LA MODA E ALTRE NOVITA'


È un periodo di grandi cambiamenti per Leo, crescita e novità sono all’ordine del giorno e sempre più evidenti e importanti. 

“Ma dai! Non mi dire?!? Cambiamenti nei bambini non si è mai visto!!!”

E ‘ovvio lo so, ma che ci posso fare se ad ogni evoluzione/involuzione, modifica, novità e similari che li riguardano, io mi ritrovo con occhi sgranati e faccia d’ebete? Ecco io faccio l'emancipata e la sveglia ma su tanti fronti, non sono una mamma pronta e nemmeno scaltra.

Allora dicevamo: cambiamenti, in diversi campi molto variegati e distanti tra loro. Analizziamoli.

LA MODA. 
È arrivata la moda a casa mia, così di colpo senza preavviso e più che altro senza che io fossi preparata. 
La commessa me l'ha spiegata così “E’ arrivata la pre-adolescenza”.  L’ho fulminata con lo sguardo e mentalmente l’ho mandata a quel paese. 
Ma che siamo matti!!! Preadolescenza dove? Non vedi che è un bambino di quasi nove anni? Fino a ieri lui poteva uscire anche in pigiama! ...ecco appunto “fino a ieri”. 
Oggi invece mi tocca andare in giro a cercare la maglietta bicolore con le maniche fatte in un certo modo perché sembra che le magliette siano due, una sovrapposta all’altra. E poi i pantaloni...ma no quelli eleganti eh…nemmeno quelli della tuta però, e che non siano jeans ma bicolore come la maglia. 
Non ci crederete abbiamo girato un pò ma siamo riusciti a trovare sia l’uno che l’altro!

LA SCUOLA. 
Siamo in terza…” No, lui è in terza!” …” No ho scritto giusto, "Siamo in terza", io e lui, ed ogni giorno combattiamo la guerra dei compiti”. 
Non me lo dite, la conosco quella storia che bisogna che facciano da soli, che si responsabilizzino e bla bla bla…ma Leo, se non urlo, stra-urlo e minaccio, nemmeno lo zaino aprirebbe, figuriamoci scrutarne il contenuto. 
Comunque la novità è un'altra e sta nei compiti che sono cambiati rispetto alla seconda.  Ovviamente sono di più ma più che altro sono diversi. Si inizia a studiare, storia, geografia, scienze, e poi i temi e le prime espressioni. Gli piace, lo vedo entusiasta, una volta che ha iniziato, va senza pensieri…il problema rimane sempre quello, convincerlo ad iniziare e su questo punto non ci sono novità rispetto all’anno scorso.

LO SPORT
Finalmente è arrivata la consapevolezza. Prima lo sport era solo gioco, movimento, sfogo, oggi inizia ad essere qualcosa di più. Fa capolino la competizione e la voglia di far meglio e di imparare. Inizia a provare a casa, si guarda allo specchio per capire se sta facendo bene, controlla la posizione e soprattutto ci mette la forza di volontà, l’unica che serva davvero.

AUTONOMIA E PAROLE. 
Ha imparato finalmente ad allacciarsi le scarpe, si alza si veste e si prepara completamente da solo (finalmente!). Sto diventando per lui “inutile” in tantissime cose e voglio piano piano diventarci sempre di più e poi parla, racconta, si spiega, e ragiona ad alta voce, domande no, ne fa poche, per lo meno a parole, e da solo sempre più spesso va a caccia di risposte.


Share on Google Plus

About mammapiky

    Blogger Comment
    Facebook Comment

15 commenti:

  1. ed è un maschio! Pensa le femmine!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho anche la femmina infatti ma con lei combatto la battaglia vestiti già da anni...ed è più piccola del fratello!!!

      Elimina
  2. Ahhh si cresce e si diventa grandi! Anche per te nuove avventure: quindi vai e fai da apri pista 🤣🤣🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le avventure mi sa che qui non finiscono mai...belle per carità ma a me piacerebbe anche una vita più monotona

      Elimina
  3. Però che bello vedere come stanno crescendo con la loro personalità, i loro gusti, le loro passioni. Ma che fatica eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La questione sport è quella che mi ha colpito di più..fino a ieri lo sport era gioco oggi è diventato di più. Bello!

      Elimina
  4. Il discorso compiti, se d un lato mi fa sentire meno sola a combattere questa guerra quasi quotidiana, dall'altra non mi consola perché dubito cambierà presto, anche qui. Su autonomia grandi progressi anche a casa nostra, mentre per lo sport già c'eravamo. Quanto alla moda, il ricciolino è sempre stato fissato con le sue idee e persevera, però non derivano da ciò che vede negli altri, ha proprio una sua idea di stile è solo quella segue! No, preadolescenza a nove anni, non se ne parla!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui compiti mi è rimasta solo la rassegnazione come strada percorribile....le altre le ho provate tutte!

      Elimina
  5. Io adoro vederli crescere, diventare indipendenti giorni dopo giorno, cercare il loro spazio nel mondo. Lo sport finalmente lo praticano in modo serio e sono entrambi entusiasti. L’abbigliamento si fidano ancora di ciò che gli compro, ma al grande (4a elementare) piacciono jeans, camice e maglioni. Per i compiti hanno bisogno ancora del mio aiuto visto che quest’anno abbiamo tedesco e italiano da imparare, oltre storia e geografia da studiare. Vabbè, la noia questa sconosciuta! 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tedesco alle elementari è fighissimo...qui a mala pena insegnano un pò di inglese, tipo un'ora poco più a settimana

      Elimina
  6. Sono ancora lontana dal tunnel dei compiti ma già tremo al pensiero...
    Ma crescono troppo in fretta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un anno dura un battito di ciglia, due poco più e anche il resto è veramente veloce....tra un pò compiti per tutti!!! Contenta vero?!?! ;-))))))))))))

      Elimina
  7. Ecco, anticipi il mio post su Leo che uscirà domani o dopodomani al massimo. I due Leo si stanno diversificando (ti ricordi quant'erano simili?) ma devo anche dire che il tuo è in terza, il mio Leo è in quinta. E due classi, più che l'anno che li separa (Leonardo compie 10 anni la prossima settimana) fanno la differenza.
    Però io, come te, rimango a bocca aperta un giorno sì e uno pure...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere e vedere che combina quel Leonardo là!!! ;-)))))))))))

      Elimina
  8. Anche io.. ad ogni cambiamento mi sento sempre impreparata e lo guardo un po’ stordita!!!! La terza è proprio l’anno in cui diventano grandi!!!

    RispondiElimina

Con un commento mi regalerai un sorriso