FRATELLANZA

La fratellanza e la sorellanza sono oramai a pieno regime. Arrivati a questo punto, posso dire che lui è il fratello di lei e che lei è la sorella di lui. Sotto tutti i punti di vista, e in più, che noi siamo genitori di entrambi, cosa da non sottovalutare perché rende la pratica genitoriale un tantino più complessa.

Nel corso del primo anno di Cicina, questo legame, che ovviamente c'era, non era ben definito e, a parte sprazzi di gelosia da entrambe le parti, non aveva altri risvolti. La differenza d’età, se pur minima, era sufficiente a tenerli staccati in due mondi paralleli, con esigenze e abitudini completamente diverse. Qualche incursione l'uno nel mondo dell'altro c'era, ma di breve durata e con pochi strascichi.

Ma mano che Cicina cresceva, le dinamiche tra loro, e tra noi e loro, però subivano modifiche e adattamenti inesorabili. Loro si scrutavano sempre più, anche se da lontano, e i contatti tra i loro due mondi aumentavano. I reciproci interessi però erano ancora troppo diversi per poter parlare di uno scambio vero e proprio tra fratelli.

Da oramai un anno però tutto è cambiato e il loro legame di fratello e sorella l’hanno ben chiaro in testa e, anche dall'esterno, è sempre più evidente. I loro mondi si mescolano di continuo e più si conoscono più diventano fratelli. 
Ora se sei genitore di fratelli, hai delle pratiche nuove da sbrigare e anche quelle vecchie, per essere affrontate, richiedono un approccio differente. 
La prima cosa che viene in mente parlando di fratelli sono i LITIGI. 
I litigi assomigliano molto al mistero dei cerchi di grano, non si sa da dove vengano, chi li porti e soprattutto perché. Tuttavia, nel rapporto di fratellanza, sono inevitabili. Cercare di capirne le dinamiche e i perché, è del tutto inutile. Un litigio è sempre fine a se stesso e quello successivo non sarà mai uguale a quello precedente, per cui cercare di fare esperienza sul campo, non serve a nulla. Sono arrivata alla conclusione che il litigio faccia parte della conoscenza tra persone che tengono l’una all’altra e che meno m’intrometto meglio è.

Essere fratelli racchiude in se anche il concetto di CONDIVISIONE. Non solo dei genitori ma anche dello spazio, del tempo e delle amicizie. Condividere non è mai facile, nemmeno da adulti, alla loro età poi, in cui si sentono al centro del mondo, è complicatissimo. Condividere lo spazio, nel nostro caso significa, un’unica cameretta per entrambi ed una stanza da gioco dove Cicciobello deve coesistere con Capitan America e similari. La Condivisione porta a volte allo scambio e lo scambio, a sua volta, porta al litigio. Condividere le amicizie invece significa conoscere tanti bambini, di tutte le età, confrontarsi con ognuno e partecipare al doppio dei compleanni. Uno spasso.

Essere fratelli significa ADATTARSI perché non sempre si può fare ciò che piace e perché ci sono dei momenti in cui la priorità è per l’uno o per l’altro. Adattarsi, secondo me, è più complicato che condividere, perché l’adattamento presuppone sempre che uno dei due, in alcuni momenti, debba mettersi da parte e lasciare spazio alle esigenze dell’altro e per un genitore lo scatto del senso di colpa è automatico.

Infine essere fratelli significa IMPARARE, nel bene e nel “male”, il lecito e l’illecito. Un fratello è un esempio. Sempre. Lo è il più grande per il più piccolo che decide di imparare a scrivere perché vede l’altro farlo, ma lo è anche il più piccolo per il più grande, che mette su un capriccio nato dal nulla.

E’ scontato dire che essere fratelli significa anche AMARE e amare tanto. Vedere lui leggere a lei le storie che fino a ieri leggevo io, vedere lei sistemare a lui, i vestiti che ha lanciato sul pavimento. Vederli regalarsi i rispettivi giocattoli, per poi piantare una grana per riaverli indietro. Scoprirli nascosti tutti e due nell’armadio, ascoltarli confabulare contro l’ordine famigliare, discolparsi a vicenda, vederli ADATTARSI, IMPARARE, CONDIVIDERE e poi LITIGARE.


Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

7 commenti:

  1. Hai fatto una gran bella analisi. Io sono figlia unica, ma ho sempre voluto un fratello o una sorella. Ora, quando guardo i miei nipoti litigare ma poi cercarsi, confabulare e poi piangere, leggere le favole all'altra, tirare su i panni di lui (sì sì, proprio come da te, uguale) ho ancora più nostalgia di quel fratello mai avuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avere un fratello o una sorella, è una tale ricchezza! E poi è bello Anna vedere che mentre crescono loro, cresce anche questo rapporto fatto di complicità e conflitti ma gli uni e gli altri, dicono tutti la stessa cosa: che non saranno mai soli

      Elimina
  2. Vero, verissimo. Hai scritto un post meraviglioso Piky!
    I miei monelli si relazionano e "sono fratelli" molto di più adesso rispetto a qualche tempo fa non solo perchè sono cresciuti anagraficamente ma anche proprio grazie ai passi avanti fatti nel percorso terapeutico per il loro disturbo.
    Ma il post mi piace anche perchè mi fa pensare al rapporto di "fratellanza" tra me e mio fratello, pur se adesso siamo adulti ovviamente, ma siamo stati piccoli anche noi ;) :)
    Con lui sono legatissima, a maggior ragione oggi che non ci sono più i nostri genitori.

    Baci a tutti voi lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la "fratellanza" sia un rapporto che si costruisce, matura e si evolve con il tempo, come tutti gli altri rapporti. Tra tutti però forse è il più speciale perché ti accompagna fin dall'inizio della vita...di sicuro è uno dei più complessi ma dal quale si riceve maggiormente

      Elimina
  3. Non vedo l'ora che la fratellanza e sorellanza si manifesti anche tra i miei...poi però dovrò sorbirmi un sacco di litigi, lo so!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della tua esperienza voglio sapere, perché qui non si parla di fratellanza base, ma addirittura a tre e due gemelli...sarà di sicuro un rapporto speciale. Raccontaci.

      Elimina
  4. Le mie si amano tantissimo, litigano poco, vivono in simbiosi, hanno un rapporto davvero speciale che spero le accompagni per tutta la vita

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso