SUCCEDE A DICEMBRE

Ed eccoci all'ultimo appuntamento del Succede a... un po' ne sono contenta, perché ogni cosa per essere speciale, deve evolversi e avere un fine e questa ha avuto 12 mesi per esserlo, un po' però mi dispiace perché era una sorta di agenda promemoria dove appuntavo via via i ricordi e ora dovrò inventarmi qualcos'altro per non dimenticare perché di sicuro la mente non basterà. 
Dicembre comunque non è stato un mese facile, avevo tante aspettative per via del Natale, della fine dell'anno e di tutte le feste di contorno, me lo immaginavo come un periodo pieno di serenità mentre è il caos ad averla fatta da padrone. È stato un mese passato di corsa e molto improvvisato, stancante è la parola più corretta. 

Abbiamo iniziato con un bel sabato sera passato al pronto soccorso pediatrico, è finita a male parole, con fogli sparsi per tutta la corsia e l'amara consapevolezza che l'ospedale più importante della Regione, quello nuovo di pacca e che ha costato un bel po' di soldi pubblici, non funziona, non quel reparto e non per come la vedo io per lo meno. 

Mi sono iscritta in palestra e la tessera ingressi che in mano ad uno serio, sarebbe già finita, è ancora a metà. Fossi così parsimoniosa con il bancomat, sarei ricca. 

È stato Natale e la conseguenza è che il caos ha preso il sopravvento e a casa nostra non c'è più spazio, una cosa del tipo "non venitemi a trovare che non so dove mettervi" per intenderci. 

È estate, è caldo, siamo in vacanza nel posto in cui andiamo sempre, in riva al mare, mi abbronzo e bevo cocktail. Ecco io ultimamente di notte sogno questo e non so come smettere. 

Nella frenesia della vigilia, mi sono scordata un pacco nell'armadio. Cestino l'ha scoperto e così su due piedi mi sono dovuta inventare una scusa che sembra la trama di Star Wars, ora non so come uscirne. 

Non sono andata dal parrucchiere, né per Natale né per Capodanno, fatto eccezionale anche per una come me che oramai vive scapigliata. Mi sono rifatta con una seduta completa di tinta/taglio/piega in un giorno qualunque, senza appuntamento e senza file. 

Continua la saga delle parole improponibili per la loro età, Leo ultimamente ama molto "equivalente" e "te ne sarei grato", Teresa invece ha imparato una parolaccia. 

Abbiamo passato un Capodanno molto casalingo e per movimentarlo un po’ abbiamo fatto rifornimento di fontane scoppiettanti, lanterne e stelline. Più o meno roba da bambini ma abbiamo incendiato la pattumiera e bruciato una tovaglia. 

Ho conosciuto un virus nuovo, un "simpaticone" da prendere a badilate. Ha passato con noi metà del mese di dicembre mettendo Cicina a ko. Ho studiato come colpisce e scoperto armi e trucchi. Si chiama Rotavirus e vi racconterò. Se uniamo le nostre forze, lo distruggeremo. 

Ho fatto decluttering nell'armadio, ma invece di buttare ho rimesso in pista vestiti di dieci anni fa e tutti a dirmi "carini ma dove li hai comprati?". Scusate se non ho risposto ma non è il dove bensì il "quando" a fare la differenza. 

Sono entrata per la prima volta in vita mia da Decathlon, non lo farò mai più lo giuro. Se vi state chiedendo come mai, vuol dire che non ci siete ancora entrati. 

Non ha fatto in tempo a passare Natale che già hanno iniziato con le richieste alla Befana, Cicina si è fissata con un bambolotto che non esiste: "Bello Ciccio", Cestino invece vorrebbe un film che non è ancora stato girato "I Minion 2". 
Ora chiedetemi se sono felice? ... e comunque questo è tutto e se,senza il Succede a..., non riuscirò a ricordare, di certo non potrò dimenticare.  


"Ricordare è facile per chi ha memoria, dimenticare è difficile per chi ha il cuore"

Gabriel Garcia Marquez


Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

18 commenti:

  1. che le tue vacanze fossero state più un ciclone che dei momenti di calma lo sapevo. Il quadro completo è peggiore del previsto. Solo una wondermamma come te poteva rimanere in piedi!

    RispondiElimina
  2. ciao Piky passo velocissima solo per un augurio di buon anno... a presto!!

    A.

    RispondiElimina
  3. Buon anno. Perché non ripeti l'esperienza del diario, visto che ti ha dato tante soddisfazioni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un anno per questa rubrica va più che bene, a continuare si riachierebbe di farla in automatico magari anche contro voglia e non avrebbe l'attenzione giusta. È' durata 12 mesi va bene così, se qualcuno di voi volesse raccogliere l'eredità ne sarei felice!

      Elimina
  4. buon anno!!!! i succede a ....sono stati dei bellissimiscorci della vitaditutte noi ..on sempre sono riuscitaa partecipare perchè il tempo è tiranno ma.... ho sbirciatodal buco della serratura un po nelle vite vostre e cisi sente meno sole emeno aliene!!!!! che il 2016 ti porti un succede nel 2016 riccodi felicità e serenità
    unabbraccio veroveromamma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Per me era sia un modo per ricordare ed uno per esorcizzare le tragedie del quotidiano

      Elimina
  5. Accidenti, qualcosa avevo sospettato, ma non così! Mi ricordo il tuo post sull'influenza... In ogni modo, per essere ottimista, oramai è passato, mettici una pietra sopra, tanto fa parte dell'anno vecchio! Vedrai, questo 2016 sarà un ottimo anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'influenza e quel virus malefico, ti racconterò Anna anche se ormai i tuoi nipoti con questa bestiaccia, vista l'età, non credo si incontreranno.

      Elimina
  6. ciao! Passo per farti gli auguri di Buon anno! Noo, che peccato..mi ero affezionata a questa rubrica. Anche se capisco la difficoltà dell'impegno fisso :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti passo il testimone se vuoi :-)))))

      Elimina
  7. Buon anno Piky! Purtroppo più nutriamo aspettative di ordine e serenità, più il caos la fa da padrone. L'importante, però, è che siate stati insieme!!!

    RispondiElimina
  8. NuoooooH!
    Mi piaceva tanto il succede a....
    Era come un chiacchierata con un'amica...
    Spero però che tu ti riprenda da questo mese faticoso e sia pronta per un frizzante anno nuovo...
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizio del 2016 e' stato molto frenetico ma diciamo sicuramente migliore! Speriamo di continuare

      Elimina
  9. Mi mancherà questo appuntamento, mi piaceva curiosare fra i vostri mesi!
    Buon anno ;-)

    RispondiElimina
  10. Ma perché vuoi smettere??? Io l'adoro ed è uno dei pochi punti fissi della mia vita :-D...ripensaci Piky!!
    Buon anno, un abbraccio grande!
    Ps: con marito e figlio supersportivi, da quando hanno aperto vicino casa praticamente sono socia di maggioranza di Decathlon, povera me!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Pat nessun ripensamento ma vedrai che ti troverò un altro punto fisso...ah ti sei il mio! Buon anno!

      Elimina
  11. Ciao mammapiky piacere di conoscerti, sto curiosando tra i vari blog e il tuo è davvero interessante. Mi fermerò qui da te per un po' se non ti dispiace ;)
    A presto!
    Marina

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso