VENERDI' DEL LIBRO A PROVA DI MAMMA


Ultimamente ho letto poco, dall'inizio dell'anno, una media di un libro al mese e per una che legge anche le etichette dei saponi, e' veramente una miseria. Ci provo a far meglio, ma la sera mi addormento ancor prima di averlo pensato. Detto questo però, per questo venerdì del libro, ho tre chicche: tutte e tre a tema "mamma", completamente diversi l'uno dall'altro, ma che onorano perfettamente il detto "pochi ma buoni!".

Mamma bollita, non è un libro è uno status in formato tascabile 10*12. Lo status di mamma imperfetta capace di prendersi in giro, ridere di se stessa e di tutti i suoi “guai”.
Le “bolliture” descrivono alla perfezione tutte le situazioni esilaranti, e 100% originali, in cui ognuna di noi si è imbattuta almeno una volta e a ogni pagina e a ogni frase, sento già le vostre voci che tra il sollevato e il divertito esclamano “Sì è vero! E’ successo anche a me”. La grafica è perfetta per un libro di questo genere e si adatta a essere letto e sfogliato anche tra un capriccio e l’altro…ah se cercate bene tra le bolliture, c’è anche la mia e poi in fondo al libro troverete l'iniziativa #sonobollita che non potete assolutamente perdervi!



“Mamma non si nasce” è invece la verità di Serena Sabella, che mette nero su bianco i pensieri su cui tutte noi prima o poi siam passate. 
Non è un libro dove poter trovare risposte ma dove capire che tutte ci siamo fatte le stesse domande. Serena ci racconta di come è diventata mamma, giorno dopo giorno, tra inadeguatezza e soddisfazione e con l’ironia giusta di chi sa che prendersi troppo sul serio non aiuta.

E veniamo al terzo, qui lo dico subito, si piange alla grande.
“Madri comunque” di Serena Marchi. Attraverso la voce delle protagoniste, l’autrice racconta le mille sfaccettature che può avere la maternità: chi un figlio l’ha voluto con tutto se stessa, chi l’ha cresciuto da sola, chi di diventare madre non se l’è sentita, e chi ha scelto di andare in un paese lontano per abbracciare suo figlio. Madri comunque. 

Con questo post partecipo al Venerdì del libro di Homemademamma.
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

14 commenti:

  1. Grazie, Maria Elena. Ottimi consigli. Mamma bollita è il mio preferito.

    RispondiElimina
  2. Mi manca solo l'ultimo....grazie per il consiglio!

    RispondiElimina
  3. Io leggevo davvero le istruzioni dei detersivi in bagno, ai tempi in cui lo smartphone non c'era. Ora non ho tempo nemmeno di fare pipi....Però la lettura mi manca. Ultimamente sono davvero sotto zero, ma credo che porti a pari con le nottate passate per leggere un libro, spegnendo la sveglia all'ultimo capitolo....

    RispondiElimina
  4. Ammetto che... mi sono tutti e tre nuovi... dovrò rimediare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono di tre generi diversi ma mi son piaciuti allo stesso modo!

      Elimina
  5. Devo leggere Madri comunque..mi ispira un sacco dal gio racconto!!
    Buona giornata francy

    RispondiElimina
  6. mamma non si nasce è nella mia lista, mamma comunque per ora lo lascio ma me lo segno, per momenti in cui avrò meno la lacrima facile!

    RispondiElimina
  7. Mi segno tutti i tuoi consigli, grazie!

    RispondiElimina
  8. Mammabollita ne ho sentito parlare tanto e mi incuriosisce...gli altri non li conosco ma grazie

    http://emiliasalentoeffettomoda.com/desigual-collezione-primavera-estate-2015/

    RispondiElimina
  9. Noooooo! Non puoi mettermi queste pulci nell'orecchio ora che ho già millemila libri sul comodino (o nel kindle) che mi aspettano! Vabbé segno tutto, così man mano me li ricordo! Io sono tornata a leggere ora un libro per mamme/genitori, ma di tutt'altro genere..."I no che aiutano a crescere", ne avevo sentito parlare tanto ma ero scettica invece mi ha fatto riflettere molto. Qui, passati i due anni, stiamo in piena fase capricci e soprattutto si sta formando la personalità sempre di più, lo vedo davanti agli occhi...stiamo nella nuova fase del "è mioooooo" (cosa mai accaduta prima!), delle risse con i bambini al parco....si sta trasformando in un ometto e devo capire come gestire la cosa, quindi qualche consiglio e spunto mi è utile...ma anche sapere che non sono sola a combatterci!!! Quando leggo storie di mamme simili alle mie quasi mi commuovo perché mi sento meno sola, quindi segno i titoli!

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso