LA VITA VISTA DA UN TAPIS ROULANT (notizie dal fronte)


... Ed anche la seconda tessera ingressi della palestra è andata. 

Ne sono molto orgogliosa. 

Certo, non ho la costanza che vorrei, ma a mia discolpa posso dire che d'imprevisti non sono mai a corto e che saltare la pausa pranzo a volte mi pesa. Due volte la settimana però sono qui al fronte e da questo tapis roulant osservo la vita.

Sono due le cose che mi sono divenute indispensabili: la fatica fisica, il fiato corto e il dolore dei muscoli che, mentre lavorano e tirano, paradossalmente si portano via stanchezza e malumori e poi il silenzio, che non è proprio silenzio, bensì due cuffie nelle orecchie e la mia musica preferita sparata a palla. 

Vedo gli altri parlare tra loro, socializzare e aiutarsi con consigli di fitness puro. 
Io no, non parlo con nessuno, io qui vengo per stare sola e, visto che con le parole ci lavoro, mi abbandono al silenzio (musica a parte). Perfino l'istruttrice l'ha capito e vigila su di me senza parole. 
Nel luogo dove molti vengono anche per incontrarsi e fare amicizia, io vengo per nascondermi e isolarmi dal resto del mondo, per questo motivo l'ora di pranzo è l'ideale (oltre ad essere l'unica possibile per me). 

Dal di fuori potrò pure sembrare un'asociale che va di fretta ma la realtà è che su quel tapis roulant c'è una donna felice e anche se dura un'ora, un'ora soltanto, ne vale molte di più. 

Dopo anni in cui gli unici kg che ho sollevato, sono stati quelli dei miei figli, il mio corpo chiedeva movimento e ora più ne faccio più ne sento il bisogno. 

Purtroppo non sono ancora arrivata alla preparazione che mi permetterebbe di accelerare il ritmo e correre a perdifiato come piace a me, ma in due mesi, ho raddoppiato pendenza e velocità e dimezzato i sensi di colpa ed ho il programma pretenzioso, di aumentare la frequenza nella corso del prossimo trimestre. 

A volte mi capita ancora di chiedermi "Ma quest'ora qui potrei impiegarla diversamente e meglio?" 

Rispondo di no, che non potrei, anche se stasera caro Principe la cena non darà grandi soddisfazioni e probabilmente il pane non sarà fresco di giornata.  

Benefici fisici? Si forse, anzi sì di sicuro, per lo meno se continuerò con costanza, ma alla fine, non è questo l'importante e comunque non ho più mal di schiena e la sciatica è un triste ricordo. 
Il benessere che si può avere praticando sport in realtà me lo ero dimenticato, ora però dopo due mesi o poco più da quando ho ri-indossato le sneakers, posso dire che la mattina quando con la sacca in mano chiudo il portone di casa sapendo che lo riaprirò quasi 12 ore dopo, so già che, anche per questo,  sarà una bella giornata. 
Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

22 commenti:

  1. Corsa a parte (che non mi piace) sono d'accordo con te. Anche io quando andavo a fare il corso di ginnastica mi isolavo... non mi piace chiacchierare e vedevo che le altre si distraevano, chiacchierando. Quelle due volte la settimana erano né troppo, né troppo poco, proprio il giusto.
    Spero di poter ricominciare... questo mese di febbraio, a parte l'influenza dei nipoti, ha portato anche qualche preoccupazione per la salute di mio marito, non ancora risolta, per cui tempo e voglia di andare a far ginnastica non ne ho, per ora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La corsa non piaceva nemmeno a me Anna, e ancora oggi parlare di "corsa" è pretenzioso, però ho bisogno di un'attività di scarico vero e proprio ed anche se l'ideale sarebbe correre in mezzo ai prati, il tapis roulant per ora mi aiuta. Poi oltre alla corsa c'è il sollevamento pesi (macigni sarebbe più corretto) e tra poco qualche seduta in uno di quei corsi in cui si zompetta per un'ora. Insomma sto cercando di variare mantenendo intatto il piacere di fare sport.

      Elimina
  2. E fai bene a continuare!!!
    Il movimento, lo sport, qualunque sia, è come una droga che stanca ma regala energia e buonumore.
    E poi due volte a settimana vanno benissimo, mica si può sempre saltare la pausa pranzo, non sarebbe sano e rischieresti di stufarti nel giro di qualche mese. L'ideale sarebbe fare un pò di movimento, che non sia sollevamento figli, anche uno dei due giornid i weekend...l'estate aiuterà con corse al parco, giri in bici o monopattino, pattini a rotelle o simili, escursioni nei boschi o in campagna, vero? buon tapis, allora!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il week end sarebbe l'ideale per una camminata all'aperto. Ci sto provando, tempo metereologico e libero, permettendo. Il tapis è comunque solo la fase del riscaldamento poi sollevamento pesi e macchine di sala. Vorrei aggiungere qualche corso ma non ci siamo con gli orari, vedremo.

      Elimina
  3. ecco adesso mi sento una schifosa cacchetta spiaccicata e pigra :-( uffa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come mi sentivo io fino a due mesi fa, ora che ho ricominciato sento il bisogno di continuare e spero di non stancarmi

      Elimina
  4. Risposte
    1. Se abitassi qui, ti porterei con me, nel tapis a fianco, altro che musica!!!

      Elimina
  5. vai così... quando si comincia poi non se ne riesce a fare a meno ...e ne possiamo trarre solo benefici..........!!!!! io peradesso ho ripreso corsa leggera con i passeggino.... lapalestra nomi siincastra...ma si va alal grande!!! .-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io preferirei correre all'aria aperta ma non ci sto con i tempi, la palestra è' più comoda

      Elimina
  6. Bravissima...Devo trovare "il coraggio e la motivazione" di non andare a casa dal nano mangiare con lui e metterlo a letto almeno 2 volte a settimana...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per trovare il coraggio di cui parli, ci ho messo quasi sei anni!

      Elimina
  7. Brava! Anche per me la stessa cosa. Io mi alleno a casa ma se fossi in palestra sarebbe uguale : cuffie emudicae musica a palla. E per iniziare quando il letto chiama ci vuole tanta forza.... Ma poi benedico intransigenza perché dopo sto davvero benissimo! Con la bella stagione confido in qualche sessione di tentata corsa perché sono curiosa di vedere come mi sono modificata in questi mesi di indoor!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la sera forse non ce la farei con loro per casa anche se ho scaricato la app di workout che è fortissima!

      Elimina
  8. Brava brava....siamo allineate. Anche io ho bisogno di silenzio...un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Come mi manca il movimento, il sudore, la musica...ora che il pupo ha ancora solo tre mesi non ce la posso fare, ma sto fremendo, appena molla un po' la tetta ripiombo in palestra!

    RispondiElimina
  10. Brava... io per una vita sono stata sedentaria ma la corsa mi ha stupito. Benefici di umore, soddisfazione, meno 5 kg e un sacco di grasso sulle gambe... Un momento solo per me... torno ora da un'uscita e mi sento da dio. Sono arrivata a correre senza musica, perché non mi annoio e non ho bisogno di distrarmi dalla fatica, e anche a dimenticarmi di star correndo, persa nei pensieri :-)

    RispondiElimina
  11. basta cominciare, vero? ecco, sono ancora alla primissima fase, e ti stimo molto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiorniamoci a vicenda Gab così ci motiviamo a distanza!

      Elimina
  12. Per "premiare" la tua costanza con la palestra, ho inserito il tuo post nella mia top of the post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Giulia, non mollo, non per ora!

      Elimina
  13. In palestra anch'io vado per stare con me stessa, non cerco di socializzare ma solo ritrovare il silenzio e la tranquillità.
    Io cerco di andare 3/4 volte a settimana e mi rendo conto che mi sento meglio dopo aver fatto un po' di tapis roulant e palestra.

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso