemente, da soli non bastano a proteggere "la vita".
La giustizia italiana sta male, soffre di una malattia probabilmente irreversibile e sempre più spesso, baratta la verità con l'affermazione di potere. Dentro quelle aule si decide il destino della gente e nella maggior parte dei casi, lo si fa senza cognizione di causa. "La legge è uguale per tutti", è una teoria che spesso fa a pugni con la pratica. La giustizia quando arriva e se arriva, lo fa con così tanto ritardo, che ha lo stesso sapore della sconfitta. I processi durano decenni, per nulla, rinvii da udienza a udienza, di mesi, a volte anni, senza un perché e decisioni che passano da un giudice all'altro come una palla che scotta così tanto, che nessuno vuole ritrovarsela in mano a gioco finito. C'è un meccanismo infernale fatto di cavilli che i poveri cristi, non capiscono...non lo capisco nemmeno io. Nelle aule di tribunale spesso s’insabbia, si prevarica, si gioca con le parole e si prova a farla franca, il "bravo avvocato" è quello che tira fuori dai guai un colpevole certo, il giudice da sostenere, spesso è un garantista, gli altri in genere vengono "silurati". Le segreterie perdono documenti, si scordano le notifiche e vanno alla stessa velocità di una moviola. Le pene sono solo nei codici. Nei tribunali c'è sempre "l’amico di" che può farti un favore se glielo chiedi, ma se ti chiami "Mario Rossi" probabilmente non ti ascolterà nessuno. 
Un avvocato all'inizio della propria carriera giura "di adempiere i doveri professionali con lealtà, onore e diligenza per i fini della giustizia e per gli interessi superiori della Nazione." Sullo stesso filone giurano patrocinatori, giudici e magistrati e per tutti quelli che di queste parole ne hanno fatto una bandiera, ce ne sono altrettanti che se le sono presto dimenticate. 
Lealtà, onore e giustizia si perdono tra i lunghi corridoi e le polverose aule, si perdono tra i giorni passati lì dentro, che diventeranno presto mesi e subito dopo anni, davanti a qualcuno che deciderà per te e su di te ma che spesso non saprà nemmeno come ti chiami. 
Questa non la puoi chiamare giustizia e per evitare che fatti come quelli di Milano, si ripetano, io comincerei da qui.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

18 commenti:

  1. Difficile commentare...questo episodio come altri recentemente ...mettono davvero paura perché di fronte all'instabilità della mente umana nulla possiamo fare.. altro discorso è invece quello della giustizia. Non saprei nemmeno da dove cominciare a commentare! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pene non certe e per quel poco, lente ad applicarle. Si sorvola troppo, si scusa, si giustifica e la follia non si ferma.

      Elimina
  2. Condivido quel che hai detto, Maria Elena. Le falle nei controlli ci sono, eccome. Per esempio, al Tribunale di Milano gli avvocati e i magistrati entrano senza controlli, da sempre, come se un avvocato non potesse impazzire, al pari di un cittadino normale.
    Ma voglio partire da un concetto: la vita umana non conta più niente, lo vediamo ogni giorno. Mi vendico uccidendo, mi arricchisco uccidendo, uccido chi non la pensa come me.
    E perché non conta più niente. Molto, e sottolineo molto, dipende dall'educazione. Non insegnamo più ai nostri bambini che cos'è il rispetto, l'obbedienza, l'amore per il prossimo. Certo, abbiamo tanti cattivi esempi per cui se non vieni rispettato, perché mai devi darlo, il rispetto? Ma non è la strada giusta, credo. Ognuno, nel suo piccolo, faccia il suo. Ma fin che abbiamo genitori di piccoli vandali (o di bulli) che DIFENDONO i loro figli, il mondo non sarà migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo sia possibile controllare tutto e tutti, delle falle ci saranno sempre e di certo a diffondere l'idea che la vita umana non conta niente o poco, ci ha messo del suo una giustizia che non funziona.

      Elimina
  3. La giustizia quando arriva e se arriva, lo fa con così tanto ritardo, che ha lo stesso sapore della sconfitta. Quanta verità in questa frase...
    Per entrare in banca a me fanno lasciare borsa chiavi cellulare altrimenti suono, ...poi entrano anche per fare le rapine...Come hanno fatto a passare!?!?!? Misteri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi avere anche una sentenza favorevole ma se arriva dopo decenni (e succede) che giustizia è?

      Elimina
  4. Cara mamma Piky, dici tante cose giuste, sacrosante e vere.
    Non ci si può difendere dalla follia, in nessun modo.
    Però la velocità non è tutto.
    Ci sono Tribunali in Italia in cui per fare tre udienze si aspettano quattro anni. Quattro anni.
    E altri, come quello in cui esercito io, in cui una causa dura dai tre mesi ad un anno, raramente due anni.
    Eppure anche qui ci sono cancellieri che non lavorano, giudici che troppo spesso nicchiano o passeggiano per i corridoi o hanno paura di prendere decisioni e allora si inventano decisioni che non accontentano nessuno.
    A volte, in nome della velocità.
    In nome della velocità si fa passare una legge come quella della attenuante della "particolare tenuità del fatto": come se stuprare una persona, magari perché si è incensurati, non sia grave.
    In nome della velocità si è inventato il patteggiamento, il giudizi abbreviato e i giudici di pace.
    ma non è velocità. È ingiustizia. È risparmio che si traduce in soldi in più in tasca ai politici.
    Il problema della giustizia non è il codice del 1942, ma tutte le cavolate che si inventano e che costano ai cittadini, sono fatte per fare rinunciare a recuperare crediti (perché si tratta solo di 1000 Euro, che vuoi che sia?!?), a ricorrere contro una multa ingiusta, a dividere i beni con un fratello reticente ecc.
    La giustizia manca, vero. Però quel folle non ha ucciso perché la giustizia è stata troppo lenta e macchinosa.
    ha ucciso forse P erché non era in galera, nonostante avesse fatto fallire più di una società, condannando forse altre centinaia di persone a perdere sonno e soldi e lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in ogni tua singola parola Mamma Avvocato!
      Io non sono una addetta ai lavori e non ci capisco nulla di Tribunali & co ma ci vuole poco a capire che così le cose non possono andare avanti.

      Elimina
    2. Ci tenevo molto a sapere cosa ne pensavi Mammavvocato e per certi versi mi sorprende sapere che in Italia, ci sono tribunale che vanno troppo veloce. Qui per avere una prima udienza puoi dover aspettare anche due anni. Giudici a cui viene accordato il trasferimento, poi non vengono sostituiti, si inceppa il meccanismo così tante volte e per tante di quelle sciocchezze che tutto sembra fuorché fatalità. Come fai a spiegare ad una parte che per motivi sconosciuti l'ennesimo rinvio, è di nuovo rinviato e sono passati 8 anni e non abbiamo nemmeno una sentenza di primo grado.
      Quel folle ha ucciso perché non era in galera è vero, e non era in galera perché la giustizia anche in questo caso, come in tanti altri, non ha funzionato.

      Elimina
    3. Su questo, come per il resto che hai scritto, hai perfettamente ragione, non ha funzionato. Comunque, forse in galera non ci sarebbe stato comunque. Perche anche le leggi migliori, se non le applichi e non le applichi in tempi umani, non servono a nulla.
      A volte sembra strano anche a me, che dove lavoro io si possa depositare un ricorso e avere l'udienza fissata alla settimana dopo, senza neanche il tempo di notificare alla controparte (che poi sei costretta a chiedere rinvii, pagare marche per urgenze e correre e la controparte pure), mentre nel tribunale della regione vicina, dove ho fatto pratica, ultimamente ci vogliono tre mesi. Comunque, per fortuna, non anni (quelli li impiegano solo per liquidare le parcelle degli avvocati nel patrocinio a spese dello Stato e pagare i GOT e VPO che magari sarebbe meglio non ci fossero ma, visto che ci sono, andrebbero pagati pure loro regolarmente)!
      La disparità esistente, in termini di tempi è prassi, tra un Tribunale e l'altro del Bel Paese, e' comunque segno di ingiustizia è inciviltà.
      @grazie "Mamme nel deserto" !

      Elimina
    4. Ops "in termini di tempi e prassi" ..maledetto correttore automatico!

      Elimina
  5. Sottoscrivo: capisco bene ciò che intendi!

    RispondiElimina
  6. La giustizia non esiste perchè spesso non si vuole fare giustizia. Determinati reati gravissimi cadono in prescrizione. ma scherziamo???
    In Italia la giustizia è volutamente un problema

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/abbigliamento-uguale-mamma-e-figlia/
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla prescrizione per alcuni reati ci sarebbe da scrivere un poema.

      Elimina
  7. Concordo in pieno con mamma avvocato:il tipo ha ucciso perché non era in galera. Lui aveva soldi (avariati) per restarne fuori. Come diceva Trilussa:"Le trappole so fatte per li micchi, ce vanno dentro li sorcetti poveri, mica ce vanno li sorcetti ricchi",come ci insegna la classe politica che NOI eleggiamo e che CI RAPPRESENTA nel mondo intero. Si vede che ce la meritiamo.

    RispondiElimina
  8. Io la penso come mamma avvocato.
    Un signore (signore x modo di dire) del mio paese ha fatto fallire la sua società più volte, ogni volta ne apriva una nuova, per non pagare i debiti e i creditori. Lui viveva nel lusso e si è arricchito coi soldi degli altri. E' morto impunito grazie alla giustizia lenta

    RispondiElimina
  9. Concordo in pieno con quello che hai scritto.
    Ho trovato questo blog per caso e mi piace molto: complimenti!

    RispondiElimina
  10. Sia cos' è che non sapevo che l a sorveglianza del palazzo di giustizia è a carico del comune e sai perché l ho scoperto? Perché dopo questo fatto il nostro comune ha impiegato la polizia municipale in tale sorveglianza senza che fossero adeguatamente formati e senza indicazioni precise. Il risultato vi accendeva chiunque una situazione di facciata per la cittadinanza per coprire le falle delle proprie amministrazioni.... Non c é limite al peggio

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso